Usain Bolt ancora fermo ai box: "Sono indietro con gli allenamenti"

Il giamaicano deve rinunciare ai meeting di Ostrava e Parigi.

L'anno scorso la partecipazione di Usain Bolt al Golden Gala Pietro Mennea, a Roma, attrasse moltissimo pubblico, riempì lo Stadio Olimpico che era tutto per lui anche se nella sua gara, i 100 metri, fu battuto da Justin Gatlin. Quest'anno non è potuto venire e la sua assenza si è sentita moltissimo, tanto che nonostante le stelle non mancassero sia dell'atletica mondiale sia di quella italiana, il pubblico era quasi dimezzato.

Purtroppo i fan di Usain Bolt dovranno pazientare ancora qualche mese prima di rivederlo in pista poiché ieri è stato lui stesso ad annunciare attraverso i social network che non parteciperà né al meeting di Ostrava del 17 giugno, né a quello di Parigi del 5 luglio.

Il giamaicano ha spiegato a tutti i suoi numerosissimi follower qual è il problema e cioè che è indietro con la preparazione. Ecco il suo post:


In pratica Bolt spiega che tra la fine di marzo e l'inizio di aprile ha dovuto saltare alcuni allenamenti a causa di un infortunio. Si trattava di un'infiammazione al piede che ha curato a Monaco d Baviera con il suo dottore di fiducia Hans-Wilhelm Müller-Wohlfahrt (il medico del Bayer Monaco). Ora il suo piede è guarito al 100% e ha ricominciato ad allenarsi a pieno regime, ma è in ritardo rispetto alla sua solita tabella di marcia, quindi rispetto agli altri anni non è dove vorrebbe essere a inizio giugno e questo lo costringe a saltare i meeting di Ostava e Parigi, due grandi eventi a cui ha partecipato in passato e ai quali spera di prendere parte molte altre volte in futuro, anche perché ha molti fan in entrambe le città.

Bolt spiega anche che spera di poter tornare a gareggiare presto, ma tutto dipenderà dagli allenamenti delle prossime settimane, inoltre, dice, per lui è importante prendersi il suo tempo perché davanti a lui ci sono tre anni molto difficili da affrontare, cioè il 2015, 2016 e 2017, durante i quali vuole difendere i suoi titoli olimpici e mondiali.
Il giamaicano chiude poi con la promessa che sicuramente entro l'anno tornerà a gareggiare e continuerà a lavorare duramente con il suo allenatore che ha la massima fiducia in lui ed è ottimista riguardo all'ipotesi di rimetterlo in forma e pronto a competere di nuovo ad alti livelli.

Di fatto Bolt non gareggia dal 6 settembre 2013, quando ha vinto la finale dei 100 metri alla Diamond League di Bruxelles in 9' 80", poi ha partecipato a un'esibizione correndo contro un bus a Buenos Aires il 14 dicembre 2013 (video in alto) e da allora non lo abbiamo più visto correre. Se non parteciperà ai Giochi del Commonwealth in programma a Glasgow tra la fine di luglio e i primi di agosto, le speranze di rivederlo in pista si concentreranno tutte sul meeting di Varsavia del 22 agosto e di Zurigo il 28 agosto.

Usain Bolt in ritardo con la preparazione

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail