Giro del Delfinato 2014: bis di Froome con Contador a ruota. Nibali sesto

Dominio in salita di Chris Froome nella seconda tappa del Critérium du Dauphiné.

Chris Froome si tiene stretta la sua preziosa Maglia Gialla anche se ancora è quella del Giro del Delfinato e non del Tour de France, ma l'impressione è che in entrambi i casi sia sempre il principale favorito.

Oggi il britannico di origine keniana ha dato un'altra prova della sua superiorità: dopo la vittoria nella crono di ieri ecco quella nella prima tappa con arrivo in salita sul Col du Béal. L'unico che riesce a tenergli testa, ma solo restandogli a ruota e non superandolo, è Alberto Contador, che è arrivato secondo sia ieri sia oggi.

Vincenzo Nibali, ottavo nella crono, oggi è arrivato sesto ed è sesto anche in classifica generale con 50" di ritardo, non è certamente ancora ai livelli di Froome e Contador, ma considerato che manca ancora quasi un mese all'inizio del Tour si può essere ottimisti.

Giro del Delfinato 2014: percorso, altimetria delle tappe, start list ufficiale

La tappa di oggi è stata caratterizzata da una fuga di cinque corridori cominciata praticamente subito, si tratta di Thomas Damuseau della Giant-Shimano, Kevin Reza della Europcar, Alexis Gougeard dell'Ag2r-La Mondiale, Alessandro De Marchi della Cannondale e Matthias Brändle della IAM.

Reza è stato il più bravo su tutti i primi cinque gran premi della montagna odierni e cioè sulla Côte de Saint-Marcel-l'Éclairé di seconda categoria (5 km al 6,1% di pendenza media), poi sulla Côte d'Albigny di quarta categoria (2,3 km al 5,5%), la Côte de Bard di seconda categoria (6,3 km al 5,3%), poi il Col de la Croix de l'Homme Mort di seconda categoria (5,6 km al 5,6%) e infine sul Col des Pradeaux di terza categoria (7,3 km al 3,6%).

La tappa in totale è stata lunga 156 km e i fuggitivi sono stati ripresi a 8,5 km dalla fine, tutti tranne Alessandro De Marchi che aveva a quel punto 52" di vantaggio sugli altri, ma a 7,7 km dal traguardo è stato ripreso anche lui e sono cominciati una serie di attacchi e contrattacchi nel gruppo della Maglia Gialla che era rimasta con un solo compagno di squadra, Mikel Nieve. C'è stata molta selezione, poi ai -5 km è partito l'attacco di Froome e solo Contador è riuscito a rimanergli a ruota fino alla fine, senza mai riuscire a sferrare un suo attacco per superarlo e accontentandosi anche oggi del secondo posto, al terzo, invece, il bravo Wilco Kelderman, reduce dal Giro d'Italia.
C'è da fare anche una considerazione e cioè che Froome e Contador negli ultimi km non sono andati proprio a tutta, quindi avrebbero potuto avere anche distacchi maggiori.

Chris Froome ha vinto anche la seconda tappa del Delfinato

Ecco le prime dieci posizioni della classifica della tappa di oggi:


    1) Chris Froome (GBr) Sky
    2) Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo s.t.
    3) Wilco Kelderman (Ned) Belkin +4"
    4) Jurgen Van Den Broeck (Bel) Lotto Belisol +10"
    5) Andrew Talansky (USA) Garmin-Sharp +12"
    6) Vincenzo Nibali (Ita) Astana +27"
    7) Igor Anton (Spa) Movistar +40"
    8) Adam Yates (GBr) Orica-GreenEdge +42"
    9) Sebastien Reichenbach (Swi) IAM Cycling +44"
    10) Daniel Navarro (Spa) Cofidis +45"

E questa la classifica generale dopo due tappe con gli abbuoni:


    1) Chris Froome (GBr) Sky 4 h 37' 44"
    2) Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo +12"
    3) Wilco Kelderman (Ned) Belkin +21"
    4) Andrew Talansky (USA) Garmin-Sharp +33"
    5) Jurgen Van Den Broeck (Bel) Lotto Belisol +35"
    6) Vincenzo Nibali (Ita) Astana +50"
    7) Haimar Zubeldia (Spa) Trek Factory Racing +1' 22"
    8) Jakob Fuglsang (Den) Astana +1' 22"
    9) Adam Yates (GBr) Orica-GreenEdge +1' 31"
    10) Tanel Kangert (Est) Astana +1' 35"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail