World League Volley 2014: la giovane Italia di nuovo ko in Polonia

Gli azzurri senza i "big" hanno perso in quattro set.

Se a Katowice nonostante la sconfitta al tie-break la giovane Italia messa in campo da Berruto ci era tutto sommato piaciuta, quella che stasera ha perso a Lodz è stata molto meno brillante. Gli azzurri, che come abbiamo ricordato più volte per questa trasferta in Polonia e anche per la prossima in Iran, sono privi dei titolari che hanno conquistato sei vittorie consecutive, oggi si sono fatti sorprendere dall'inizio sprint dei padroni di casa, sono stati molto meno combattivi e alla fine hanno ceduto in quattro set.

Come ben sappiamo per l'Italia nulla è compromesso, perché oltre a essere sicura di partecipare alla fase finale della World League 2014 in qualità di Paese organizzatore, ha anche accumulato talmente tanti punti nelle prime sei gare (punteggio pieno, senza mai andare al tie-break) da essere certa anche del primo posto nella Pool A. Gli azzurri infatti hanno ben 19 punti, ossia 11 in più di Brasile e Polonia che sono a 8 lunghezze e lottano per qualificarsi, mentre l'Iran è a 7 punti.

I ragazzi di Stéphane Antiga stasera sono partiti benissimo arrivando al primo time-out tecnico sull'8-2. Nella pausa Mauro Berruto ha urlato moltissimo chiedendo ai suoi di non sbagliare almeno le cose semplici e al rientro in campo glia azzurri hanno subito recuperato qualche punto e sono riusciti ad avvicinarsi fino al 22-20, poi però i padroni di casa hanno guadagnato tre set-point e se ne sono fatti annullare solo uno chiudendo il parziale sul 25-22.

Molto equilibrato il secondo set con le squadre in lotto punto a punto dall'inizio alla fine, mai distaccate per più di due punti, la Polonia, galvanizzata dal set di vantaggio e dal calorosissimo tifo casalingo (lì il volley è lo sport nazionale, molto più importante del calcio), ha conquistato due set-point e anche in questo caso l'Italia ne ha annullato solo uno prima che Mika chiudesse sul 25-23.

Nel terzo set è arrivata la riscossa azzurra che dopo essersi trovata sotto 4-1 come nel primo parziale è stata richiamata in panchina da Berruto, che ha sfruttato subito un time-out discrezionale per evitare che il distacco dilagasse. Al rientro in campo i suoi ragazzi hanno recuperato tutti i punti fino al 7-7 e al time-out tecnico la Polonia ci è arrivata con un solo punto di vantaggio (8-7), poi alla seconda pausa obbligatoria è stata l'Italia a trovarsi sul +1 (15-16), poi è riuscita a mantenere sempre uno-due punti di vantaggio fino a chiudere sul 23-25.

La rimonta però non è riuscita agli azzurri perché nel quarto set si sono completamente persi e a nulla sono servite le indicazioni di Berruto: la Polonia si è ritrovata avanti 8-6 al primo time-out tecnico, poi 16-9 al secondo e infine ha dilagato chiudendo sul 25-15.

Tutto sommato l'Italia "B" torna a casa con almeno un punto e di certo gara 1 a Katowice è stata molto convincente, tanto da non far rimpiangere i titolari. Oggi invece la loro assenza si è fatta sentire, nonostante Luca Vettori abbia messo a segno 21 punti da solo, gli stessi del polacco Mika la cui squadra ha vinto con uno scarto totale di 13 punti.

Polonia-Italia a Lodz | Tabellino


Italia B sconfitta in Polonia

Polonia-Italia 3-1 (25-22, 25-23, 23-25, 25-15)

Polonia: Klos 11, Wlazly 11, Buszek 15, Wrona 11, Drzyzga , Mika 19, Zatorski (L). Konarski , Kurek, Zygadlo. Ne: Nowakowski, Winiarski. All. Antiga

Italia: Buti 9, Vettori 21, Lanza 6, Piano 6, Baranowicz 1, Randazzo 8, Giovi (L). Maruotti 9, Sabbi 2, Corvetta, Colaci, Beretta. All. Berruto

Arbitri: Azevedo (Portogallo), Labasta (Repubblica Ceca)
Spettatori: 12.000
Durata set: 28’, 33’, 33’, 24’
Polonia: bs 16 a 4 mv 13 et 31
Italia: bs 17a 5 mv 5 et 23

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail