Basket NBA: Miami Heat, è la fine di un'era? I Big Three potrebbero lasciare

Mentre i San Antonio Spurs ed il nostro Marco Belinelli si preparano alla grande festa ed alla consueta parata per le vie della città texana, programmata per domani, per i Miami Heat è tempo di domande e di iniziare a pensare al futuro. Quattro finali consecutive e due titoli sono un risultato da incorniciare, ma l’era dei Big Three potrebbe essersi chiusa sul parquet dell’AT&T Center. LeBron James, Dwayne Wade e Chris Bosh hanno tutti la possibilità di uscire dal loro contratto e cercarsi una nuova sistemazione.

Lo faranno? E’ una domanda alla quale nessuno ha ancora una risposta sicura, ma certamente queste finali hanno detto che la squadra attuale non basta per vincere. E questo sarà un punto focale nella discussione, perché ovviamente non giocheranno mai (soprattutto LBJ) in una squadra in cui non possono competere per l’anello. “Parlerò con la società e poi deciderò”, le uniche parole rilasciate dal ‘Prescelto’ sull’argomento. C’è Cleveland pronta a riabbracciarlo, così come buona parte delle franchigie NBA.

Nel frattempo, la diaspora è già cominciata: Shane Battier ha annunciato il ritiro e, secondo le indiscrezioni, lo farà a breve anche Ray Allen, unico degli ‘altri’ a dare qualcosa contro i texani, seppur troppo a sprazzi. Nei giorni scorsi si era parlato di una fantascientifica idea di farli diventare da Big Three a ‘Big Four’ con l’arrivo di Carmelo Anthony. Tutti dovrebbero però ridursi lo stipendio ed, inoltre, non è così sicuro sia la soluzione adatta. Il pallone è sempre uno e non sarebbe per nulla facile gestire almeno due giocatori abituati ad averlo in mano nei momenti caldi.

2014 NBA Finals - Game Five

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail