Giro di Svizzera 2014, sesta tappa, tris italiano: vittoria per Matteo Trentin davanti a Bennati e Gavazzi (VIDEO)

Gli italiani (di tre squadre diverse) hanno dominato la sesta tappa del Tour de Suisse.

Che giornata per l'Italia al Giro di Svizzera! Sul podio tre italiani di tre squadre diverse, più un altro in top ten, Sacha Modolo, che aveva vinto ieri. Il più bravo oggi è stato Matteo Trentin dell'Omega Pharma - Quick Step, la squadra di colui che è ancora leader della corsa, Tony Martin, il cui lavoro oggi è stato fondamentale per portare Trentin al successo.
Al secondo posto si è piazzato Daniele Bennati della Tinkoff-Saxo, mentre Francesco Gavazzi dell'Astana è arrivato terzo. Solo quarto Ben Swift nonostante un gran lavoro del suo Team Sky, e quinto Peter Sagan della Cannondale che si è reso protagonista di un incredibile attacco negli ultimi chilometri.

Nella tappa di oggi da Büren an der Aare a Delémont, lunga 184 km con quattro gran premi della montagna, il primo tentativo di fuga è stato avviato all'inizio della tappa da Lloyd Mondory (AG2R La Mondiale), Laurent Didier (Trek Factory Racing), Simon Clarke (Orica GreenEdge), Benjamin King (Garmin-Sharp), Jacopo Guarnieri (Astana) e Daniel Teklehaimanot (MTN-Qhubeka), ma il gruppo li ha ripresi subito.

Dopo una quindicina di chilometri ci hanno provato Vladimir Isaichev (Katusha Team), Michael Albasini (Orica-GreenEdge), Jacopo Guarnieri (Astana), Jonathan Fumeaux (IAM Cycling) e Jacobus Venter (MTN-Qhubeka). Danilo Wyss (BMC) ha cercato di raggiungerli, ma senza successo, poi anche Fumeaux è rimasto indietro rispetto agli altri fuggitivi che invece sono stati ripresi tutti solo a una quarantina di chilometri dalla fine, Albasini per ultimo.

Ci sono poi stati una serie di attacchi in testa al gruppo tra cui quelli di Warren Barguil della Giant-Shimano con Bjorn Thurau della Europcar, durato poco perché il Team Sky ha fatto un gran forcing per riprenderlo. Ci ha provato poi Mathias Frank della IAM, diventato papà un paio di giorni fa, ma che ha deciso di rimanere in gara perché è in lotta per la maglia bianca e blu destinata al miglior svizzero. Frank è stato raggiunto da Thibaut Pinot della FDJ, ma poi una attacco di Peter Sagan ha scombinato tutto, tanto che neanche le moto della tv riuscivano a stargli dietro. Lo slovacco è stato raggiunto a 3 km dalla fine da Marcus Burghardt della BMC, poi a loro si sono uniti, Aleksandr Kolobnev della Katusha e Nathan Brown della Garmin-Sharp, ma sempre il Team Sky ha fatto in modo che il gruppo li riprendesse e alla fine Tony Martin ha preso in mano la situazione, ha fatto un po' di selezione con un suo velocissimo attacco e alla fine in volata ha vinto Matteo Trentin.

Giro di Svizzera 2014: percorso, altimetria delle tappe, start list

Matteo Trentin

Le prime dieci posizioni della sesta tappa tutti con lo stesso tempo:


    1) Matteo Trentin (Omega Pharma-Quick Step) 4h 43' 19"
    2) Daniele Bennati (Tinkoff-Saxo)
    3) Francesco Gavazzi (Astana)
    4) Ben Swift (Team Sky)
    5) Peter Sagan (Cannondale)
    6) Sacha Modolo (Lampre-Merida)
    7) José Joaquin Rojas (Movistar)
    8) Stefan Dillier (BMC)
    9) Sergio Henao (Team Sky)
    10) Tosh Van Der Sande (Lotto Belisol)

E questi i primi dieci della classifica generale quando mancano tre tappe:


    1) Tony Martin (Omega Pharma-Quick Step)
    2) Tom Dumoulin (Giant-Shimano) +6
    3) Peter Sagan (Cannondale) +10
    4) Bauke Mollema (Belkin) +17
    5) Tom-Jelte Slagter (Garmin-Sharp) +23
    6) Davide Formolo (Cannondale) +27
    7) Ion Izaguirre (Movistar) +27
    8) Roman Kreuziger (Tinkoff-Saxo) +28
    9) Matthias Frank (BMC)+29
    10) Mattia Cattaneo (Lampre-Merida)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail