Un weekend di immersioni all'Isola d'Elba

Se siete alla ricerca di idee su come trascorrere i prossimi "ponti" del 25 aprile o del primo maggio, una proposta interessante potrebbe essere quella dell'Isola d'Elba.

L' Elba e' l' isola piu' grande dell' Arcipelago Toscano, le sue coste si allungano per 147 chilometri e la vicinanza al continente (circa 10 chilometri) la rende una meta facilmente raggiungibile anche per vacanze di breve durata. L'intero tratto di costa dell'isola è sotto la tutela del Parco Nazionale Arcipelago Toscano che ha istituito diverse zone marine protette, all'interno delle quali è assolutamente vietata la pesca rendendole così mete ideali per le immersioni subacquee.

Tutta la zona sud dell'isola è una delle parti più belle dove fare immersioni ed è possibile vedere la Secca di Reamiolo, la corbella, Sassi neri, Capo fonza ( interna ed esterna), le cannelle, Capo Calvo. La piu' bella immersione come quantità di pesce, è lo scoglietto di portoferraio dove è possibile ammirare barracuda stanziali, cernie, murene e tantissime altre varietà di pesce.

Se invece siete amanti dei relitti vi consiglio di immergervi poco lontano da Capo Calvo dove alla profondità di -12 metri c'è il relitto di un aereo da turismo quasi interamente ricoperto da spugne ma ancora in buone condizioni.

Quasi tutte le immersioni che l'Isola d'Elba ci offre , si svolgono all'interno della curva di sicurezza e sono quindi accessibili a tutti i subacquei in possesso di brevetto di secondo livello.

Per quanto riguarda le immersioni sul versante nord dell'isola si trova diving in elba che ha le sue sedi a Portoferraio, Biodola e Procchio, mentre per il versante sud il diving Blueimmersion sembra essere una buona scelta. Non avendoli sperimentati non siamo in grado di dare giudizi, pareri ben informati dei lettori sono benvenuti.

  • shares
  • Mail