Stabile il numero di infortuni sugli sci, almeno in Svizzera.

Secondo quanto riportato da Swissinfo il numero degli incidenti con gli sci o snowboard, e dei relativi infortuni, è stabile da otto anni a questa parte. Secondo gli autori dell'inchiesta, si denotano comunque ferite più serie alla tibia e al polso dall'introduzione degli sci carving. Con questo tipo di sci numerose persone incontrano maggiori difficoltà a controllare la loro velocità. A detta dello studio non è tuttavia necessario andare molto veloce per cadere e farsi male: in effetti la maggior parte di incidenti avvengono a una "velocità media" e quando le condizioni di visibilità e di neve sono cattive.

In base alle indicazioni raccolte da alcuni ospedali, non esiste una causa principale all'origine degli incidenti con sci o snowboard. I fattori che entrano in gioco sono diversi: alcuni comportamenti e determinate condizioni come la cattiva visibilità, le piste ghiacciate e l'utilizzo inadeguato del materiale aumentano tuttavia il rischio di caduta.

Per i praticanti dello snowboard, il rischio di lesioni è più elevato quando affrontano una pista ghiacciata a una velocità media o ridotta e in cattive condizioni meteorologiche. L'assenza del casco in questo caso aumenta ancora di più la probabilità di finire all'ospedale, anche se - sottolinea l'indagine - in generale chi fa snowboard si protegge meglio degli sciatori.

Secondo l'analisi, solo il 15 % degli incidenti sono dovuti a uno scontro con un'altra persona o con un elemento presente sulla pista, i rimanenti sono causati da un errore individuale: circa il 20 % delle persone interrogate ha ammesso di aver consumato alcool sulle piste e il 16 % di aver fumato uno spinello.

  • shares
  • Mail