World Grand Prix 2014: Italia ko con la Turchia e fuori dalla Final Six, ma per il Mondiale torna Leo Lo Bianco

L'infortunio di Francesca Ferretti ha messo in allarme il ct Bonitta che richiama lo storico capitano della nazionale, Leo Lo Bianco.

Per la nazionale italiana di pallavolo femminile l'avventura nel World Grand Prix 2014 finisce qui, con la sconfitta per 3-1 subita a Kaliningrad contro la Turchia che preclude l'accesso alla Final Six che era già parecchio compromesso prima di questo match. Ma a preoccupare il ct Bonitta non è l'aver perso contro la più esperta squadra di Massimo Barbolini, quanto gli infortuni con cui deve avere a che fare.

Oggi abbiamo visto in campo un'altra scena che non ci è piaciuta per niente: nel secondo set sul 16-15 per la Turchia, dopo un punto dell'Italia Monica De Gennaro si è accasciata per terra, lo staff medico ha provato ad aiutarla, ma è uscita fuori dal campo non propriamente sulle sue gambe. Non ha subito traumi o strappi, sembrava un mancamento o un problema di respirazione. In questi giorni purtroppo di scene simili ne abbiamo viste altre, abbiamo ancora in mente quella di ieri, quando è stata la palleggiatrice Francesca Ferretti a uscire dal campo aiutata perché non riusciva a poggiare il piede a terra a causa di un problema al ginocchio destro per il quale domani si sottoporrà a risonanza magnetica.

Per questo il ct Marco Bonitta ha già deciso di convocare Leo Lo Bianco, la storica capitana e regista della nazionale che torna in azzurro accolta a braccia aperte dalle compagne e dai tifosi che hanno sempre continuato a desiderare di rivederla con quella maglia che ha indossato più di qualunque altro atleta italiano.

Tornando alla partita, Bonitta come sestetto titolare oggi ha schierato Noemi Signorile al palleggio, Valentina Diouf opposto, Caterina Bosetti e Francesca Piccinini in banda, Sara Bonifacio e Cristina Chirichella al centro e Monica De Gennaro come libero, tenendo dunque ancora a riposo Valentina Arrighetti, altro elemento di cui in queste ultime due partite si sente terribilmente la mancanza e che dobbiamo assolutamente recuperare al massimo della forma per il Mondiale.

Nel primo set la Turchia ha cominciato subito bene volando al primo time-out tecnico sull'8-4, le azzurre hanno dimezzato lo svantaggio (7-9), poi hanno di nuovo lasciato andare via le avversarie fino al +7 (13-20), ma poi sono riuscite a riavvicinarsi fino al -2 grazie a Diouf e Chirichella (12-23), ma alla fine le ragazze di Barbolini hanno chiuso sul 25-23.

Nel secondo set c'è stato equilibrio fino all'11-11, poi la Turchia si è portata sul +4 al secondo time-out tecnico (16-12) ma l'Italia ha rimontato nonostante lo shock per il malore di De Gennaro. Sono state a un passo dalle avversarie fino al 17-18, poi le turche hanno trovato l'allungo decisivo per chiudere sul 25-19.

Finalmente nel terzo set l'Italia sfodera la sua faccia più bella, come aveva fatto ieri contro la Germania, quando ha vinto in rimonta dallo 0-2 al 3-2. Le azzurre, sotto 6-8 al primo time-out tecnico, hanno rimontato arrivando sul 16-12 al secondo e poi hanno allugnato fino al 19-13. Hanno subito un po' il ritorno della Turchia, che si è avvicinata fino al 21-19, ma con Diouf le azzurre hanno guadagnato tre set-point. Noemi Signorile, sbagliando un servizio, ha annullato il primo, ma Diouf ha chiuso sul 25-22.

Nel quarto set la rimonta dell'Italia purtroppo non è continuata. Piccini e compagne sono partite bene (4-1), ma hanno subito un parziale di 7-1 fino a ritrovarsi sotto di tre punti alla prima pausa obbligatoria (5-8), poi la Turchia ha incrementato il vantaggio (16-12 al secondo time-out tecnico), ma si è fatta riprendere sul 20-20. La lotta punto a punto è andata avanti fino al 23-23, ma le turche sono state brave a ottenere per prime il match-point e a chiudere sul 25-23 e dunque sul 3-1.

Italia sconfitta 3-1 dalla Turchia World Grand Prix 2014

Ecco il tabellino

Italia-Turchia 1-3 (23-25, 19-25, 25-22, 23-25)

Italia: Signorile 3, C.Bosetti 4, Chirichella 13, Diouf 24, Piccinini 13, Bonifacio 8. Libero: De Gennaro. Fiorin 8, Merlo. N.e: Del Core, Centoni, Malinov e Arrighetti. All. Bonitta

Turchia: Sonsirma 20, Akman 13, Toksoy 12, Aydemir 2, Ozsoy 18, Ismailoglu 5. Libero: Karadayi. Onal, Karakoyun. N.e: Tokatlioglu, Dalbeler , Basa , Yurtdagulen , Cansu. All. Barbolini

Arbitri: Chung (Hkg) e Lazarevich (Srb)
Spettatori: 1100. Durata Set: 26’, 26’, 27’, 28’
Italia: 8 a, 13 bs, 8 m, 27 e
Turchia: 7 a, 7 bs, 12 m, 17 e

WGP 2014: Risultati e classifica generale

Pool G (Bangkok, Thailandia):
Venerdì 15 agosto: Thailandia-Rep.Dominincana 3-1, Brasile-Stati Uniti 3-2
Sabato 16 agosto: Brasile-Rep.Dominicana 3-0, Thailandia-Stati Uniti 3-2
Domenica 17 agosto: Rep.Dominicana-Stati Uniti 1-3, Thailandia-Brasile 0-3

Pool H (Kaliningrad, Russia):
Venerdì 15 agosto: Turchia-Germania 1-3, Russia-Italia 3-1
Sabato 16 agosto: Italia-Germania 3-2, Russia-Turchia 3-1
Domenica 17 agosto: Italia-Turchia 1-3, Germania-Russia 0-3

Pool I (Macau):
Venerdì 15 agosto: Giappone-Serbia 3-1, Cina-Corea del Sud 3-1
Sabato 16 agosto: Giappone-Corea del Sud 3-2, Cina-Serbia 2-3
Domenica 17 agosto: Corea del Sud-Serbia 3-1, Cina-Giappone 1-3

CLASSIFICA GENERALE - Brasile 26, Cina 17, Russia e Turchia 16, Stati Uniti 15, Serbia, Giappone e Corea del Sud 13, Italia e Germania 12, Thailandia 6, Rep.Dominicana 3

Italia-Turchia 1-3 | Le dichiarazioni delle azzurre


Il ct Marco Bonitta:

"Credo che stasera abbiamo disputato una discreta partita, ma forse vedendo come la sfortuna ci ha colpito durante questo Grand Prix penso sia stato meglio finisse qui. Secondo me il bilancio è comunque positivo perché abbiamo tratto molte indicazioni importanti. Tante nostre giocatrici hanno avuto l’opportunità di dare il proprio contributo, facendo vedere quello che possono mettere in campo. Adesso dopo un breve periodo di riposo con calma faremo le opportune riflessioni per le convocazioni in vista del Mondiale. Il programma prevede che una volta radunati a Roma lavoreremo insieme fino all’inizio della rassegna iridata. Spero che la capitale abbracci questa nazionale, perché ne ha bisogno"

Il centrale Cristina Chirichella:

"La partita di stasera era molto importante, perché bisognava vincere a tutti i costi, però all’inizio siamo partite un po’ scariche. Nel terzo set ancora una volta abbiamo reagito, mentre nel quarto abbiamo pagato a caro prezzo qualche tentennamento di troppo. Adesso bisogna concentrarsi sul Mondiale e lavorare nel migliore dei modi per arrivare all’esordio nella forma ottimale"

Il libero Enrica Merlo:

"Oggi era una gara da dentro o fuori e purtroppo non ce l’abbiamo fatta. Penso comunque che il Grand Prix ci sia servito per collaudare che quello che è e sarà il nostro gioco. Quando servirà sono sicura che tireremo fuori il nostro meglio. Il Mondiale in casa non è solo un grande obiettivo, ma anche un sogno perché avremo la fortuna di giocare davanti al nostro pubblico e non vogliamo deluderlo"

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail