Federica Pellegrini, il video dell'incredibile rimonta nella staffetta d'oro dei 4x200 sl

La svedese Stina Gardell "vittima" della rimonta di Federica.

L'oro sembrava stare già lì, appeso al collo delle svedesi, invece con una zampata da super-campionessa Federica Pellegrini lo ha strappato loro e lo ha appeso anzi ri-appeso al suo e a quello delle sue compagne Alice Mizzau, Stefania Pirozzi e Chiara Masini Luccetti.

Federica ha approfittato dell'incredibile calo dell'ultima svedese al via, Stina Gardell, che ha nuotato in un tempo imbarazzante, 2' 01" 51, buttando alle ortiche l'ampio vantaggio accumulato dalle sue compagne, Michelle Coleman, Louise Hansson e soprattutto Sara Sjoestroem, la regina dei 100 stile libero, oro anche nei 50 delfino, che ha nuotato in 1' 53" 64.

Ecco, paragonato a Sjoestroem il tempo di Fede è piuttosto alto, perché alla fine ha chiuso la sua frazione in 1' 56" 50, ma bisogna fare delle considerazioni: prima di tutto, Pellegrini non è andata "a tutta", come ha ammesso lei stessa, ed è partita con 4" 51 di ritardo rispetto all'ultima svedese che aveva ricevuto il testimone proprio dalla Sjoestroem. Inoltre Fede pensava di esser partita troppo presto e di essere a rischio squalifica (invece il cambio è stato perfetto). Solo che negli ultimi 50 metri, quando tutti, compresa lei, pensavano che ormai i giochi fossero fatti, che la Svezia sarebbe diventata Campione d'Europa e l'Italia, oro due anni fa, avrebbe ceduto lo scettro scendendo di un gradino, a Fede è balzato in testa di aumentare il ritmo e di provarci, perché niente è impossibile, soprattutto se ti chiami Federica Pellegrini e vinci medaglie olimpiche da quando avevi 16 anni.

Insomma, ha avuto ragione lei stupendo tutti, anche i nuotatori più esperti che non si aspettavano una progressione così in una vasca soltanto. Fede invece nell'acqua si è accorta della crisi della svedese e ne ha approfittato da grande campionessa.

Il tempo delle azzurre di oggi è anche il nuovo record dei Campionati Europei: 7' 50" 53, mentre il precedente, che resisteva dal 2006, era stato fissato a 7' 50" 82 dalla Germania agli Europei di Budapest. Non è tuttavia il record italiano stabilito dalla stessa Federica con Spagnolo, Filippi e Carpanese ai Mondialid i Roma del 2009 (quindi con il famoso super-costume) in 7' 46" 57.

Insomma, il tempo di Federica non è stato da marziana, ma la sua azione sì, perché in pochi altri avrebbero completato una rimonta tale partendo con quasi cinque secondi di svantaggio il giorno prima delle batterie della propria gara (domani le eliminatorie e semifinali dei 200 stile libero).

Ecco qui di seguito il video dell'incredibile rimonta di Federica Pellegrini pubblicato su Facebook da Eurosport, in alto invece il video integrale della finale della 4x200 sl con il commento Rai di Tommaso Mecarozzi e Luca Sacchi.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Federica Pellegrini

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail