Mondiali Paraciclismo: Italia d'oro nella staffetta, USA secondi

Apertura col botto per l’Italia ai Mondiali di Paraciclismo in corso di svolgimento a Greenville, nella Carolina del Sud. Gli azzurri si confermano dominatori della staffetta con il trio composto da Alex Zanardi, Vittorio Podestà e Luca Mazzone che conquista l’oro davanti ai padroni di casa degli Stati Uniti e alla Svizzera, che deve accontentarsi del bronzo. Una vittoria schiacciante quella dell’Italia, che i tre hanno voluto dedicare subito al compianto Alfredo Martini: distacchi abissali per gli avversari, con gli Usa che chiudono a 39” di distacco, mentre gli elvetici pagano addirittura 1’ e 48”.

Ovviamente, per la squadra guidata dal cd Mario Valentini (49° titolo per lui), non si è trattato di una passeggiata. La gara si è corsa sulla pista del Bmw Performance Center di Spartanburg: 2,5 km di lunghezza per tre giri ad atleta, per un totale di 22,5 km. Secondo il regolamento, dopo aver stabilito l’ordine (per l’Italia primo Podestà, secondo Mazzone e terzo Zanardi), ciascuno degli atleti avrebbe compiuto un giro per poi passare il testimone al compagno di squadra sulla linea d’arrivo da una griglia in disparte. Ogni concorrente, dunque, avrebbe completato un giro e poi sarebbe rimasto fermo per due turni, fino al completamento della distanza complessiva.

2012 London Paralympics - Day 9 - Cycling - Road

La formula, che ha messo duramente alla prova i muscoli e la concentrazione degli atleti azzurri, ciascuno dei quali apparteneva ad una categoria differente. Nei primi tre giri gli Stati Uniti erano partiti forte, ma pian piano gli azzurri hanno riconquistato terreno e per gli americani William Groulx (H2), William Lachenauer (H3) e Daniel Cnossen (H5), non c’è stato nulla da fare. Al momento della premiazione, i tre atleti italiani si sono presentati con il lutto al braccio e un cartello con la scritta: “Alfredo anche in cielo sei nei nostri cuori”. Oggi, venerdì 29 agosto, iniziano le gare individuali: Alex Zanardi sarà impegnato domani con la crono, mentre l’1 settembre si cimenterà con la prova in linea. L’Italia si aspetta molto da lui, ma anche da Podestà, Mazzone, Pittacolo, Pizzi e tutti gli altri azzurri impegnati nei prossimi giorni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail