Mondiali Volley 2014: Polonia-Serbia 3-0, partita a senso unico

Per i padroni di casa vittoria facile (forse troppo) contro la Serbia.

I Mondiali di Pallavolo Maschile 2014, ossia la diciottesima edizione della competizione iridata, sono ufficialmente iniziati questa sera con la prima partita della Pool A. Prima di parlare del match occorre fare una premessa: vedere una partita di volley in Polonia, soprattutto se così importante a livello internazionale, è uno spettacolo senza uguali in questo sport. Oggi c'erano 62mila spettatori allo Stadio Nazionale di Varsavia perché qui la pallavolo è praticamente lo sport più amato e più seguito. Ne abbiamo avuto prova quando qualche giocatore polacco è arrivato nel nostro Paese con un grande seguito di giornalisti. Un interesse mediatico che purtroppo noi vediamo solo per il calcio.

E la Polonia di Stéphane Antiga non ha deluso le attese, anche se è stata molto aiutata da una Serbia assolutamente disastrosa. L'allenatore francese ha fatto molto discutere ultimamente per la scelta di non portare Bartosz Kurek al Mondiale, per questa sera ha ragione lui, ma siamo curiosi di vedere la sua squadra in match più sofferti. Quello di stasera è stato decisamente a senso unico.

Tantissimi gli errori diretti della Serbia che nonostante il grandissimo potenziale oggi ha perso la partita in ricezione, ma anche negli altri fondamentali ha sofferto molto più del solito e ha pagato la giornata no di Aleksandar Atanasijevi? che per i serbi è importante tanto quanto lo è per noi Ivan Zaytsev, perciò una giornata no dell'opposto coincide inevitabilmente con una giornata no di tutta la squadra.

L'equilibrio tra le due squadre in campo stasera c'è stato solo sui primissimi palloni. Anzi è stata addirittura la Serbia che è andata vanti 3-1, mentre la Polonia sembrava un po' intimidita come spesso avviene ai padroni di casa davanti a un pubblico così maestoso. Poi però la musica è cambiata subito: i ragazzi di Antiga hanno raggiunto i serbi sul 3-3, hanno proceduto punto a punto fino al primo time-out tecnico (8-7) poi sono letteralmente volati via (dal 10-9 al 17-12) fino a chiudere sul 25-19 dopo aver sfruttato la prima di cinque palle-set. Il punto finale è arrivato sull'ennesimo errore della Serbia al servizio.

Nel secondo set la Polonia è partita subito forte sull'onda dell'entusiasmo, è arrivata sia alla prima (8-4) sia alla seconda pausa obbligatoria (16-8) con il doppio dei punti degli avversari e ha guadagnato addirittura sette palle-set, una sola annullata dalla Serbia, poi Michal Winiarski ha chiuso sul 25-18.

All'inizio del terzo set sembrava che la Serbia stesse provando a cambiare passo, tanto da arrivare sul 4-2, ma è stata solo un'illusione di pochi minuti, perché la Polonia ha raggiunto i serbi e li ha superati ritrovandosi di nuovo avanti 8-4 al primo time-out tecnico. Alla seconda pausa la Polonia era avanti 16-11, poi la Serbia è riuscita a recuperare qualche punto (16-14) a quel punto i ragazzi di Antiga hanno deciso che era arrivato il momento di chiudere la partita e hanno collezionato sette palle match concretizzando subito la prima per il 25-17 grazie a un errore in battuta di Lisinac, un punto emblematico di tutta la partita caratterizzata proprio dai mille errori serbi.

Domani si giocano le altre due partite della prima giornata della Pool A (oltre a quelle della Pool D, il girone dell'Italia) vale a dire Venezuela-Argentina e Camerun-Australia. Nonostante la sconfitta di stasera la Serbia no dovrebbe avere problemi a superare questa prima fase, ma comunque il ko brucia, anche perché Podrascanin e soci se lo porteranno avanti anche nella fase successiva in cui i punti conquistati stasera dalla Polonia serviranno a fare classifica anche per il passaggio alla terza fase (qui trovate tutto il calendario e la formula dei Mondiali).

Riassumendo il risultato della partita di stasera, inaugurale dei Mondiali 2014:

Pool A
Polonia - Serbia 3-1 (25-19, 25-18, 25-17)

Polonia-Serbia 3-1 Mondiali Volley 2014

Qui di seguito la fotogallery della cerimonia di inaugurazione e di Polonia-Serbia


Foto © FIVB e Getty Images

  • shares
  • Mail