Ma quanto è bello essere un PRO rider!


Questo è quello che ho sempre pensato osservando la vita e le imprese sportive dei numerosi riders professionisti. La stragrande maggioranza di questi sono di nazionalità statunitense. Negli States è relativamente semplice guadagnarsi da vivere praticando il proprio sport prediletto. Basti pensare ai famosissimi Tony Hawk, Andy Irons, Matt Hoffman giusto per citarne tre fra i più blasonati nei rispettivi campi: skate, surf e BMX.

Un PRO, diminutivo con il quale viene identificato un rider professionista, gode di numerosi vantaggi: attrezzatura aggratis, trasferte e viaggi verso i migliori spot dove allenarsi, contatti con aziende e tante altre cose. Merito degli sponsor e dei contratti da capogiro firmati con essi. Facile pensare che i soldi a girare attorno a questa attività siano molti ed anche il guadagno netto da parte dell'atleta.

Conferma di tutto ciò viene dalla celebre rivista Forbes che ha stilato una classifica con i redditi più alti dei riders professionisti statunitensi. Al primo posto non poteva che esserci un esponente del panorama skate: Sua Altezza Tony Hawk. Ritirato dalla scena ufficiale nel 1999 Tony continua ad incassare quattrini grazie a numerosi show televisivi e saghe videoludiche a lui dedicate nel corso della sua decennale carriera. A seguire abbiamo due atleti di snowboard e skateboard a conferma del fatto che la tavola, con le sue varie declinazioni, domina il panorama degli action sports statunitense.

Dopo la pausa la classifica completa redatta da Forbes.

1. Tony Hawk - Skateboarding - $12 million

2. Shaun White - Snowboarding/Skateboarding - $9 million

3. Ryan Sheckler - Skateboarding - $5 million

4. Travis Pastrana - Freestyle MX - $3 million

5. Kelly Slater - Surfing - $3 million

6. Laird Hamilton - Surfing - $2.5 million

7. Paul Rodriguez - Skateboarding - $2 million

8. Danny Kass - Snowboarding - $1 million

9. Dave Mirra - BMX - $1 million

10. Travis Rice - Snowboarding - $1 million

Photo | Flickr

  • shares
  • Mail