Us Open 2014: Djokovic e Nishikori in semifinale, sconfitti Murray e Wawrinka | Risultati 3 settembre

Us Open 2014: Nishikori e Djokovic in semifinale nella parte alta del tabellone

La cronaca dei match dei quarti di finale del torneo maschile dello Us Open | 3 settembre

Djokovic b. Murray 7-6; 6-7; 6-4; 6-2

Ottava semifinale consecutiva per Novak Djokovic a Flushing Meadows. Murray esce sconfitto nel remake della finale del 2012 in quattro set.

Primi due parziali altalenanti nel punteggio. Sono ben 8 i break, equamente divisi tra i due contendenti. In entrambi è Nole a fare l'andatura ma la fuga del serbo è effimera. Nel primo, Murray lo riagguanta da 3-1. Nel secondo, il serbo subisce l'immediato controbreak in vantaggio 4-3- Entrambi i set si decidono con due tie break che terminano con l'identico punteggio di 7-1.

Crocevia della partita è la terza frazione. Murray paga le energie profuse nella rimonta e lo perde nettamente 6-2, subendo un break in avvio che poi si rivelerà decisivo per indirizzare il punteggio dalla parte del numero uno del mondo che, fa suo il match, strappando il servizio allo scozzese, in vantaggio 5-4 in un equilibrato quarto set.

Nishikori b. Wawrinka 3-6; 7-5; 7-6; 6-7; 6-4

Prima semifinale Slam in carriera per Nishikori che batte Wawrinka al termine di una grande partita durata oltre 4 ore e terminata all'1.30.

Primo set in controllo per l’elvetico cui basta un break in avvio nel primo turno in battuta di Nishikori per involarsi, indisturbato, al 6-3. La seconda frazione è più movimentata. Piovono palle break nella fase centrale. Il nipponico ne sventa 2 sul 3-3. Nel game seguente, invece, è Wawrinka a rimontare da 0-40 con tre prime vincenti. Quando il set sembrava avviato al tie break, ecco, inaspettato il patatrac dello svizzero che, sotto 5-6; 30-40 commette un mortifero doppio. Kei incassa il 7-5 e la sfida torna in equilibrio.

Il match sembra girare dalla parte del giapponese quando Kei, più attento e meno falloso, allunga 5-2 nel terzo. Wawrinka è costretto a sventare un set point al servizio nel nono game e con un mini parziale di 7 punti a 1 si riporta in parità. Si va al tie break e il livello di gioco si innalza vertigionosamente. Si lotta punto su punto. Altro set point per Nishikori (5-6) annullato da un meraviglioso passante di rovescio, marchio di fabbrica di Stan, trafitto dallo stesso colpo in vantaggio 7-6. Alla fine, il primo a cedere è proprio lo svizzero con due errori gratuiti che regalano all’avversario il 9-7.

Le energie profuse nel terzo set rendono il quarto parziale poco emozionante . Un altro tie break ne è il giusto epilogo. Nishikori rimonta da 4-0 a 4-4, va a due punti dalla semifinale, ma sul 5-5 si condanna con due sbagli di dritto e rovescio. 7-5 Wawrinka. Si decide tutto al quinto.

Stan sfrutta il momento favorevole e mette alle corde il giapponese, costretto ad annullare tre palle break in 2 turni di servizio. Allo scoccare delle quattro ore di gioco, la situazione è ancora in equilibrio (3-3) ma lo resta per poco. Costretto a servire per restare in partita sotto 5-4, Stan concede due match point a Nishikori e affossa in rete il dritto della sconfitta. Esultanza contenuta per Kei che, dopo le precedenti 4 ore di battaglia con Raonic, quasi non ha la forza per alzare le braccia.

Stanotte, dopo Pennetta - Serena Williams (ore 2), in campo Djokovic e Murray che, a questo punto, termineranno il loro match all'alba

Us Open 2014: quarti maschili | 3 settembre

Il programma odierno dello Us Open 2014 si svolge interamente sul Centrale "Arthur Ashe". Si disputano 4 match, due quarti maschili e altrettanti femminili, con la nostra Flavia Pennetta impegnata all'1 contro lo spauracchio Serena Williams.

Il primo quarto maschile è previsto alle 21 circa. A giocarsi un posto in semifinale, Stan Wawrinka e Kei Nishikori. Un anno fa esatto, Stan batteva, proprio a questo punto del torneo, l'allora campione di Wimbledon Andy Murray, prima tappa di un percorso di crescita costante che l'avrebbe portato a inizio 2014 a trionfare agli Australian Open e dì lì a poco al Masters di Montecarlo. Dalla vittoria al Principato, Wawrinka ha raccolto poco o nulla se si esclude un quarto a Wimbledon, perso con il connazionale Federer. Ruolino di marcia simile per Nishikori che ha, tuttavia, l'attenuante dell'infortunio alla schiena che, da Madrid, ne ha condizionato il rendimento per circa due mesi.

La lottata vittoria con Raonic giunta dopo oltre 4 ore ha permesso al nipponico di tornare a disputare un quarto di finale Slam per la seconda volta in carriera. La prima, due anni fa, agli Australian Open quando venne sconfitto in tre rapidi set da Murray. Stasera non è lui il favorito, ma con un Wawrinka piuttosto incerto, le ambizioni di vittoria non sono un azzardo.

Si prevede una nottata insonne per gli appassionati visto che il big match di giornata si disputa alle 3 circa. Djokovic e Murray tornano ad affrontarsi allo Us Open due anni dopo la finale che ha permesso a Andy di fregiarsi del primo titolo Slam. Quello visto all'opera a Flushing Meadows e nelle settimane scorse non è il Murray del 2012. Contro Tsonga, tuttavia, lo scozzese è tornato finalmente a far vedere sprazzi di bel gioco. Forse però non basterà. Dall'altra parte della rete c'è un Djokovic che, contro Mathieu, Querrey e Kohlschreiber, ha confermato anche ai più scettici di essere tornato in versione pre matrimoniale...

Post in aggiornamento

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail