Giro dell'Emilia 2014: Rebellin trionfa a 43 anni davanti a Madrazo e Pellizotti

Rossella Ratto ha vinto la gara femminile, terza Giorgia Bronzini.

Davide Rebellin ha vinto il Giro dell’Emilia 2014, ma la vera notizia è l’età con la quale il veronese di San Bonifacio ha agguantato il primo successo stagionale su uno degli arrivi più impegnativi del calendario nazionale, precedendo lo spagnolo Ángel Madrazo della Caja Rural e Franco Pellizotti dell'Androni: 43 anni e due mesi.

Una vittoria che ha dell’incredibile e che conferma la tempra della classe di ferro dei ciclisti del ’71, anno di nascita di Chris Horner (vincitore della Vuelta 2013) e di Jens Voigt (qualche settimana fa recordman dell’ora nell’addio al ciclismo). Rebellin ha vinto d’astuzia lasciando sfogare gli avversari (alcuni hanno meno della metà dei suoi anni!) e attaccando al momento giusto.

Per quanto riguarda l'andamento della gara, intorno al quinto chilometro è già partita una fuga di 23 corridori che hanno immediatamente guadagnato 30" di vantaggio. Ad animare il gruppo di testa sono stati: Manuele Mori e Luca Dodi della Lampre-Merida, Paolo Longo Borghini della Cannondale, Emanuele Sella e Antonio Parrinello della Androni, Enrico Barbin della Bardiani, Adrian Kurek della CCC Polsat, Antonio Piedra della Caja Rural, Carlos Quintero del Team Colombia, Sergey Klimov della Rusvelo, Ferekalsi Debesay e Adrien Niyonshuti della MTN-Qhubeka, Danilo Napolitano della WantyGroupe-Gobert, Matteo Collodel del Team Idea, Nicola Dal Santo della Nankang-Fondriest, Andrea Zanardini, Raffaello Bonusi e Andrea Vaccher della Marchiol, Fabio Chinello e Gianluca Leonardi dell'Area Zero-D'Amico, Mattia Frapporti e Ricardo Creel della MGKVis-Wilier e Giuseppe Fonzi della Neri Sottoli-Alé, che però si è rialzato quasi subito, poi proprio la sua squadra ha tenuto sotto contro il gap.

I 22 fuggitivi sono stati tutti ripresi al km 56 e sono partiti degli attacchi fino a quando non si è formata una nuova fuga composta da Gianfranco Zilioli dell'Androni, Sergey Firsanov della Rusvelo e Jacques Janse Van Rensburg della MTN-Qhubeka e dietro di loro si è lanciato all'inseguimento un gruppo di altri 27 corridori che però a causa della mancanza di collaborazione sono stati presto ripresi dal plotone principale, mentre i tre battistrada hanno fatto salire il loro vantaggio fino a un massimo di otto minuti.

Al primo passaggio sul San Luca, Firsanov è rimasto indietro rispetto a Zilioli e Van Rensburg, mentre il gruppo ha recuperato quasi metà dello svantaggio e al secondo passaggio Zilioli è rimasto in testa sa solo con quasi un minuti di vantaggio su Van Rensburg, circa due minuti su Firsanov e due minuti e mezzo su un gruppetto composto da Davide Formolo e Davide Villella della Cannondale, Angel Madrazo della Caja Rural, Francesco Manuel Bongiorno della Bardiani, Franco Pellizotti della Androni, Davide Rebellin della CCC Polsat e Louis Meintjes della MTN-Qhubeka. Gran parte di questo gruppo, però, è stata riassorbita dal plotone più numeroso e solo Rebellino, Vilella, Pellizzotti, Bongiorno, Zardini, Madrazo cui si è aggiunto Marcos Garcia della Caja Rural sono rimasti qualche metro avanti a 2' 26" da Zilioli.

Solo a 2 km dal traguardo Madrazo è riuscito a riportarsi su Zilioli sul quale sono poi arrivati anche gli altri mentre lo spagnolo si è avvantaggiato di una ventina di secondi. Nell'ultimo chilometro Bongiorno e Rebellin sono partiti all'attacco, il veterano della CCC Polsat ha ripreso Madrazo e lo ha staccato, nel frattempo Pellizotti si è lanciato al suo inseguimento, ma ormai non poteva più recuperare tutto il distacco e Rebellin ha fatto sua la 97esima edizione del Giro dell'Emilia.

Davide Rebellin ha vinto il Giro dell'Emilia 2014

Ecco la top ten del Giro dell'Emilia 2014:


    1) Davide Rebellin (CCC Polsat)
    2) Ángel Madrazo (Caja Rural)
    3) Franco Pellizotti (Androni)
    4) Edoardo Zardini (Bardiani)
    5) Francesco Manuel Bongiorno (Bardiani)
    6) Davide Formolo (Cannondale)
    7) Gianfranco Zilioli (Androni)
    8) Diego Rosa (Androni)
    9) Marcos Garcia Fernandez (Caja Rural0
    10) Michel Kreder (Wanty-Groupe Gobert)

Oggi si è corsa anche la gara femminile che è stata vinta da Rossella Ratto della Estato do Mexico Faren davanti a Edwige Pitel della Michela Fanini Rox e a Giorgia Bronzini della nazionale italiana.

Articolo di Lucia Resta e Davide Mazzocco

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail