Atp Parigi Bercy 2014: Federer agli ottavi, Fognini eliminato | I risultati del 29 ottobre

I risultati e la cronaca dei match di secondo turno dell'Atp di Parigi Bercy | 29 ottobre

23.30: La giornata si conclude con la qualificazione agli ottavi di un altro francese, Gael Monfils che piega Isner 6-4; 7-6 in una partita con un unico break. Per Gael, domani, altro match serale contro il campione in carica Djokovic.

21.45: Rientro con vittoria per Tsonga che impiega tre set per spuntarla su Melzer. L'austriaco aveva rimontato un set di svantaggio per poi compromettere tutto nel terzo, perso 6-2. Per Tsonga incrocio agli ottavi con Nishikori, vincitore in rimonta su Robredo

19.40: Finisce ingloriosamente la stagione di Fabio Fognini eliminato con un doppio 7-6 dal francese Pouille, 176 Atp, proveniente dalle qualificazioni. In entrambi i set, l'azzurro ha servito per chiudere. Nel primo, in vantaggio 6-5 ha subito l'immediato controbreak dell'avversario poi vincitore 7-5 nel tie break. Nel secondo, Fabio, avanti 5-3, perde il servizio a 0, sventa due break point sul 5-5, annulla un match point sotto 6-5 nel tie break, vanifica a sua volta un set point in vantaggio 7-6 e rovina tutto con un doppio fallo mortifero sull'8-7 per il francese. Poco prima, Fognini aveva spaccato una racchetta. A fine partita diverbio con il giudice di sedia Bernardes che ricambia la stretta di mano solo dopo le scuse di Fabio.

Prosegue, con merito, la favola di Pouille. Venerdì scorso il francese entrava nel tabellone delle qualificazioni da wild card. Ora si ritrova agli ottavi di un Masters contro un avversario di prestigio, Roger Federer. Arrivederci al 2015 per Fognini. La luce si è spenta a Montecarlo.

18.35: Debutto vincente ma assai più faticoso del previsto per Roger Federer che impiega due ore e mezza per piegare Chardy 7-6; 6-7; 6-4.

Inizio decisamente contratto per Federer. Sulle gambe e senza spinta, Roger, con un break al passivo in avvio, rischia di ritrovarsi sotto 5-1 ma dà segnali di risveglio al momento giusto, quando sul 5-3 in suo sfavore si procura le prime palle break della partita. Ne basta una, capitalizzata con una risposta di dritto vincente. Non è comunque il miglior Federer. Lo si nota ulteriormente dopo il cambio di campo, quando Roger concede tre set point immediati a Chardy. Due se ne vanno anche per demeriti del francese. Il terzo, invece, svanisce con un ace all’incrocio delle righe. Ma non è finita. Clamoroso errore di dritto a campo aperto ed ecco la 4.a palla set per Chardy. Niente da fare e, finalmente, arriva l’agognato 5-5.

Il francese paga l’occasione mancata. Due doppi falli mandano Federer sullo 0-40 nell’undicesimo gioco. Un dritto in corridoio completa il disastro. Roger ringrazia e allunga a 3 la striscia di game consecutivi. Tutto lascia presagire una facile chiusura al servizio per l’elvetico che fa di tutto per smentire le ottimistiche previsioni, 6-6 e tie break. La sagra degli errori prosegue e va di lusso a Federer quando Chardy affossa in rete il dritto che gli consegna il punto del 7-5.

Secondo set decisamente meno altalenante nel punteggio. Roger trova continuità al servizio. L’avversario lo segue a ruota. Il risultato è un sostanziale equilibrio con 0 chance per chi risponde. La partita torna ad animarsi sul 5-4 con Chardy in battuta per allungare la contesa. Federer lo pressa e si ritrova a un passo dal traguardo ma i due match point svaniscono grazie alla pronta reazione del rivale. Si prosegue. Jeremy si ritrova nella stessa situazione precedente sotto 6-5 e si salva di nuovo. Altro tie break. Si gira in parità, 3-3. L'equilibrio prosegue. La spunta Chardy 7-5. Imperioso il dritto finale che trafigge Federer in battuta. Tutto da rifare per lui. L'inizio del terzo set gli è comunque favorevole. Break immediato e 3-1 per l'elvetico. Il francese riesce solo a prolungare la contesa ma non a evitare il 6-4 finale.

17.35: Debutto travolgente per Dimitrov che lascia 3 game a Cuevas. Agli ottavi, con Murray, si gioca anche per la qualificazione alle Finals di Londra. Il bulgaro non può perdere.

16.15: Facile debutto per Murray . Lo scozzese non risente della fatica delle scorse settimane e supera in un'ora, Benneteau, 6-3; 6-4, punteggio che sarebbe potuto essere anche più ampio se quest'ultimo non avesse recuperato uno dei due break di svantaggio nel secondo set. Atp Finals sempre più vicine per l'ex campione di Wimbledon cui manca un'altra vittoria per centrare il traguardo. Passa anche Feliciano Lopez che rifila un doppio 6-4 a Querrey. Per l'iberico c'è Berdych

14.50: Successo in rimonta per Ferrer su Goffin. Altra buona prova per il talento belga che, dopo aver dominato il secondo parziale 6-2, paga carissimo il break subito sul 3-3 nella seconda frazione. Tre i game consecutivi di David che ha chiuso la partita, togliendo di nuovo la battuta al rivale. Goffin si concega da un ottimo 2014. Da giugno vanta uno score di 47 vinte e 4 perse. Per Ferrer continua lo sprint con Raonic per la qualificazione alle Finals. Domani c'è l'amico Verdasco.

14.00: Vittoria con brivido per Milos Raonic costretto al tie break del terzo set da Sock. Il canadese prevale 7-5 allo scoccare delle 2 ore esatte di gioco e prosegue nella sua rincorsa alle Atp Finals di Londra. Prossimo ostacolo a Bercy, Bautista Agut che ha avuto la meglio in due su un Gasquet davvero poco ispirato.

12.25: Stan Wawrinka è il primo qualificato di giornata agli ottavi. Sconfitto in due set, Dominic Thiem 6-4; 7-6. Prestazione altalenante per l'elvetico, positiva solo a tratti. Nel primo parziale, Stan si è fatto rimontare un break di vantaggio per poi strappare di nuovo il servizio all'austriaco sul 5-4. Nella seconda frazione, rapida ed equilibrata, Wawrinka non ha sfruttato un match point, in risposta, in vantaggio 6-5 con un errore di rovescio. Nel tie break seguente, Thiem si è guadagnato un set point sul 6-5 annullato dall'avversario con un ace, il primo dei tre punti consecutivi che sanciscono il passaggio agli ottavi del numero tre del mondo atteso, domani, da Anderson.

Bianco

Atp Parigi Bercy 2014: risultati del 29 ottobre

Centrale

Wawrinka b. Thiem 6-4; 7-6(6)
Bautista Agut b. Gasquet 6-4; 6-2
Murray b. Benneteau 6-3; 6-4
Federer b. Chardy 7-6; 6-7; 6-4
Tsonga b. Melzer 6-2; 4-6; 6-2
Monfils b. Isner 6-4; 7-6(4)

Campo 1

Raonic b. Sock 6-3; 5-7; 7-6(4)
Ferrer b. Goffin 6-3; 2-6; 6-3
F.Lopez b. Querrey 6-4; 6-4
Dimitrov b. Cuevas 6-0; 6-3
Pouille b. Fognini 7-6; 7-6(6)
Nishikori b. Robredo 6-7; 6-2; 6-3

Atp Parigi Bercy 2014: programma 29 ottobre

Giornata ricchissima all'Atp Masters di Parigi Bercy. Il tabellone si allinea agli ottavi con 11 match di secondo turno. Programmazione fittissima. Si comincia alle 10.30. Si prosegue fino alla tarda serata. In campo tutte le teste di serie.

Si parte alle 10.30 subito con una partita di grande interesse tra Wawrinka e Thiem. Seconda parte di stagione decisamente negativa per l'elvetico che ha 20 giorni per riscattarsi. Oltre a Bercy, ci sono le Atp Finals di Londra e la finale di Davis, tre eventi in cui Stan può e deve ben figurare. Attenzione però al giovane austriaco che ha già sconfitto il rivale, a maggio, sulla terra di Madrid. A seguire, dopo Gasquet - Bautista, ecco Andy Murray opposto a Benneteau. E' in fiducia lo scozzese, reduce dai due titoli di Vienna e Valencia. Le Finals sono a un passo e la qualificazione agli ottavi può avvicinarle ulteriormente.

Nel pomeriggio, tocca anche a Roger Federer. Alla stregua di Murray anche lo svizzero si presenta a Bercy con due vittorie in bacheca, a Shanghai e Basilea, successi che alimentano anche velleità di primo posto nel ranking Atp. Per Roger c'è Chardy. Sarà la rivincita della partita dello scorso maggio agli Internazionali d'Italia, vinta dal francese in tre set con Federer arrivato a Roma in extremis e ancora scombussolato per la nascita dei due gemelli.

Programma serale sul Centrale dedicato ai tennisti di casa. Non prima delle 19.30, Tsonga debutta con Melzer a seguire Monfils e Isner si contendono l'ottavo di finale con il già qualificato Djokovic.

Sfilata di teste di serie anche sul campo 1. Si comincia con Raonic-Sock. Al termine, Ferrer testa le ambizioni di Goffin con Verdasco ad attendere il vincitore agli ottavi. Tra Querrey e Lopez uscirà, invece, il prossimo avversario di Berdych. Non è finita. Nel tardo pomeriggio debutta anche Dimitrov con Cuevas. Il bulgaro ha ancora residue chance di qualificarsi alle Finals. Vittoria d'obbligo anche se il possibile ottavo con Murray rappresenta già una sfida da dentro o fuori.

Quinto match sull'1, quello tra Fognini e Pouille. Ieri il qualificato francese ha estromesso dal torneo Ivo Karlovic. Fabio non deve lasciarsi sorprendere per regalarsi un probabile, affascinante, ottavo con Federer. Chiudono la giornata Robredo e Nishikori. Entrambi non sono al meglio. Il nipponico ha disertato Valencia. Tommy, ieri, con Pospisil è ricorso due volte all'intervento del medico per la schiena dolorante.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail