Scherma, Coppa del Mondo di spada: Paolo Pizzo terzo a Tallinn

Nella seconda tappa della Coppa del Mondo di spada male le ragazze a Xuzhou: la migliore, Alberta Santuccio, si è fermata agli ottavi.

La seconda tappa della Coppa del Mondo di Spada maschile 2014-2015 a Tallinn ci ha regalato un podio nella gara individuale, è quello di Paolo Pizzo, che è riuscito ad arrivare fino alla semifinale dove è stato battuto dal francese Gauthier Grumier per una sola stoccata (15-14), lo stesso transalpino che ai quarti aveva fatto fuori l'unico altro azzurro in gara oggi nel tabellone principale, Enrico Garozzo, mentre tutti gli altri dieci spadisti italiani erano stati eliminati ieri nelle qualificazioni.

Paolo Pizzo ha cominciato la giornata battendo l'americano Watson per 15-9, poi ai sedicesimi ha messo ko il francese Marchal per 15-9, agli ottavi ha avuto la meglio su un altro transalpino, Robeiri, per 15-13 e ai quarti ha vinto contro lo svizzero Heinzer per 15-12.
Garozzo, invece, ha avuto la meglio contro il coreano Song Jae Ho nel primo assalto della giornata per 15-13, poi nel tabellone dei 32 ha annientato il lettone Jefremenko per 15-3 e in quello dei 16 ha eliminato il russo Andeev per 15-11, infine ai quarti è stato sconfitto da Grumier per 15-11.

Per quanto riguarda le ragazze, invece, impegnate a Xuzhou, questa mattina erano partite in sette nel tabellone principale, dopo che ieri nelle qualificazioni era stata eliminata una sola azzurra, Brenda Briasco.
Oggi è cominciata subito male, perché l'Italia ha dovuto fare a meno della campionessa del mondo Rossella Fiamingo fin dal primo assalto, quando è stata sconfitta per 15-9 dalla russa Logunova. Nel tabellone delle 64 sono andate avanti Giulia Rizzi (15-11 contro la coreana Chou), Camilla Batini (15-14 all'ucraina Bezhura), Bianca Del Carretto (15-12 alla svedese Gars), Alberta Santuccio (15-14 ala coreana Shin), Francesca Quondamcarlo (12-11 alla russa Andryushina) e Mara Navarria (15-13 alla statunitense Hurley).

Nel tabellone delle 32 è andata avanti solo Alberta Santuccio, che ha battuto l'estone Kuusk per 15-11, mentre Batini è stata fermata da Logunova 15-13, Del Carretto dalla cinese Sun per 15-6, Rizzi dalla britannica Lawrence per 2-1, Quondamcarlo dalla russa Shutova per 8-7 e Navarria dall'ungherese Szasz per 15-14.
Agli ottavi anche Alberta Santuccio ha dovuto dire addio alla gara, sconfitta dalla cinese Sun, già giustiziera di Giulia Rizzi, per 15-13.

Ecco il commento di un delusissimo ct Sandro Cuomo sulla prova delle ragazze:

"Torniamo a casa dopo questa prova individuale con tanto amaro in bocca ed un carico di rammarico. Le premesse di giornata erano infatti buonissime e molto incoraggianti. Poi, invece, diversi assalti sono stati decisi all'ultima stoccata o alla priorità e dopo aver avuto sette atlete nelle prime 64 e sei nelle 32, siamo rimasti solamente con Alberta Santuccio nelle prime sedici della gara. Davvero peccato, ma le percezioni su tutto il gruppo e sul potenziale complessivo sono comunque molto buone. Adesso pensiamo alla gara a squadre"

Paolo Pizzo

Foto e video © Federscherma

  • shares
  • Mail