Tutti i Record di Usain Bolt da Pechino a Londra

Il giamaicano detiene i record del mondo sui 100, 200 e 4x100 metri.

Usain Bolt è l'uomo più veloce del pianeta, definito anche come l'atleta più naturalmente dotato che il mondo abbia mai visto. Sì perché se c'è una caratteristica che colpisce nel vederlo correre è la facilità con cui stacca tutti gli altri e arriva al traguardo in un lampo (non a caso è chiamato anche Lightning Bolt, ossia fulmine, giocando con il suo nome) senza avere neanche il fiatone.

Bolt sembra sempre rilassato, sia prima sia dopo la gara. Il suo gesto di esultanza è ormai famoso ed è anche imitato da altri atleti di fama mondiale (per esempio dal calciatore brasiliano Neymar). Per lui correre è naturale come respirare, e anche quando migliora i record mondiali, dà l'impressione di poter fare ancora meglio. Per questo da lui ci si aspetta a ogni gara un tempo da record, anche se in realtà ormai è da parecchio che non si migliora.

Sui 100 metri, infatti, Bolt non abbassa il tempo di 9" 58 dal 16 agosto 2009, quando ci riuscì ai Mondiali di Berlino. Quattro giorno dopo migliorò anche il record sui 200 metri, fissandolo a 19" 19 e anche quello non è stato ritoccato negli ultimi cinque anni.
Gli anni di grazia di Usain Bolt sono stati proprio il 2008 e il 2009, quindi tra i 21 e i 23 anni d'età (è nato il 21 agosto 1986). La prima volta che ha migliorò il record sui 100 metri, che fino ad allora era detenuto dal suo connazionale Asafa Powell, fu il 31 maggio 2008 a New York, al Reebok Grand Prix. Per lui quella era solo la quinta prestazione sui 100 metri da quando aveva cominciato a gareggiare nella categoria seniores.

Ma l'exploit di Bolt è stato nel corso di un evento ben più importante: le Olimpiadi di Pechino 2008. In quell'occasione Bolt stabilì tre record del mondo in pochi giorni: il 16 agosto fissò il cronometro sui 9" 69 nella gara dei 100 metri, il 20 agosto corse in 19" 30 sui 200 metri e il 22 agosto con Asafa Powell, Nesta Carter e Michael Frater stabilì il record nella staffetta 4x100 metri con un tempo totale di 37" 10.

Nella gara dei 100 metri a Pechino (video in alto) Bolt corse gli ultimi metri con una scarpa slacciata, rallentò perché ormai aveva staccato tutti e cominciò a esultare. Era chiaro che quel record, insomma, sarebbe durato poco e che presto lo avrebbe ulteriormente abbassato. Così successe: a un anno esatto di distanza, il 16 agosto del 2009, Bolt corse i 100 metri ai Mondiali di Berlino in 9" 58 e quel record è ancora in vigore. Quattro giorni dopo ritocco anche il record sui 200 metri fissandolo in 19" 19. Due giorni dopo ancora, il 22 agosto, vinse l'oro pure nella staffetta 4x100 m, ma senza migliorare il record di Pechino (ma il tempo di 37" 32 era comunque il record dei campionati iridati).

Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt
Le foto più belle di Usain Bolt

Dal 2010 sono cominciati i problemi: prima gli infortuni, poi, ai Mondiali di Daegu del 2011, la squalifica per falsa partenza nella finale dei 100 metri che non gli permise di confermarsi campione del mondo, ma vinse la gara dei 200 m e la 4x100 m, quest'ultima con un nuovo record mondiale.

La tripletta gli riuscì di nuovo alle Olimpiadi di Londra, dove rivinse tutti e tre i titoli conquistati a Pechino: sui 100 metri correndo in 9" 63, dunque un tempo più basso rispetto a quello del 2008, ma più alto del 2009 (insomma, nuovo record olimpico, ma non record mondiale); sui 200 metri con un crono di 19" 32; nella staffetta 4x100 metri con un nuovo primato del mondo in 36" 84 (con Nesta Carter, Michael Frater e Yohan Blake).

Bolt ripeté il suo tris di successi ai Mondiali di Berlino 2013, ma con tempi significativamente più alti: corse i 100 metri in 9" 77, i 200 metri in 19" 66 e la 4x100 metri in 37" 36.
Sempre a causa degli infortuni, quest'anno ha corso poco, ma è riuscito a vincere l'oro ai Giochi del Commonwealth nella 4x100 metri, registrando con i suoi compagni di squadra un tempo di 37" 58. Si è anche regalato un record del mondo: si tratta del primato sui 100 metri indoor che ha corso in 9" 98 a Varsavia in occasione del Kamila Skolimowska Memorial il 23 agosto 2014.

Il suo obiettivo dichiarato è quello di riprendersi tutte e tre le medaglie anche ai Giochi Olimpici di Rio 2016, dopo i quali molto probabilmente smetterà (anche se il suo sogno è quello di giocare in una squadra di calcio dopo che avrà lasciato l'atletica). Per quanto riguarda i record del mondo, negli ultimi anni non è sembrato in grado di poter migliorare quanto ha fatto nel 2009 a livello individuale, ma se riuscirà a disputare una buona stagione nel 2015, senza infortuni e senza saltare troppe gare, a Rio tutti si aspetteranno di vedere un bel "WR" accanto ai suoi tempi.

I record del mondo di Usain Bolt sui 100 metri

- 9" 72 ai Reebok Grand Prix di New York il 31 maggio 2008
- 9" 69 alle Olimpiadi di Pechino il 16 agosto 2008
- 9" 58 ai Mondiali di Berlino il 16 agosto 2009

I record del mondo di Usain Bolt sui 200 metri

- 19" 30 alle Olimpiadi di Pechino il 20 agosto 2008
- 19" 19 ai Mondiali di Berlino il 20 agosto 2009

I record del mondo di Usain Bolt nella 4x100 m


Tutti i record di Usain Bolt

- 37" 10 alle Olimpiadi di Pechino il 22 agosto 2008 con Nesta Carter, Michael Frater e Asafa Powell
- 37" 04 ai Mondiali di Daegu il 4 settembre 2011 con Nesta Carter, Michael Frater e Yohan Blake
- 36" 84 alle Olimpiadi di Londra l'11 agosto 2012 con Nesta Carter, Michael Frater e Yohan Blake

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail