Champions League volley femminile: per Piacenza vittoria netta a Belgrado

3-0 e un largo vantaggio di punti per le campionesse d'Italia in casa del Partizan.

È finalmente arrivata la prima vittoria nella Cev Champions League 2014-2015 per la Nordmeccanica Rebecchi Piacenza che oggi in trasferta a Belgrado si è imposta nettamente in casa del Partizan.

Le campionesse d'Italia in carica avevano fortemente bisogno di un successo sia per una questione di classifica del girone sia per il morale, visto che sono reduci da una sorprendente sconfitta in campionato davanti al proprio pubblico contro la neopromossa Il Bisonte Firenze.

Oggi nel match della terza giornata di Champions League Leggeri e compagne hanno avuto vita abbastanza semplice. Nel primo set, dopo una breve lotta punto a punto (fino al 6-6) hanno trovato il break a ridosso del primo time-out tecnico (6-8), poi le serbe si sono riportate a -1, ma Piacenza ha di nuovo allungato voltando sul 7-11. Il Partizan ha usufruito di un time-out discrezionale che però non è servito a nulla perché al rientro in campo le ospiti sono definitivamente decollate e alla seconda pausa obbligatoria avevano già il doppio dei punti delle avversarie (8-16), poi si sono spinte fino al +10 e hanno chiuso il parziale con un muro vincente dopo aver sfruttato la prima di nove set-ball (15-25).

Nel secondo set di nuovo tank equilibrio iniziale, tanto che al primo time-out tecnico è stato il Partizan ad arrivare in leggero vantaggio (8-7), poi però Piacenza ha trovato il break sull'11-13 e ha raddoppiato il gap in vista del secondo time-out obbligatorio (12-16), al rientro in campo ha di nuovo allungato e l'abisso è diventato presto incolmabile per le inconsistenti padrone di casa. Chiara Di Iulio con un delizioso pallonetto ha messo a segno il punto che è valso otto set-ball e le serbe non sono riuscite anche 'stavolta ad annullarne nemmeno una permettendo a Piacenza di chiudere sul 16-25.

Nel terzo set c'è stata una partenza sprint da parte del Partizan che si è portato rapidamente sul 6-1 soprattutto grazie al fatto che sembrava che le ragazze di Alessandro Chiappini avessero completamente perso il senso della misura, mandando fuori battute, schiacciate e muri. Il coach di Piacenza ha così chiamato un time-out e al rientro il campo le sue giocatrici hanno subito recuperato tre punti prima di subirne uno, poi ne hanno recuperati altri due e infine hanno pareggiato sul 7-7 con Sorokaite. Alla prima pausa obbligatoria il Partizan era in vantaggio di una sola lunghezza (8-7) grazie a un muro vincente su Sorokaite dopo un lunghissimo scambio, poi al rientro in campo c'è stata una lotta punto a punto fino al 12-12. Piacenza ha trovato il break sul 13-15 e si è portata sul +3 al secondo time-out tecnico (13-16), poi, proprio come nei set precedenti, ha allignato e ha guadagnato sette match-ball. Le serbe sono riuscite ad annullarne tre, Chiappini allora ha chiamato il time-out e al rientro in campo le sue ragazze hanno chiuso sul 20-25 il parziale e sullo 0-3 la partita.

Giovedì si giocherà l'altro match della Pool E, quello tra VakifBank Istanbul e RC Cannes che vale il primo posto nel girone.
Questa è attualmente la classifica, con Piacenza e Partizan che hanno ovviamente una partita in più: VakifBank Istanbul 6; RC Cannes 4; Piacenza 4; Partizan Vizura Belgrado 1.

Nordmeccanica Rebecchi Piacenza vittoriosa a Belgrado

Foto © CEV

  • shares
  • Mail