MTB - L'Italia si candida per ospitare i Campionati del Mondo

Da tempo si parla della possibilità che in provincia di Belluno, più specificatamente nell'Alpago e nel Nevegal, possano svolgersi i Campionati del Mondo Mountain Bike: oggi questa evenienza sembra potersi concretizzare visto che già da alcuni mesi si è costituito uno specifico consorzio, Veneto Dolomiti 2012, ed alcune settimane fa è stata formalizzata la candidatura ufficiale all'Unione Ciclistica Internazionale accompagnata da un dettagliato progetto esecutivo.

A conclusione della nella prima giornata di gare dell'Mtb Alpago Trophy, terza tappa degli 'Internazionali d'Italia' Mtb in programma sabato 6 e domenica 7 giugno, alcuni rappresentanti del Consorzio Veneto-Dolomiti 2012 hanno incontrato la stampa e le autorità sportive ed amministrative della Regione per illustrare il progetto. Hanno assistito alla riunione due ospiti d'eccezione: il Commissario Tecnico della Nazionale italiana MTB Hubert Pallhuber e la Campionessa Olimpica di Atlanta 1996 e Sidney 2000 Paola Pezzo stavolta non più nella veste di atleta ma nel suo nuovo ruolo di collaboratrice tecnica per il settore femminile delle nazionali italiane di crosscountry.

Sia Pallhuber che Paola Pezzo hanno espresso il loro auspicio che i Mondiali possano nuovamente svolgersi nel nostro Paese. La MTB Alpago con le precedenti esperienze nazionali ed internazionali di cui è stata interprete principale, tra tutte il Campionato Europeo 2006 crosscountry e marathon, ha dimostrato ampiamente di essere all'altezza della situazione.

Così il Consorzio Veneto-Dolomiti 2012 testimonia che l'evento 'Campionati del Mondo Mountain Bike' non è considerato semplice appuntamento di routine, ma scelta sportiva di eccellenza, sulla quale impostare e far convergere una molteplicità di politiche sociali, culturali, sportive, ambientali ed economiche che dovranno lasciare il segno nel tempo, ed i cui effetti dovranno protrarsi oltre lo svolgimento dell'evento stesso. Durante l'incontro è stato poi sottolineato come la candidatura Alpago-Nevegal per i Campionati del Mondo MTB 2012 rappresenti una positiva testimonianza di lavoro di squadra tra due zone che svolgono un loro ruolo significativo nel contesto socio-economico del bellunese.

In nome di questa collaborazione i punti fondanti del progetto sono stati impostati in modo che gli eventi cui si intende dar vita non siano avulsi dal contesto sociale del territorio interessato, ma stimolino il coinvolgimento fattivo ed emotivo degli abitanti e degli operatori economici e professionali presenti in queste zone. Ed è proprio in virtù di questa scelta strategica che autorevoli soggetti quali la Provincia di Belluno, il Comune di Belluno, il Comune di Chies d'Alpago, il Comune di Farra d'Alpago, il Comune di Puos d'Alpago, il Comune di Ponte nelle Alpi, la Comunità Montana dell'Alpago, la Comunità Montana Belluno-Ponte nelle Alpi, l'Associazione Industriali della provincia di Belluno, la Nuova Impianti Sportivi, l'Ascom Belluno, il Consorzio Dolomiti Belluno, la Società ciclistica Chies d'Alpago, l'Equipe Dolomiti hanno dato la loro adesione convinta e partecipata al Consorzio Veneto-Dolomiti.

Ricordiamo infine che l'UCI, nel corso dei Campionati Mondiali di ciclismo su strada a fine settembre di quest'anno, prenderà la decisione finale relativamente all'assegnazione dei Campionati Mondiali MTB 2012. Al momento non si conosce nè il numero nè il nome delle altre sedi candidate oltre a quella di Veneto Dolomiti 2012.

Noi di Outdoor|Blog non possiamo che fare il tifo affinché questa importantissima manifestazione si celebri in territorio italiano dando visibilità all'amata moutain bike!

  • shares
  • Mail