Australian Open 2015 | Risultati 28 gennaio | Djokovic in semifinale con Wawrinka

Australian Open 2015 | Risultati 28 gennaio | Quarti di finale

Stan Wawrinka è il terzo semifinalista dell'Australian Open 2015. Il campione in carica ha sconfitto in tre set Kei Nishikori 6-3 6-4 7-6(6). Migliore prestazione dell'anno per Stan, solidissimo al servizio ed efficace in risposta. Primi due set decisi da un break per parte. Nel terzo, Nishikori tenta l'allungo e strappa per la prima volta il servizio all'avversario nel game iniziale del parziale. Subito ripreso, il nipponico riesce a mantenersi in scia fino al tie break nel quale Wawrinka si porta sul 4-0 e chiude 8-6 al sesto match point a disposizione.

Completa il novero dei semifinalisti, Novak Djokovic. Netta la supremazia del serbo nel match vinto contro Raonic 7-6; 6-4; 6-2 in due ore di gioco. Con un superlativo rendimento in battuta, Nole ha anestetizzato la partita e costretto l'avversario a servire sempre sotto pressione, destabilizzandone ogni piano tattico. Solo nel primo set, Milos è rimasto nel match. Perso il tie break, 7-5, il canadese si è avviato a una rapida sconfitta. Impossibile competere oggi con il numero uno del mondo. A riprova del suo dominio, i 12 punti totali concessi in risposta all'avversario.

Nella semifinale di venerdì, Djokovic avrà l'opportunità di vendicare la sconfitta subita a Melbourne dallo stesso Wawrinka nei quarti di finale della scorsa edizione.

Australian Open 2014 | Quarti di finale | 27 gennaio

Grande sorpresa nei quarti di finale dell'Australian Open 2015. Tomas Berdych interrompe la striscia negativa di 17 sconfitte consecutive ed elimina Nadal. Netta la vittoria del ceco che si impone 6-2; 6-0; 7-6, in quello che passerà alla storia come il peggior ko di Rafa in uno Slam.

Primi due set surreali. Non funziona nulla nel repertorio dello spagnolo. Servizio, dritto e rovescio assenti. Bene invece Berdych. sciolto e ispirato. Il ceco parte subito forte nel primo parziale. Break in avvio e 3-1. Nadal ha due opportunità per rientrare ma le spreca e si eclissa. Arrivano 8 game consecutivi per Berdych che rifila all'avversario il terzo bagel in uno Slam. Incredula la Rod Laver Arena

Rafa cerca di scuotersi e la terza frazione segue la successione dei servizi. E' sempre Berdych però a comandare. Nadal prolunga la contesa annullando due match point sotto 6-5 ma la resa è solo rimandata. Nel tie break, Tomas completa l'opera con il 7-5 finale. Era dal 2006 che non riusciva a battere l'iberico. L'esultanza a fine partita è il giusto premio per un successo tanto bello quanto meritato.

Berdych affronterà Andy Murray nella semifinale di giovedì. Lo scozzese spegne le ambizioni di Kyrgios, sconfitto 6-3; 7-6; 6-3. Prestazione impeccabile dell'ex campione di Wimbledon che ha contenuto il servizio dell'avversario apparso stanco e poco mobile per competere alla pari. Perso 7-5 il tie break del secondo set, Kyrgios ha avuto un sussulto nel terzo quando è riuscito a recuperare immediatamente il break ottenuto da Murray sul 3-2. La parità è durata pochissimo. Andy si riprende subito il vantaggio e gioca gli ultimi due game alla grande, qualificandosi, con merito, alla quinta semifinale in carriera a Melbourne.

Australian Open 2015 | Quarti di finale | 27 gennaio

Sono rimasti in 8 a contendersi il trofeo dell'Australian Open 2015. Cominciano oggi, martedì 27 gennaio, i quarti di finale del torneo maschile. Due le sfide in programma. Le altre si disputeranno domani.

Tra la notte e le prime luci dell'alba, alle 4.30 circa, Rafa Nadal sfida Tomas Berdych. Non è certo un match inedito. I due si sono affrontati ben 21 volte con l'iberico imbattuto da ben 18 incontri. L'ultimo successo di Berdych risale addirittura al 2006, ai quarti di finale del Masters di Madrid che, all'epoca, si giocava ancora sul veloce indoor. Un match che Rafa non ha dimenticato se non altro per il gesto provocatorio dell'avversario che, a fine partita, stizzì polemicamente il pubblico di casa.

Forse solo alla finale di Wimbledon 2010, Berdych si è presentato al cospetto del rivale in una condizione fisica e di gioco simile a quella odierna. Il ceco aveva destato un'ottima impressione già a Doha. A Melbourne sta confermando le attese. Alla stregua di Djokovic è l'unico a essere arrivato sino ai quarti senza aver perso un set anche se, va detto, che il tabellone (Falla, Melzer, Troicki, Tomic) l'ha agevolato e non poco. Nadal a corrente alternata anche se l'ultima prestazione con Anderson negli ottavi è stata piuttosto confortante. Rafa ovviamente favorito ma se Berdych dovesse farcela non sarà solo per la legge dei grandi numeri.

Nella partita del mattino, alle 9.15, Andy Murray testa le ambizioni di Nick Kyrgios. E' la prima per entrambi sulla Rod Laver Arena sulla quale si prevede un'atmosfera incandescente con gli australiani tutti a sostenere il beniamino di casa. Contro Seppi, rimontando da 2 set a 0, Kyrgios ha dimostrato di non essere solo un tennista esuberante, dipendente dal servizio. Murray è avvisato anche se mi stupirei di un altro exploit dell'australiano che, di certo, non disputerà oggi l'ultimo quarto di finale in uno Slam. Sarà una sfida, comunque, tutta da gustare. Chi passa affronterà in semifinale Nadal o Berdych.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail