America's Cup: Luna Rossa si ritira contestando le nuove regole

Clamorosa decisione del Team Luna Rossa, ritiro dall'America's Cup dopo le contestate modifiche regolamentari.

Il team italiano Luna Rossa si ritira ufficialmente dall'America's Cup. La decisione è stata ufficializzata dopo la notizia che gli altri team, su proposta del defender, il Team Oracle, hanno approvato delle importanti modifiche regolamentari che di fatto andranno a vanificare tutto il lavoro sin qui svolto dal punto di vista tecnico sulle imbarcazioni. La giustificazione adottata: "contenere i costi", ma Luna Rossa non ci sta e si chiama fuori. Stando alla versione del team guidato da Patrizio Bertelli è forte il sospetto che questa decisione sia stata presa per sfavorire quanti fra i challenger si stavano dimostrando più pronti per vincere Louis Vuitton Cup e andare a sfidare il defender statunitense nella prossima edizione dell'America's Cup.

Nel comunicato pubblicato sul sito ufficiale del Team Luna Rossa viene chiarito come la modifica regolamentare sia stata approvata, a parere degli italiani, in violazione del principio che imporrebbe l'unanimità per decisioni così rilevanti rispetto alla classe d'appartenenza delle imbarcazioni.


Team Luna Rossa ritiene infatti la procedura seguita illegittima, in quanto si fonda su un palese abuso di diritto che utilizza surrettiziamente le modalità per la modifica del Protocollo allo scopo di ribaltare la Regola di Classe, la quale richiede invece l'unanimità dei team iscritti.
Si pretende così di introdurre imbarcazioni sostanzialmente monotipo, in totale contrasto con la più che centenaria tradizione della Coppa America, accordando inoltre un ulteriore periodo di due mesi per apportare modifiche regolamentari decise a maggioranza.
Tutto ciò rende non credibili ed aleatorie le basi tecniche di quella che dovrebbe essere invece la più sofisticata competizione velica al mondo.

Per gli italiani anche la possibilità di fare ricorso contro questa decisione è vanificata dal colpevole ritardo con il quale il defender non ha ancora istituito la Corte Arbitrale, prevista dal Protocollo, che dovrebbe essere naturale sede per depositare le contestazioni di fronte ad una decisione che stravolge il senso della competizione.

A questo punto il ritiro, già minacciato nei giorni scorsi, è inevitabile ed inderogabile, salvo clamorosi colpi di scena. Queste le parole dell'armatore, Patrizio Bertelli:


Ringrazio tutto il team per l'intenso lavoro svolto durante l'ultimo anno, purtroppo vanificato da questa manovra, senza precedenti nella storia della Coppa America.
Ma nello sport, come nella vita, non si può rincorrere sempre il compromesso del compromesso del compromesso; talvolta si impongono decisioni dolorose ma nette, che sole possono far prendere coscienza delle derive di un sistema e porre così le basi per un futuro di legalità e rispetto dei valori sportivi.

Non vedremo più veleggiare Luna Rossa per conquistare il più antico trofeo sportivo al mondo?

Luna Rossa ritiro

  • shares
  • Mail