Basket: Cantù vince la Supercoppa italiana. Trinchieri: «Meritavamo un riconoscimento».

Andrea Trinchieri, allenatore della Mapooro Cantù, commenta così il primo trofeo della sua avventura lombarda (sul sito ufficiale della squadra):

«Credo che questa società meritasse un riconoscimento per quello che sta facendo e questa sera siamo riusciti a portare a casa la partita. La cosa che mi fa più piacere, aldilà della vittoria contro una squadra che ci aveva battuto più volte, è il modo in cui questo successo è arrivato e in cui i miei giocatori hanno reagito nel secondo tempo»

L'analisi tecnica di Trinchieri, nonostante la gioia per la vittoria, è molto lucida e rispecchia perfettamente l'andamento dell'incontro:

«Nei primi due quarti infatti ci hanno un po' spazzato via fisicamente e abbiamo commesso il grave errrore di non attaccare il canestro, ma di sperare che succedesse qualcosa. Nel secondo tempo invece la squadra ha reagito, ha cambiato registro e lo si è visto con le palle vaganti che sono diventate bianche e non più verdi. Questo ci ha dato una grandissima tranquillità perchè sapevamo di essere in grado di riconquistare la palla. Abbiamo ripreso fiducia e siamo finiti in crescendo a differenza di Siena. Questo ci ha permesso di vincere meritatamente la Supercoppa».

Basket, Supercoppa Italiana 2012: Cantù - Siena 80-73

Supercoppa Italiana Basket 2012: vince Cantù

Basekt, 22 settembre 2012, Rimini. Mapooro Cantù ha vinto la diciottesima edizione della Supercoppa Italiana, battendo la Montepaschi Siena.

Più che di una vittoria, per Cantù è una vera e propria diga innalzata contro lo strapotere dei toscani, che vincevano la supercoppa ininterrottamente dal 2008.

Il punteggio finale, 80-73, non basta a raccontare la sfida. (16-25, 37-42, 59-57)
Pronti-via: il Siena è già show e domina il primo quarto, portandosi sul 5-2, poi sul 14-7, quindi sul 25-16, nove punti, massimo vantaggio. Ma nel secondo quarto la musica cambia. E' vero: Siena rimane avanti quando suona la sirena, 42-37, ma nel parziale Cantù si è riportata sotto con un break di 10-1 e aveva agguantato i rivali sul 26-26.

Dopo l'intervallo, Cantà suona la carica: rimonta, pareggia, sorpassa e si porta avanti di due lunghezze (59-57) quando inizia l'ultima frazione di gioco. Si va avanti punto a punto, fino al 64 pari, ma poi i lombardi, trascinati da Brooks, raggiungono il vantaggio massimo di cinque lunghezze (71-66) e poi chiudono in trionfo contenendo il ritorno dei senesi.

[Foto | Legabasket.it]

  • shares
  • Mail