Arrampicare sul mare: climbing in Corsica

Il nostro viaggio estivo nelle località del mediterraneo continua nella splendida isola corsa, la cui tradizione montana è indiscutibile. Gli escursionisti di tutto il mondo qui vengono per affrontare il famigerato GR 20, percorso escursionistico molto arduo che va da una parte all'altra dell'isola. Qui un nutrito reportage sul percorso.

Il Boulder si pratica ovunque. Sopra un video girato nei dintorni della spiaggia di Aregno, Algajola, vicino Calvi. Una moltitudine di ottimi blocchi con passaggi di tutti i tipi e difficoltà. Altrettanto suggestive le falesie dell'isola. Se cercate vie con più tiri vivamente consigliato uno dei paradisi europei dell’arrampicata su granito, sul colle della Bavella, dove una serie di torri (le Aiguilles) e di una gran quantità di pareti sparse nei valloni laterali fa la felicità di climber in cerca di avventura. Planet Mountain le descrive così:

Alcune formazioni rocciose ricordano quelle della Gallura sarda, a duomi di granito, mentre altre sono di tipo più alpino, delle vere e proprie cime rocciose. Grandiose sono le placche del massiccio del Polischellu (Teghie Lisce), apparentemente inscalabili, veramente un angolo di Yosemite in pieno Mediterraneo. Completano il quadro la bellissima guglia della Punta Lunarda (un piccolo Dru) e le pareti selvaggie e isolate della Tafunata di Paliri.

Ancora a Restonica, una lunga vallata che parte dalla cittadina di Corte e si inoltra nel cuore delle montagne corse, sino ai 2600 metri del Monte Renoso. Se avete intenzione di inoltrarvi sulle montagne corse la guida di riferimento è "Arrampicate sportive in Corsica" di Maurizio Oviglia, profondo conoscitore del territorio.

  • shares
  • Mail