Oggi inizia il Giro d'Italia 2015

Un sogno chiamato "Maglia rosa": 21 tappe per incoronare il nuovo campionissimo del Giro

Finalmente le strade italiane torneranno a colorarsi di rosa. Oggi infatti si disputerà la prima tappa della 98esima edizione del Giro d'Italia, una cronosquadre in terra ligure con partenza da San Lorenzo a Mare ed arrivo a Sanremo. Purtroppo il campione in carica, il colombiano Nairo Quintana, ha deciso di disertare il Giro di quest'anno optando per una preparazione mirata per il Tour de France; una scelta fatta anche dal "nostro" Vincenzo Nibali e dal britannico Chris Froome.

Al di là delle assenze non si tratterà di certo di un Giro in tono minore perché quest'anno, dopo tre anni di attesa, Alberto Contador (Tinkoff-Saxo) ha deciso di tornare a correre in Italia, ovviamente con l'obiettivo di vincere. Ad insidiare il campionissimo spagnolo, sicuramente il grande favorito di questa edizione, ci saranno ottimi corridori come il colombiano Rigoberto Uran (Etixx-Quick Step), l'australiano Richie Porte (Team Sky) ma anche e soprattutto l'azzurro Fabio Aru (Astana), già terzo nella passata edizione.

Con i suoi 24 anni Aru è il più giovane tra i corridori di classifica realmente accreditati per la vittoria finale. Lo scorso anno mise in luce una classe cristallina, riuscendo a strappare a Giro iniziato i gradi di capitano a Michele Scarponi. Quest'anno Aru avrà un'intera squadra a sua disposizione fin dal primo giorno e quindi per lui sarà più semplice gestire la corsa.

L'Astana crede molto in Aru e proprio per questo motivo ha deciso di puntare su di lui al Giro, inducendo contestualmente Nibali a rinunciare all'idea avanzata nell'ottobre scorso, ovvero di provare a correre - per vincere - le due corse a tappe più importanti, puntando a fare una doppietta come quella di Pantani nel 1998. C'è comunque grande armonia nel team kazako perché lo stesso Aru ha dichiarato più volte di essere pronto a correre anche il Tour da gregario per aiutare Nibali a centrare il secondo successo consecutivo.

Fabio Aru Astana

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail