Scherma, Mondiali Mosca 2015: per Rossella Fiamingo secondo oro consecutivo

Bis iridato nella spada femminile per Rossella Fiamingo.

Rossella Fiamingo campionessa del mondo di spada 2015

Per l'Italia della scherma è arrivata la prima medaglia ai Mondiali 2015 in corso a Mosca. Nel giorno della spada ecco l'oro di Rossella Fiamingo, il secondo consecutivo per l'azzurra che oggi ha surclassato in finale la svedese Emma Samuelsson, battuta nettamente 15-5. La due volte campionessa del mondo grazie al successo odierno si è assicurata anche la coppa del mondo di specialità.

Rossella ha cominciato il torneo direttamente dal tabellone principale eliminando prima la svedese Sanne Gars per 15-12, poi in sequenza l'altra svedese ora naturalizzata brasiliana Nathalie Moelhausen per 15-9 e agli ottavi la statunitense Courtney Hurley per 15-11. Ai quarti è arrivato il derby con Bianca Del Carretto, che Fiamingo ha vinto per 15-14, poi il successo in semifinale contro la tunisina Sarra Besbes per 15-10.

Oltre a Fiamingo e Del Carretto in gara ci sono state anche Mara Navarria e Francesca Boscarelli. Eccetto la campionessa del mondo, le altre tre azzurre sono partite dalla fase a gironi e l'hanno superata tutte e tre, poi Navarria è arrivata fino al tabellone delle 32 perdendo contro la cinese Xy Anqi per 15-4, mentre Boscarelli è uscita al primo turno del tabellone principale contro la connazionale Del Caretto che si è imposta per 12-11 al minuto supplementare.

Oggi si sono disputate anche le fasi finali della gara di spada maschile individuale, ma gli azzurri non hanno avuto molta fortuna. Marco Fichera e Andrea Santarelli sono partiti dalla fase a gironi e l'hanno superata, poi Fichera è uscito agli ottavi contro il cinese Li Zhen, battuto per 15-7, mentre Santarelli è amato avanti fino ai quarti, sconfitto per una sola stoccata, 15-14, dal danese Jorgensen.

Paolo Pizzo ed Enrico Garozzo hanno cominciato il torneo direttamente dal tabellone principale. Pizzo è uscito al secondo turno sconfitto 15-12 proprio dal compagno di squadra Fichera, mentre Garozzo è arrivato fino ai quarti dove è stato fatto fuori dal coreano Jung Seung Hwa per 15-9.

Foto © Federscherma

  • shares
  • Mail