Final Six World Grand Prix Volley 2015: Italia battuta dagli Usa 3-1

Un’altra sconfitta per le azzurre contro le campionesse del Mondo.

Italia sconfitta 3-1 dagli Usa in Final Six del WGP 2015

Si sapeva che questa Final Six del World Grand Prix 2015 sarebbe stata durissima per l’Italia, la cui vittoria più importante è stata arrivare a giocarla. Le azzurre non possono nutrire grandi speranze contro le cinque squadre più forti al mondo, ma le giovani ragazze scelte da Marco Bonitta per questo importante torneo della prima metà della stagione si stanno certamente facendo le ossa e prima o poi se ne coglieranno i frutti. In fondo anche oggi contro le campionesse del mondo in carica nonché padrone di casa a Omaha, l’Italia almeno per un set si è fatta valere.

Nella notte italiana Bonitta ha mandato in campo Malinov al palleggio, Diouf opposto, Lucia Bosetti e Tirozzi in banda, Guiggi e Chirichella al centro più De Gennaro libero e nel corso del match ha dato spazio anche a Sorokaite, Sylla e Caterina Bosetti.

Gli Stati Uniti sono partiti subito forte nel primo set portandosi rapidamente sul +3 (6-3) e poi sul +4 (7-3) giungendo così al primo time-out tecnico con il doppio dei punti dell’Italia (8-4). Al rientro in campo il gap è aumentato e gli Usa sono volati sul +7 (12-5), ma l’Italia non si è data per vinta e si è riportata sotto fino al -3 (15-12). Il nuovo allungo delle americane (dal 16-13 al 19-13) è però stato fatale e così le padrone di casa si sono guadagnate con Lowe ben otto palle-set, l’Italia con un muro vincente ne ha annullata una, ma poi ancora Lowe ha chiuso sul 25-17.

Nel secondo set di nuovo subito avanti gli Usa, 6-3 e poi 8-5 alla prima pausa obbligatoria. Il distacco è aumentato fino al +7 (16-9) al secondo time-out tecnico e in questo caso l’Italia non è mai riuscita ad accorciare il gap e con un errore in attacco ha regalato alle americane ben 11 palle-set, una sola annullata da un servizio sbagliato degli Usa che poi con Robinson hanno chiuso sul 25-14.

Nel terzo set è finalmente arrivata la riscossa dell’Italia che ha cominciato subito bene, si è portata al primo time-out tecnico sul +3 (5-8), poi ha incrementato il vantaggio arrivando sul +5 alla seconda pausa obbligatoria (6-11), ma ha subìto un black-out dall’11-17 al 14-17, tanto che Bonitta ha dovuto chiamare il time-out. Al rientro in campo il vantaggio è tornato a salire fino a che le azzurre hanno ottenuto nove palle-set e con un ace di Bosetti hanno chiuso sul 15-25.

L’inizio del quarto set è stato il più equilibrato e al primo time-out tecnico gli Usa si sono ritrovati avanti di un solo punto (8-7), ma al rientro in campo sono riusciti a prendere il largo fino al +4 (14-10), che è diventato +5 a ridosso della seconda pausa obbligatoria (16-11). L’Italia non ha mollato ed è riuscita a riportarsi sotto fino a -2 (16-14) con tre punti di fila, poi Kiraly ha chiamato il time-out e Dietzen ha permesso agli Usa di tornare a macinare punti (17-14). Sorvoliate ha riportato l’Italia a -1 (17-16), ma un errore al servizio ha permetto agli Usa di avere di nuovo un break di vantaggio (18-16) e poi di involarsi definitivamente verso la vittoria grazie aa un muro di Dietzen (19-16) e poi uno di Lowe (20-16). Le americane hanno guadagnato sei palle-match (24-16) e con Lowe hanno chiuso sul 25-18.

Risultato finale: Usa-Italia 3-1 (25-17, 25-14, 15-25, 25-18)

Il prossimo impegno dell’Italia è a mezzanotte contro un’altra durissima avversaria, la Cina.

Questi tutti gli altri risultati finora nella Final Six di Omaha:

Brasile-Cina 3-1 (23-25, 25-20, 25-16, 25-14)
Italia-Russia 0-3 (24-26, 26-28, 19-25)
Usa-Giappone 3-0 (25-12, 25-15, 25-18)
Brasile-Russia 0-3 (19-25, 26-28, 19-25)
Giappone-Cina 0-3 (20-25, 19-25, 12-25)

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail