Tour de France 2015, Froome "Sono arrivato al limite". Quintana: "Ho perso il Tour la prima settimana"

L'Alpe d'Huez ha decretato il vincitore del Tour de France 2015: Chris Froome, che fa il bis con il successo del 2015.

Chris Froome e Nairo Quintana Tour de France 2015

Nonostante il secondo posto in classifica generale e in quella degli scalatori e la vittoria nella classifica giovani, il Tour de France 2015 non è da archiviare come particolarmente positivo per Nairo Quintana, vittima del fatto che su di lui c'erano troppe attese e forse anche di qualche strategia sbagliata della sua squadra, la Movistar.

Chris Froome, invece, si ritrova a festeggiare la sua seconda Maglia Gialla grazie all'exploit nella tappa con l'arrivo a La Pierre-Saint-Martin, la decima, dopo la quale poi si è solo difeso grazie a una affinata bravura tattica e soprattutto grazie al decisivo supporto della sua squadra. Infatti, se c'è un vincitore che merita gli applausi più di tutti in questo Tour, ancor più dell'uomo che indossa la Maglia Gialla, è proprio il Team Sky che è arrivato a questo appuntamento con quasi tutti gli uomini al massimo della forma: su tutti ha sorpreso Geraint Thomas, che dopo una primavera da protagonista è ancora al top anche sulle montagne che finora non erano mai state il suo terreno privilegiato, ma molto bene anche Richie Porte che dopo la delusione del Giro d'Italia in cui correva per se stesso, è stato più bravo da gregario, fondamentale sull'Alpe d'Huez (ma lo fu anche nel 2013) a sostenere un Chris Froome sull'orlo della crisi e a contenere l'esuberanza del compagno di squadra Wouter Poels che stava rischiando di mandare il suo capitano fuori giri.

Lo stesso Froome ha ammesso quanto è stata dura per lui la penultima tappa sull'Alpe d'Huez:

"Ci sono state tante emozioni e molti pensieri nella mia testa durante gli ultimi chilometri. Ci sono stati dei momenti in cui mi sono sentito seriamene in pericolo, ma ho sempre avuto i miei compagni di squadra con me, soprattutto Richie Porte che mi è stato accanto fino alla fine. Ho pensato a tutti i sacrifici, agli allenamenti, a tutto il tempo sottratto a mia moglie e alla mia famiglia. Tutti questi pensieri mi sono passati per la testa. Ero proprio a limite sull'ultima salita, la tappa era solo di 110 km, ma a me sono sembrati 300!"

Nairo Quintana, che chiude il Tour senza aver vinto una tappa, ha ammesso:

"Ho perso il Tour la prima settimana in Olanda, quando ho ceduto un minuto e mezzo a Zélande. La squadra è stata coinvolta in una caduta che ci ha lasciati al vento senza protezione"

Tuttavia il colombiano si è anche detto piuttosto soddisfatto del secondo posto e del fatto di salire sul podio del Tour de France insieme con il compagno di squadra Alejandro Valverde, sul quale ha detto:

"Sono molto contento per lui. È un podio che cercava da quasi tutta la sua carriera sportiva. È un grande corridore che riesce a essere competitivo da gennaio a dicembre, sia nelle gare di una settimana, sia in quelle di un solo giorno e ora è anche sul podio di un grande Giro da tre settimane"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail