Atp Cincinnati 2015 | Federer, Djokovic e Murray in semifinale | Risultati del 21 agosto

federer-quarti-di-finale-atp-cincinnati-2015.jpg

02.10: Federer raggiunge la semifinale con il 6-3; 6-4 rifilato a Feliciano Lopez. . Altra bella e convincente vittoria per lo svizzero.
Primo set in totale controllo per Federer. Tutto molto rapido, appena 25 minuti. Lopez non gioca male ma non può nulla quando Roger decide di accelerare e di prendersi il break che arriva, quasi inevitabile, sul 3-2, a 15, agevolato anche da due errori dell’iberico. Ottenuto il vantaggio, Roger lo controlla agevolmente fino al 6-3 con Lopez che si limita a due soli punti in risposta.

L’unico pericolo del match per Federer arriva nel sesto game del secondo parziale quando Lopez si ritrova sullo 0-40 con tre break point a disposizione. Roger li sventa grazie al supporto dell’immancabile prima di servizio e lo rimonta con cinque punti di fila. L’occasione persa deprime l’iberico che, nel game seguente, cede a sua volta la battuta a 15. La volee di dritto che regala il punto del 4-3 a Federer sigilla la qualificazione per l’elvetico. Finisce 6-4 in un'ora esatta con Lopez che incassa la dodicesima sconfitta in altrettanti confronti diretti. Sabato, per Roger, big match in semifinale con Murray

murray-atp-cincinnati-2015.jpg

23.55: Andy Murray è il terzo semifinalista. Altra vittoria in rimonta, in tre set, per il britannico contro Gasquet sconfitto 4-6; 6-1; 6-4. Nel primo set, dopo un'iniziale fase di equilibrio, Andy spreca tre break point sul 4-3 in un game molto combattuto durato 13 minuti per poi cedere malamente la battuta, a 30, nel successivo turno di servizio con Gasquet lesto a chiudere 4-6. Secondo set a senso unico. Murray lo domina 6-1 grazie a un rapido 4-0 iniziale ma la partita è ancora viva. Nella terza frazione, uno scambio di break iniziale precede il nuovo allungo del britannico che arriva sul 4-4 con uno score di 8 punti a 3 negli ultimi due game. Per Murray è la seconda semifinale in 7 giorni dopo quella raggiunta, la scorsa settimana, a Montreal.

20.15: Uno splendido Dolgopolov batte Berdych 6-4; 6-2 e conquista la seconda semifinale in carriera in un Masters. Perfetta la prestazione al servizio dell'ucraino che non concede palle break in 9 turni in battuta. Il contrario di Berdych che concede il break 2-2 che gli costa il primo parziale e crolla nel secondo, dominato dai vincenti di Dolgo che, domani, sfiderà Djokovic per la finale. Non male per chi appena una settimana fa era impegnato nel torneo di qualificazione

djokovic-quarti-atp-cincinnati-2015.jpg

18.20: Novak Djokovic è il primo semifinalista. Sconfitto Wawrinka in due set con il punteggio di 6-4; 6-1.

Primo set in sostanziale equilibrio. Qualche bel colpo e discreta giocata da parte di entrambi i contendenti. deliziano gli spettatori. E’ Djokovic, tuttavia, il più continuo tra i due e basta un piccolo passaggio a vuoto di Wawrinka per permettergli di incamerare il parziale. Accade sul 4-4 con il doppio fallo di Stan che regala il break e il conseguente 6-4 al serbo.

I game consecutivi per Nole diventano 5 in avvio di seconda frazione quando un altro sciagurato turno in battuta di Stan (rimontato da 30-0 con quattro punti di fila) consegna un altro break a Nole, prontamente confermato per il 2-0. Non è il Wawrinka di Parigi e l’ulteriore conferma con il terzo break consecutivo, subito di nuovo in rimonta da 30-15. Sul 3-0, Djokovic diventa oltremodo irraggiungibile e la partita finisce 6-1 (con break finale) in appena un’ora di gioco, sicuramente meno di quanto si aspettasse il numero uno del mondo che prosegue così l'inseguimento all'unico titolo Masters di cui è sprovvista la sua bacheca di trofei.

Atp Cincinnati 2015 | Presentazione quarti di finale

Atp Cincinnati 2015. Venerdì 21 agosto con i quarti di finale tra gli ultimi otto contendenti rimasti a contendersi il titolo del Western&Southern Open. Di seguito una presentazione dei quattro match di giornata in ordine di orario.

Djokovic - Wawrinka (ore 17): Si comincia subito con il match clou. Non può essere (e non sarà) la rivincita della finale del Roland Garros. Si gioca su un'altra superficie e in un torneo di minor livello. E' certo però che il ricordo di quella sconfitta è ancora vivo nella mente di Djokovic. Ieri, contro Goffin, il serbo ha rischiato grosso, rimontando l'avversario da 0-3 nel terzo set. Oggi avrà bisogno di ben altra prestazione anche se il Wawrinka attuale non è certo quello di Parigi. Dovesse passare, Stan infliggerebbe a Nole un'altra delusione, impedendogli di conquistare l'unico Masters che manca al suo palmares.

Berdych - Dolgopolov (18.30): L'ucraino torna ai quarti di un Masters a un anno e mezzo di distanza dallo stesso traguardo raggiunto a Miami '14. Anche allora Dolgo si è trovato contro Berdych, vincitore 6-4; 7-6 nell'ultimo dei quattro precedenti disputati contro il Guru, sempre perdente contro il ceco. A Cincinnati, Tomas ha lasciato solo 6 game in tutto a Bellucci e Robredo, dimenticando la deludente eliminazione all'esordio di Montreal con Young. Non credo che la semifinale gli sfuggirà anche se Dolgopolov può stupire.

djokovic-wawrinka-quarti-di-finale-atp-cincinnati-2015.jpg

Murray - Gasquet (ore 22 circa): Andy in striscia vincente da Montreal cerca la seconda semifinale consecutiva in una settimana contro un Gasquet particolarmente ispirato. Smaltita l'influenza che l'ha colpito la scorsa settimana, Richard ha sconfitto Kyrgios, Kokkinakis e Cilic, non certo tre avversari tra i più comodi da affrontare. Ieri, contro Dimitrov, Murray è stato a un passo dalla sconfitta con un match point annullato nel terzo set, situazioni queste che possono far dimenticare anche l'inevitabile fatica che sopraggiunge dopo due settimane giocate a tutta. Murray, comunque, favorito per la possibile semifinale con Federer.

Federer - F.Lopez (ore 1): La lunga pausa post Wimbledon deve aver giovato, e non poco, a Federer, apparso davvero in grande spolvero nei primi due turni con Bautista Agut e Anderson, dominato in appena due ore di gioco complessivo. F.Lopez arriva all'appuntamento odierno in fiducia dopo la bella vittoria, in rimonta, su un Nadal ancora troppo altalenante. Sarà dura tuttavia, per lui, evitare la dodicesima sconfitta consecutiva in altrettante sfide contro il detentore del titolo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail