Classica di Amburgo 2015: vittoria di Greipel davanti a Kristoff e Nizzolo | Video

Il Gorilla conferma il suo splendido stato di forma alla Vattenfall Cyclassics 2015.

Se in primavera i due dominatori tra i velocisti sono stati senza dubbio Alexander Kristoff e John Degenkolb, nella seconda parte della stagione si può certamente parlare di estate calda di André Greipel. Il tedesco della Lotto Soudal che ha fatto poker al Tour de France di fatto non si è mai fermato e oggi ha messo a segno un altro colpo: ha vinto la Vattenfall Cyclassics, nota anche come Classica di Amburgo, imponendosi a suo modo, di prepotenza, nella volata finale proprio davanti ad Alexander Kristoff, che l'aveva vinta l'anno scorso. Il norvegese sale sul podio per la terza volta consecutive dopo il terzo posto del 2013 e il primo dell'anno scorso ed è al suo terzo podio ad Amburgo anche Giacomo Nizzolo, il velocista della Trek quest'anno Maglia Rossa al Giro d'Italia, che nel 2012 arrivò terzo dietro ad Arnaud Démare e Greipel e l'anno scorso secondo dietro Kristoff, mentre quest'anno è di nuovo terzo.

Per quanto riguarda gli italiani in top ten ce ne è un'altro, dell'unica squadra World Tour del nostro Paese, la Lampre-Merida: è Niccolò Bonifazio, che si è piazzato al nono posto, mentre il suo compagno Davide Cimolai è undicesimo.

Il gruppo è rimasto oggi compatto per i primi 15 km, poi ha lasciato spazio a una fuga di quattro uomini: Matteo Bono della Lampre-Merida, Alex Dowsett della Movistar, Martin Mortensen della Cult Energy e Jan Bárta della Bora-Argon 18. Questi battistrada sonda rrivti ad avere un massimo vantaggio di circa cinque minuti, poi il gruppo guidato soprattutto dal Team Katusha aiutato a tratti dalla Lotto-Soudal e dalla MTN-Qhubeka si è avvicinato e alla prima salita del Waseberg era staccato di un solo minuto.

Bono e Mortensen hanno provato ad avvantaggiarsi sugli altri, ma sono stati raggiunti da Matteo Boaro della Tinkoff-Saxo, Philippe Gilbert della BMC e Matthias Brändle della IAM. Questo nuovo gruppetto di battistrada non ha avuto fortuna perché il gruppo li ha ripresi poco dopo e lo stesso ha fatto con Fabio Felline della Trek e Alexey Lutsenko dell'Astana, che hanno provato a creare una nuova fuga. Sull'ultima scalata del Waseberg è stato Linus Gendermann della Cult Energy a dare il via a un'azione d'attacco, subito assecondato da Julian Alaphilippe dell'Etixx-Quick Step, ma il loro tentativo è durato poco, così come quello di Diego Ulissi della Lampre-Merida che ha cercato di partire in contropiede quando il tedesco e il francese sono stati raggiunti dal gruppo.

A 2 km dall'arrivo c'è stat a una caduta che ha visto coinvolto anche Mark Cavendish dell'Etixx-Quick Step che non ha così potuto tentare di vincere la volata finale che ha visto invece il trionfo di André Greipel in rimonta su Kristoff. Per il Gorilla è il primo successo in questa corsa dopo il terzo posto del 2010 e i secondi posti del 2012 e 2013.

Greipel ha vinto la Classica di Amburgo 2015

Questi i primi dieci all'arrivo, tutti con lo stesso tempo:


    1) André Greipel (Lotto Soudal) 4h 57' 04"
    2) Alexander Kristoff (Katusha)
    3) Giacomo Nizzolo (Trek)
    4) Tom Boonen (Etixx - QuickStep)
    5) Greg Van Avermaet (BMC)
    6) Arnaud Démare (FDJ)
    7) Matti Breschel (Tinkoff - Saxo)
    8) Ramon Sinkeldam (Giant - Alpecin)
    9) Niccolò Bonifazio (Lampre - Merida)
    10) Rasmus Guldhammer (Cult Energy)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail