Us Open 2015 | Federer e Wawrinka ai quarti, Murray eliminato | Risultati del 7 settembre

Le partite della notte: Federer non lascia scampo a Isner e lo batte 7-6(0); 7-6(6); 7-5. Partita che ricalca le aspettative della vigilia nella dinamica del gioco e del risultato. Nel primo set, l'unico a concedere palle break è Isner nel sesto game rimontando da 15-40 con una prima vincente e una volee che esalta il pubblico dell'Arthur Ashe. Nell'inevitabile tie break, Federer sale in cattedra e costringe l'americano a perdere il primo TB della carriera, 7-0.

Nel secondo parziale, i game sono più combattuti e anche Federer concede chance in risposta al rivale in particolare sull'1-2 quando risale da 0-40 per poi sventare un altro break point ai vantaggi. Isner ci riprova anche sul 3-4 ma Roger si salva di nuovo e, nel tie break seguente, spegne le ambizioni di Long John con l'8-6 in rimonta da 2-4, agevolato anche dall'errore dell'avversario che sbaglia una volee a campo aperto che avrebbe potuto portarlo sul 2-5.

Nonostante la batosta, Isner ha il merito di restare in partita nel terzo set ma è Federer a condurre le ostilità. Roger fallisce tre chance per l'allungo sul 4-3; 0-40 subendo cinque punti di fila. Poco male per Roger. La stessa situazione si ripete sul 6-5 e, stavolta, l'americano capitola con l'errore finale con la volee di dritto che manda Roger ai quarti di mercoledì contro il sempre più positivo Gasquet vincitore su in rimonta su Berdych 2-6 6-3 6-4 6-1.

us-open-2015-federer-isner.jpg

Finisce il torneo di Murray eliminato da un ottimo Anderson 7-6; 6-3; 6-7; 7-6(0). Primo set che segue la successione dei servizi fino al tie break vinto dal sudafricano, sempre avanti nel punteggio, 7-5. Nel secondo, Andy si ritrova subito a inseguire e Anderson, sempre più in fiducia, continua a affondare i colpi e sale 5-1 con doppio break a favore. Il britannico ne recupera uno ma non riesce a evitare il 6-3.

Nubi nerissime si addensano sulla serata del britannico dopo il break per Anderson che apre il terzo parziale. Murray lo recupera prontamente e ne piazza un altro ma il vantaggio dura pochissimo. Kevin lo aggancia sul 3-3 e Andy, nervosissimo, distrugge la racchetta. Senza ulteriori sussulti si arriva al tie break nel quale Murray si impone 7-2. La partita però non gira e Anderson conclude al meglio la splendida serata newyorchese con il magnifico 7-0 nel tie break del quarto set che gli regala la prima qualificazione Slam nei quarti di finale. Sarà il sudafricano il prossimo avversario di Wawrinka.

21.30: Stan Wawrinka è il primo tennista della parte bassa del tabellone ad accedere ai quarti di finale. Dopo un ottimo torneo, Young si arrende 6-4; 1-6; 6-3; 6-4. Si distrae un set l'elvetico per poi riprendersi prontamente nel terzo parziale con il 4-0 iniziale che ristabilisce le distanze dall'avversario e ne azzera, di fatto, le chance di qualificazione già prima del break con cui si apre la quarta frazione, amministrato in sicurezza da Stan fino al 6-4 conclusivo. Per Stan è la quarta qualificazione ai quarti di finale in altrettanti tornei dello Slam.

wawrinka-ottavi-us-open-2015.jpg

Us Open 2015 | Programma maschile, 7 settembre

var _srapiq = _srapiq || []; id_obj = 68974; id_div = 'video_'+id_obj; advUrl = ''; playerType = ''; _srapiq.push(['init', '89df43f0e4a9357fb']); _srapiq.push(['embedVideo', id_div , '55ed708fe5e168a0464cac6a', '', id_obj]); (function () { var sr = document.createElement('script'); sr.type = 'text/javascript'; sr.async = true; sr.src = "https://sdk.digitalbees.it/jssdk.js"; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(sr, s); })();

Us Open 2015. Torneo maschile. Oggi, lunedì 7 settembre, gli ultimi 4 match di ottavi di finale. In campo Federer, Wawrinka e Murray. Ecco una presentazione dei match odierni in ordine di orario.

Wawrinka - Young (19 circa): Ottavo decisamente sorprendente sull'Arthur Ashe per la presenza di Donald Young, autentica sorpresa del torneo e protagonista di due belle vittorie in rimonta, sotto di due set, contro avversari di ottimo livello come Simon e Troicki. Finora è stato uno Us Open al risparmio per Stan, agevolato da un tabellone davvero agevole che gli ha riservato 3 turni alquanto alla portata con Ramos, Chung e Bemelmans. Nonostante le belle prestazioni precedenti, a mio parere, Young non può rappresentare un ostacolo per l'elvetico.

Murray - Anderson (21 circa): Partita non delle più per Murray atteso sul GrandStand da un avversario che può procurargli non pochi problemi specie se supportato da buone percentuali con la prima di servizio. Ne sa qualcosa Djokovic costretto a una faticosa rimonta contro il sudafricano nella scorsa edizione di Wimbledon. Un Murray, a corrente alternata quello visto fino a F.Meadows che deve ritrovare il suo miglior tennis nelle fasi decisive del torneo. Si inizia stasera con Wawrinka, sullo sfondo, nell'eventuale quarto di finale.

Berdych - Gasquet (a seguire): Altro match di ottavi davvero interessante tra due tennisti quasi agli antipodi. Solido e potente il ceco, più talentuoso ed estemporaneo il francese. Berdych si è aggiudicato le ultime tre sfide dirette disputate con Richard, la più recente, la scorsa primavera sulla terra di Madrid. Pronostico incerto ma scelgo Berdych.

Federer - Isner (alle 3): Non poteva non disputarsi nella sessione serale e sul Centrale l'ottavo di finale più atteso di giornata tra Roger e il gigante americano che si ritrovano contro a Flushing Meadows a 8 anni dal primo confronto diretto vinto da Federer, futuro campione, in quattro set. L'esito della partita, manco a dirlo, dipenderà tutto dalla tenuta in battuta di Long John. Se la prima non dovesse essere efficace e gli scambi si prolungano, il Federer attuale non dovrebbe fallire l'appuntamento con i quarti.

federer-isner-us-open-2015.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail