World Cup Volley 2015: l’Italia batte anche l’Egitto 3-1

Il prossimo impegno degli azzurri è sabato mattina contro gli Stati Uniti, di nuovo alle 5:10 del mattino.

World Cup Volley 2015 l'Italia batte l'Egitto 3-1

Con un po’ più di sofferenza del previsto l’Italia è riuscita a battere anche l’Egitto in quattro set e arriva al big match con gli Stati Uniti, che la attende sabato mattina, a punteggio pieno.
Chicco Blengini anche oggi ha insistito sullo stesso sestetto iniziale secondo il principio “squadra che vince non si cambia” con Giannelli in regia, Zaytsev opposto, Juantorena e Lanza in banda, Buti e Piano al centro più Colaci libero.

Nel primo set Buti e compagni si sono ritrovati subito a inseguire, 6-8 al primo time-out tecnico e 13-16 al secondo. Di fatto non sono più riusciti a riacciuffare l’Egitto che ha guadagnato quattro palle-set e grazie a un errore in attacco di Juantorena ha chiuso sul 25-20.

Il secondo set è stato molto equilibrato. L’Italia è riuscita ad arrivare in vantaggio di un punto alla prima pausa obbligatoria (8-7), al rientro in campo ha allungato sul +3 (10-7), ma è stata presto raggiunta dagli avversari sull’11-11 e ha poi ingaggiato una lotta punto a punto fino al secondo time-out tecnico al quale è arrivata di nuovo sul +1 (16-15). Alla ripresa del gioco gli azzurri hanno trovato il break (18-16) e lo hanno mantenuto fino a quando l’Egitto non gli ha riacciuffati sul 20-20 con un muro di Elkotb. L’Egitto ha compiuto il sorpasso (20-21), l’Italia ha prima pareggiato con Piano e poi è passata in vantaggio, ma l’Egitto ha chiamato il time-out discrezionale e poi ha di nuovo ristabilito la parità sul 22-22 con Abou. Elkotb ha prima regalato un punto agli azzurri, poi ha di nuovo pareggiato sul 23-23, Juantorena ha trovato il set-point, ma ancora Elkotb lo ha annullato e lui stesso ha attaccato fuori regalando un altro punto, controllato al video-check, all’Italia che ha poi chiuso il set sul 26-24 con Zaytsev.

Nel terzo set l’Italia trascinata da Juantorena è arrivata sul +2 (8-6) al primo time-out tecnico e ha allungato sul +3 fino a al secondo (16-13). Alla ripresa del gioco il distacco è aumentato fino al +4 (dal 17-13 al 20-16) e poi al +5 (21-16). L’Egitto ha chiamato il time-out e ha recuperato un punto con Hazzan, poi l’Italia ha guadagnato cinque palle set (24-19), ma l’Egitto ne ha annullate due e Blengini ha dovuto chiamare il time-out. Abdelhay ha annullato un’altra palla-set, ma Juantorena ha finalmente chiuso il set sul 25-22.

Nel quarto set l’Italia è partita subito forte, decisa a chiudere la partita. È arrivata al primo time-out tecnico con il doppio dei punti degli avversari (8-4), poi ha dilagato arrivando addirittura sul 16-6 alla seconda pausa obbligatoria. L’Egitto è riuscito a recuperare qualche punticino e sul 17-10 Blengini ha chiamato il time-out e i suoi ragazzi hanno allungato sul 19-11, infine hanno ottenuto ben dodici palle-match (24-12), solo una annullata dall’Egitto che poi con un errore al servizio ha regalato agli azzurri il definitivo 25-13 e dunque 3-1. Ivan Zaytsev con i suoi 24 punti è stato giustamente eletto MVP.

Il risultato finale completo è: Italia-Egitto 3-1 (20-25, 26-24, 25-22, 25-13)

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail