World Cup Volley 2015: l'Italia fa il compitino con la Tunisia. Colaci MVP

Domani mattina alle 8:10 ultima partita a Osaka per gli azzurri contro il Venezuela.

Italia-Tunisia 3-0 World Cup Volley 2015

L'Italia ha vinto la sua sesta partita su sette alla World Cup 2015 di pallavolo maschile. Nonostante il 3-0 rifilato stamattina alla Tunisia, però, c'è da dire che oggi gli azzurri erano un po' svogliati perché chiaramente il match non offriva molte motivazioni. In ogni caso i ragazzi di Blengini sono riusciti a portare a termine anche oggi il loro compitino, anche se, soprattutto nel secondo e terzo set, ci si aspettava un distacco maggiore dai tunisini che invece, nonostante la pochezza tecnica e tattica, sono sembrati molto volenterosi. MVP del match è stato eletto oggi il nostro libero Massimo Colaci.
Qui di seguito il racconto del match set per set.

Risultato finale: Italia-Tunisia 3-0 (25-18, 25-23, 25-22)

Chicco Blengini non ha sostanzialmente cambiato il sestetto titolare: anche oggi ha schierato Giannelli in regia con Zaytsev opposto, Juantorena e Lanza in banda, Anziani al centro con Piano fin dall'inizio più Colaci libero. La Tunisia ha risposto con Jerbi al palleggio, Ben Othmen, Karamosli e Nagga a schiacciare, Agrebi e Miladi centrali più Korbosli libero.

Primo Set - Proprio come ci si attendeva è stato un set a senso unico. L'Italia ha condotto con sicurezza fin dai primi palloni arrivando sul'8-5 al primo time-out tecnico e sul 16-19 al secondo, poi ha incrementato il vantaggio ottenendo infine nove palle-set. La Tunisia è riuscita ad annullarne tre, ma alla fine ha sbagliato il servizio e gli azzurri hanno conquistato il parziale per 25-18. Nel finale di set c'è stato spazio anche per il doppio cambio con Sottile in regia e Vettori opposto.

Secondo Set - Un po' più sofferto questo parziale per gli azzurri che, dopo essere arrivati nuovamente sull'8-5 al primo time-out tecnico, hanno calato il ritmo tanto che la Tunisia si è avvicinata a -1 (12-11), ma la reazione dell'Italia si è fatta sentire e alla seconda pausa obbligatoria ci è arrivata sul 16-11. Al rientro in campo ancora qualche rallentamento degli azzurri che ha permesso ai nordafricani di avvicinarsi a -2 sul 20-18 e poi addirittura a -1 sul 23-22. Lanza ha trovato due set-point, gli avversari ne hanno annullato uno, ma poi hanno sbagliato il servizio come nel primo set e l'Italia si è aggiudicata il parziale per 25-23. Questa volta Blengini ha inserito il doppio cambio con Sottile e Vettori per Giannelli e Zaytsev già a metà set.

Terzo Set - Troppa sofferenza per gli azzurri in questo parziale. La Tunisia già sui primi punti si è portata avanti di due punti (3-5 poi 4-6), ma l'Italia ha recuperato giusto in tempo per arrivare sull'8-7 al primo time-out tecnico. I tunisini, trascinati da Hichem Kaabi schierato al posto di Nagga già da metà del primo set in poi, hanno pareggiato subito e poi hanno allungato. Sul 10-13 Blengini ha chiamato il time-out, ma la rientro in campo gli avversari si sono portar addirittura sul +4 (11-15) e sono poi arrivati al secondo time-out tecnico sul +3 (13-16). Dopo un lungo inseguimento l'Italia ha pareggiato trascinata da Juantorena sul 19-19, poi ha sorpassato con un muro vincente sul 22-21 e ha finalmente trovato due match-point con Zaytsev. Un muro di Matteo Piano ha chiuso il set sul 25-22 e ovviante il match sul 3-0.

La presentazione di Italia-Tunisia


Italia-Tunisia World Cup Volley 2015 live 17 settembre

Italia-Tunisia è il settimo impegno degli azzurri di Chicco Blengini nella World Cup di volley maschile 2015. Come ieri contro l’Iran, Buti e compagni scendono in campo quando in Italia sono le 8:10 del mattino e la partita è trasmessa in diretta tv da SkySport 2 e in streaming attraverso SkyGo. Chi non è abbonato o non può vedere la partita perché è a lavoro o a scuola troverà su questa pagina di Blogo il risultato aggiornato set per set.

Gli azzurri finora hanno vinto cinque delle sei partite disputate. Hanno ceduto solo agli Stati Uniti, che sono primi in classifica a punteggio pieno, mentre hanno vinto senza mai andare al tie-break contro Canada, Australia, Egitto, Giappone e ieri contro l’Iran in quella che forse è stata la partita più convincente per o ragazzi di Blengini in questa World Cup. La speranza, dunque, è quella di vedere altri progressi anche oggi, nonostante la pochezza dell’avversario, che tuttavia è bene non sottovalutare, altrimenti si rischiano figuracce.

La Tunisia è ultima in classifica e finora ha perso tutte le partite. Ha un solo punto perché contro il Venezuela ha ceduto solo al tie-break, per il resto sono arrivati i ko per 3-1 contro l’Iran e per 3-0 contro Polonia, Russia, Argentina e ieri contro i padroni di casa del Giappone.

I precedenti tra Italia e Tunisia sono quindici e tutti i match giocati finora tra queste due squadre si sono conclusi con un successo degli azzurri. Sulla carta, dunque, l’impegno di oggi è molto semplice, ma bisogna onorarlo e soprattutto sfruttarlo al meglio in vista delle partite di Tokyo che saranno le più importanti. Gli azzurri, infatti, dopo la Tunisia oggi e il Venezuela domani, se la dovranno poi vedere in sequenza con Russia, Argentina e Polonia in quelli che saranno i match decidivi per decidere le sorti di questa World Cup e soprattutto eleggere le due squadre che accederanno direttamente alle Olimpiadi di Rio 2016 senza passare per altri tornei di qualificazione.

Finora Blengini ha sempre schierato come sestetto titolare Giannelli in regia, Zaytsev opposto, Lanza e Juantorena in banda, Piano e Buti (sostituito da Anzani durante il match) al centro più Colaci libero, vedremo se oggi opterà per una formazione diversa dando spazio a chi ha ne ha avuto meno finora e sperimentando nuove soluzioni.

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail