Mondiali Rugby 2015 | Giappone batte Sudafrica | Risultati del 19 settembre

giappone-sudafrica-rugby-world-cup-2015.jpg

Rugby World Cup 2015. Le partite di sabato 19 settembre. Vittorie per Irlanda, Francia (con l'Italia) e Georgia. Incredibile debacle del Sudafrica contro il sorprendente Giappone.

23.00: Prevedibile sconfitta per l'Italia. La Francia si impone 32-10. Si complica subito il cammino verso la qualificazione ai quarti per gli azzurri (qui la cronaca della partita)

19.45: Clamoroso a Brighton. Il Giappone batte il Sudafrica 34-32 in quello che passerà alla storia come uno dei risultati più clamorosi nella storia del rugby.

Springboks in difficoltà già nel primo tempo concluso con un gap risicato (12-10). Merito dei nipponici che con la meta di Leitch e i calci di Goromaru, tengono testa alle due segnature sudafricane siglate da Louw e Du Plessis. A inizio ripresa una punizione di Goromaru riporta avanti i giapponesi (12-13). De Jager riporta avanti il Sudafrica che tuttavia non riesce a distanziare gli avversari. La compagine allenata da Eddie Jones resiste grazie all'infallibile Goromaru che va anche in meta al 69' poco dopo la realizzazione di Strauss.

La punizione di Pollard al 73' porta il SA sul 32-29 a tre minuti dal termine quando inizia l'assalto giapponese. Fermati più volte a un passo dalla meta, i nipponici restano in attacco e costringono gli avversari a salvarsi in mischia. Il Giappone avrebbe la punizione del pareggio ma decide di giocarsi il tutto per tutto in rimessa e la strategia viene premiata con la fantastica meta finale di Hesketh all'84'. Sgorgano lacrime copiose sui volti increduli dei rugbysti del Sol Levante. Persi gli sguardi dei sudafricani. Il loro ko verrà ricordate per sempre.

17.30: Debutto travolgente per l'Irlanda. Prevedibile e netto il successo irlandese, 55-7, contro il Canada. Partita sempre in controllo per i campioni del Sei Nazioni che segnano sette mete (2 Kearney; O'Brien, Henderson, Sexton e Cronin) chiudendo la prima frazione con un eloquente 29-0. Nella ripresa, a punteggio acquisito, gli irlandesi rifiatano e concedono al Canada la meta della consolazione con Van der Merwe in contropiede per poi arricchire il tabellino con altre due segnature nel finale.

15.00: La Georgia supera Tonga 17-10 nella sfida inaugurale della Pool C. Georgiani avanti nella prima frazione (10-3) grazie alla meta del capitano Gorgodze, trasformata da Kvirikashvili. Nella ripresa la partita si fa più intensa e combattuta. Nonostante il forcing tongano, è la Georgia ad aumentare il gap con un'altra meta siglata da Tkhilaishvili che approfitta della scarsa difesa frapposta dagli avversari. Il finale è emozionante. Tonga riesce finalmente a segnare con Vainikolo (17-10) e intravvede la possibilità di una rimonta con la Georgia ridotta in dieci per l'ammonizione di Kvirikashvili. L'occasione arriva a 2 minuti dal termine con una rimessa all'interno dei 22 georgiani non concretizzata per un lancio del tallonatore giudicato storto dall'arbitro Owens. La palla torna alla Georgia. Mischia, punizione, touche e calcio che libera l'esultanza sfrenata dei caucasici.

rugby-world-cup-2015-georgia-tonga.jpg

Mondiali Rugby 2015 | Risultati 19 settembre

Georgia - Tonga: 17-10 - (Pool C)
Irlanda - Canada: 55-7 (Pool D)
Giappone - Sud Africa 34-32 (Pool B)
Francia - Italia 32-10 (Pool D)

Mondiali Rugby 2015 | Programma 19 settembre

Rugby World Cup 2015. Oggi, sabato 19 settembre, si disputano quattro match tra le 13 e le 21. Esordio per tre delle possibili protagoniste del torneo, Sudafrica, Irlanda e Francia, quest'ultima opposta all'Italia.

Si comincia alle 13 con Tonga - Georgia. Si gioca a Gloucester, uno dei campi di maggiore fame del rugby britannico. Partita che si annuncia molto fisica e dall'esito incerto, nella quale entrambe le contendenti giocheranno senza risparmiarsi con la consapevolezza che, Namibia esclusa, nella pool B che comprende anche Nuova Zelanda e Argentina, quella odierna è un'occasione irripetibile per fare punti. Piccola curiosità, la Georgia schiera al numero 9, il 18enne Vasil Lobzhanidze, il più giovane del Mondiale.

Alle 15.30, al Millennium Stadium di Cardiff, esordio per l'Irlanda, campione del Sei Nazioni contro il Canada, nella sfida che inaugura il gruppo D, quello dell'Italia. Partita che non dovrebbe riservare insidie ai britannici i quali puntano a una vittoria con ampio margine, scenario tutt'altro che imprevedibile. Stessa situazione in Sudafrica-Giappone che si affrontano a Brighton. Il c.t. degli Springboks, Mayer, non risparmia i titolari. In campo tutti i migliori da Habana a Burger, da Matfield ai fratelli Du Plessis. In panchina si rivede Du Preez, protagonista della vittoria in WC nel 2007.

Alle 21, a Twickenham, debutto da brivido per l'Italia contro la Francia. Siamo capitati in un girone difficilissimo con i transalpini e l'Irlanda favoriti per i quarti. Stasera ci giochiamo buona parte delle chance di qualificazione. La Francia non può sbagliare, noi nemmeno ma la pressione è tutta sui Blues. Non siamo i favoriti ma possiamo giocarsi le nostre chance anche l'assenza di capitan Parisse rende tutto ancora più difficile.

irlanda-rugby-world-cup-2015-19-settembre.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail