Mondiali Rugby 2015 | Risultati 20 settembre | Vincono N.Zelanda e Galles

nuova-zelanda-argentina-world-cup-rugby-2015.jpg

Rugby World Cup 2015. Le partite di domenica 20 settembre.

Esordio più faticoso del previsto per la Nuova Zelanda. Gli All Blacks superano 26-16 un'ottima Argentina. Primo tempo in affanno per i neozelandesi. I tre calci piazzati di fila di Carter svaniscono con la meta argentina siglata da Pagadizabal al 20' e trasformata da Sanchez con i Pumas in inferiorità numerica, stessa situazione in cui si ritrova la NZ per la folle espulsione temporanea di McCaw per fallo antisportivo. Inferiorità che diventa doppia con l'uscita dal campo di Conrad Smith, dalla quale scaturisce la punizione del sorpasso concretizzata dallo stesso Sanchez.

A inizio ripresa, sempre Sanchez incrementa il vantaggio sudamericano (12-16) prima del riscatto All Blacks. La meta fallita con un macroscopico errore di Skudder che perde palla prima di schiacciare è il primo campanello d'allarme per i Pumas. Sale la pressione neozelandese e Aaron Smith si incunea tra i difensore avversari per la meta del controsorpasso. Carter trasforma (19-16). Soffre l'Argentina in difesa e Cane al 66' toglie definitivamente le castagne dal fuoco per i campioni in carica che, seppur senza convincere, con il successo odierno si garantiscono il primo posto nel gruppo C, a meno di clamorose defaillance con Samoa, Scozia e Usa.

Esordio sul velluto per il Galles che dilaga, 54-9, con l'Uruguay al Millennium Stadium. Per i sudamericani, una sconfitta annunciata ma con la soddisfazione dello 0-6 iniziale con due piazzati di Berchesi che precedono l'assolo dei Dragoni. Otto le mete segnate dai Dragoni, di cui tre da Allen, due da Davies e le altre da Lee, Tipuric e Amos. Un buon rodaggio per i padroni di casa, scesi in campo, peraltro, senza alcuni titolari.

Samoa debutta al Mondiale con la vittoria, 25-16 sugli Usa. Successo prevedibile per gli isolani ma non convincente. Due mete per parte. Le segnano Nanai-Williams e Treviranus per Samoa. Gli americani rispondono con Wyles e Baumann, quest'ultima al 73' convalidata dal TMO. A sancire la superiorità dei samoani, comunque sempre avanti nel punteggio, i calci piazzati di Pisi e Stanley.

galles-uruguay-world-cup-rugby-2015.jpg

Rugby | World Cup 2015 | Le partite del 20/9

Samoa - Usa 25-16 (Pool B)
Classifica: Samoa e Giappone 4; Sudafrica 2; Scozia*, Usa 0
*Una partita in meno

Galles - Uruguay 54-9 (Pool A)
Classifica: Inghilterra 5; Galles 5, Uruguay, Australia*, Figi
* Una partita in meno

Nuova Zelanda - Argentina 26-16 (Pool C)
Classifica: Nuova Zelanda, Georgia 4; Tonga 1; Argentina e Namibia* 0
*Una partita in meno

Mondiali Rugby 2015 | Programma 20 settembre

Rugby World Cup 2015. Tre le partite in programma domenica 20 settembre con l'esordio nella competizione della Nuova Zelanda, campione in carica e del Galles.

Si comincia alle 13 con Samoa-Usa. Si gioca a Brighton, sullo stesso terreno di gioco sul quale, ieri, si è consumata la più grande sorpresa nella storia della Coppa del Mondo e, forse, dell'intera storia del rugby ovvero la vittoria del Giappone sul Sudafrica (34-32). Samoa e Usa sono inseriti nello stesso girone dei nipponici e degli Springboks. Pacifici favoriti ma attenzione alla compagine nordamericana, in crescita costante e sconfitta di misura, 21-16, nell'ultimo confronto con i samoani giocato nella Pacific Nations Cup.

Alle 15.30, il Galles debutta di fronte al proprio pubblico al Millennium Stadium. Per i Dragoni, privi dell'infortunato Halfpenny (fuori per tutto il torneo a causa della rottura dei legamenti del ginocchio), c'è la cenerentola Uruguay. E' la classifca sfida Davide contro Golia dall'esito scontato con prevedibile largo successo dei gallesi, attesi, nelle prossime settimane da impegni ben più probanti nel girone A che comprende anche Australia e Inghilterra.

Match clou di giornata, alle 17.45, a Wembley, con la detentrice del titolo, la Nuova Zelanda opposta all'Argentina, nel match che decreterà verosimilmente la prima classificata nel girone C del quale fanno parte Georgia, Tonga e Namibia. XV stellare per gli All Blacks che schierano tutti i migliori con McCaw e Carter al via dell'ennesimo Mondiale. L'Argentina ci prova con il duo Cubelli-Sanchez in mediana, JM Hernandez schierato al n°12 e l'esperto Ayerza a guidare il pacchetto di mischia.

rugby-world-cup-2015-programma-20-settembre.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail