Mondiali Rugby 2015 | Risultati 23 settembre | Bis per la Francia, vincono Australia e Scozia

australia-fiji-mondiali-rugby-2015.jpg

Rugby World Cup 2015. Le partite di mercoledì 23 settembre. Seconda vittoria per la Francia con la Romania nel gruppo dell'Italia. Debutto vincente per Australia e Scozia.

Tutto come previsto tra Francia e Romania con in transalpini che si impongono, senza esaltare, 38-11 con cinque mete, due di Guitoune e le altre di Nyanga, Fofana e Fickou. Per la Romania, la consolazione di una meta, con Ursache al 73' dopo una maul che sorprende la difesa avversaria. Per i Galletti arriva anche un importante punto di bonus.

Debutto con vittoria per l'Australia. I Wallabies sconfiggono le Fiji 25-13. Buon primo tempo degli australiani con il 18-3 siglato da due mete di Pocock, la prima scaturita da un calcio in touche seguito a un placcaggio alto di Nadolo su Ashley Cooper. Nella ripresa, gli aussie, dopo un'ulteriore meta con Kepu si rilassano e permettono alle Fiji di accorciare le distanze con Volavola. Nadolo trasforma per il 25-13. Foley incrementa il gap per i Wallabies ma nel 28-13 manca la meta del bonus, fattore importante nella classifica del ricco girone A che comprende anche Inghilterra e Galles. Per le Fiji, già ko con gli inglesi, le speranze di qualificazione ai quarti si esauriscono al Millennium Stadium

Nella prima partita di giornata, la Scozia batte il Giappone 45-10 e conquista la prima vittoria nel Mondiale.

Nel primo tempo, il Giappone conferma subito che l’impresa con il Sudafrica non è stata casuale. La meta di Mafi, al 14’, trasformata da Goromaru annulla i due piazzati iniziali di Laidlaw e porta avanti i nipponici 6-7 prima del controsorpasso scozzese che si realizza con altre due punizioni di Laidlaw. Gioca proprio a Glouchester, il n°10 scozzese e sul campo di Kingsholm si trova particolarmente a suo agio. Meno i suoi compagni che subiscono un altro assalto del Giappone, vicino alla seconda meta sempre con Mafi al 35’. Quest’ultimo a un passo dalla segnatura prova a lanciarsi sopra la mischia in stile NFL ma viene bloccato dagli avversari prima dell’atterraggio. Nel finale di tempo, tuttavia, è proprio il Giappone a salvarsi con Gonomaru che blocca Seymour, spingendolo oltre la linea del fallo laterale con l’esterno scozzese cui non restava che schiacciare la palla oltre la linea.

scozia-giappone-mondiali-rugby-2015.jpg

Nella seconda frazione, Mafi esce in avvio per infortunio e la Scozia prende il controllo della partita con due mete ravvicinate di Hardie al 47’ (splendido l’assist di Scott), Bennett (55’) e Seymour. Quest’ultimo, al 63’, intercetta un passaggio nei propri 22 e si invola nelle praterie nipponiche. Il 31-10 chiude di fatto la partita e gli scozzesi si garantiscono anche il bonus con la doppietta di Bennett. La quinta meta della ripresa la segna Russell. Nel finale, il Giappone prova ad andare di nuovo in meta ma l'ultimo assalto si ferma per un fallo. Punteggio pesante per gli uomini di Eddie Jones ma fino al 55' la partita è stata in equilibrio.

Rugby | World Cup 2015 | Risultati del 23 settembre

Scozia - Giappone 45-10 (Pool B)
Classifica: Scozia 5, Samoa e Giappone* 4; Sudafrica 2; Usa 0
*Una partita in più

Australia - Fiji 28-13 (Pool A)
Classifica: Galles e Australia 5; Australia 4, Fiji* e Uruguay 0
*Una partita in più

Franica - Romania 38-11 (Pool D)
Classifica: Francia 9*, Irlanda 5; Francia 4; Italia, Romania e Canada 0
*Una partita in più

Mondiali Rugby 2015 | Programma mercoledì 23 settembre

Rugby World Cup 2015. Tre le partite della fase a gironi in programma mercoledì 23 settembre. Debuttano Australia e Scozia. Torna in campo la Francia.

Si comincia alle 15.30, a Gloucester, con Scozia-Giappone. I nipponici tornano in campo a quattro giorni dalla memorabile impresa con il Sudafrica, un risultato, a mio parere, irripetibile anche se la Scozia, all'esordio nella competizione, farà bene a temere gli uomini di Eddie Jones. Qualora il Giappone dovesse bissare l'exploit di Brighton, diventerebbe seriamente uno dei candidati al passaggio ai quarti di finale nel Girone B. Di fatto, quello odierno è uno spareggio qualificazione con il Sudafrica e Samoa spettatori interessati.

A seguire, alle 17.45, il debutto di una delle favorite, l'Australia, opposta alle Figi. Pochi giorni di riposo per gli isolani, primo avversario dell'Inghilterra, padrona di casa, nel match che ha aperto il torneo, venerdì scorso e terminato 35-11 a favore dei britannici. Vietato perdere per entrambe. L'Australia non può permettersi passi falsi in vista degli scontri diretti nel girone A con la stessa Inghilterra e il Galles. Con un altro ko le Fiji sarebbero già fuori dal torneo. I pacifici puntano gran parte delle loro chance di vittoria su Nemani Nadolo, 130kg di velocità e potenza in grado di tenere sempre in allerta la difesa dei Wallabies.

In serata, alle 21, la Francia non dovrebbe avere difficoltà a superare la debuttante Romania nella splendida cornice dello Stadio Olimpico di Londra, prestato in questo mese al rugby prima di essere utilizzato per il calcio con il West Ham, formazione londinese, principale candidata all'utilizzo. Gli impegni ravvicinati costringono Saint Andre a cambiare molti degli effettivi titolari rispetto al match, vincente, con l'Italia di sabato scorso. Anche con le seconde linee tuttavia, i transalpini dovrebbero spuntarla anche con ampio margine.

nadolo-fiji-rugby-world-cup-23-settembre-2015.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail