Mondiali Rugby 2015 | Risultati 7 ottobre | Sudafrica ai quarti, festa Georgia

habana-sudafrica-mondiali-rugby-2015.jpg

Mondiali Rugby 2015. Il Sudafrica demolisce gli Usa con un perentorio 64-0 e ottiene la qualificazione ai quarti di finale da prima classificata della Pool B.

Partita senza storia, come prevedibile, all'Olimpico di Londra. Inconsistente la resistenza opposta dagli Usa agli Springboks, scatenati nel gioco d'attacco con ben 10 mete. Tripletta per Habana con record. Con la serie di oggi, l'ala sudafricana raggiunge infatti Lomu nel numero delle mete segnate in World Cup (16) e David Campese, leggenda del rugby australiano, in quello dei Test Match (64). Ad Habana si aggiungono nel tabellino della partita, De Allende, Du Plessis (sua la quarta meta per il bonus), Louw (autore di una doppietta) Kriel e Mvovo. Quest'ultimo segna a tempo ampiamente scaduto dopo aver intercettato un orgoglioso attacco degli americani di più di 10 fasi.

Tutto facile quindi per gli Springboks che allontanano definitivamente il ricordo del deludente ko al debutto con il Giappone e ora attendono la possibile avversaria ai quarti di finale che sarà decretata dallo scontro diretto di sabato prossimo tra l'Australia e il Galles, le due qualificate della Pool A, prime in classifica con 13 punti.

A Exeter, la Georgia batte la Namibia di misura, 17-16 e conquista, di fatto il terzo posto che vale la qualificazione al prossimo Mondiale. Non è stata una vittoria facile per i georgiani sotto 0-6 nella prima frazione per le due punizioni di Kotze. La reazione caucasica arriva nella ripresa con le mete del capitano Gorgodze e di Malaghuradze. Sembra finita con la Namibia in evidente difficoltà. Nel finale, tuttavia, gli africani, trovano la forza per accorciare le distanze con la meta di Kotze. Non basta però. La Georgia amministra nel finale e incamera la seconda vittoria nel Mondiale dopo quella dell'esordio con Tonga. Quest'ultima per superare in classifica i georgiani deve battere la Nuova Zelanda venerdì, un'impresa impossibile.

Rugby Mondiali 2015 | Risultati mercoledì 7 ottobre

Sudafrica-Usa: 64-0 (Pool B)
Classifica: Sudafrica 16; Scozia 10; Giappone 8; Samoa 4; Usa 0

Georgia-Namibia: 17-16 (Pool C)
Classifica: Nuova Zelanda 14; Argentina 10; Georgia 8, Tonga 6; Namibia 0

Mondiali Rugby 2015 | Programma 7 ottobre

Mondiali Rugby 2015. Oggi, mercoledì 7 ottobre, si disputano altre due partite della fase a gironi. Alle 17.45 si inizia con Sudafrica-Usa. In serata, Georgia-Namibia.

Gli Springboks chiudono la prima parte di torneo all'Olimpico di Londra contro la cenerentola della Pool B, gli Usa già sconfitti da Samoa e Scozia e destinati a incassare il terzo ko di fila. Obiettivo del Sudafrica, oltre ovviamente alla vittoria anche il punto di bonus che garantirebbe il primo posto del girone con Galles o Australia possibile avversarie ai quarti. Non sono ammesse distrazioni. Per questo il c.t Mayer schiera la migliore formazione possibile con tutti i big (Matfield escluso) in campo in una sfida che non dovrebbe riservare sorprese e concludersi con ampio margine per i sudafricani.

La seconda qualificata del girone B si deciderà nel weekend con la Scozia che si garantirebbe i quarti, battendo Samoa. In caso contrario, aumentano le chance del sorprendente Giappone che, domenica, affronta proprio gli Usa per portare a tre il bottino di vittorie in un Mondiale già indimenticabile.

sudafrica-usa-rugby-mondiali-2015-7-ottobre.jpg

Alle 21, a Exeter, Georgia-Namibia. Match decisivo per i caucasici per balzare al terzo posto della Pool C e garantirsi la qualificazione al prossimo Mondiale di Giappone '19. Vincendo, infatti, la Georgia supererebbe Tonga in classifica in attesa dell'ultimo impegno degli isolani che, venerdì, non dovrebbero avere scampo con la Nuova Zelanda. La Namibia gioca per l'orgoglio e per la conquista della prima vittoria in assoluto in Coppa del Mondo, obiettivo raggiungibile solo stasera in quanto, all'ultima giornata, gli africani concludono il torneo con l'Argentina. Da seguire il duello, tutta potenza e placcaggi, tra Gorgodze e Jacques Burger.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail