La Pomì Casalmaggiore ha vinto la Supercoppa Italia 2015 di volley femminile

L'Igor Gorgonzola Novara battuta al tie-break.

Pomì Casalmaggiore vince la Supercoppa Italia 2015

Partita lunghissima e combattuta fino all’ultimo punto, proprio come ci si aspettava tra le due protagoniste della scorsa stagione. Alla fine l’ha spuntata la Pomì Casalmaggiore, confermando la tradizione degli ultimi anni e cioè che a vincere la Supercoppa Italiana è la squadra campione d’Italia.

La Pomì di Massimo Barbolini è scesa in campo con Lloyd al palleggio, Kozuch opposto, Stevanovic e Gibbemeyer al centro, Piccinini e Tirozzi in banda più Sirressi libero. Luciano Pedullà ha risposto con Signorile in regia, Fabris opposto, la coppia di centrali della nazionale Chirichella e Guiggi, Cruz e C. Bosetti in banda più Sansonna libero.

Nel primo set ha subito cominciato molto bene Novara, tanto che Barbolini ha dovuto chiamare il time-out sul 3-7. La musica però non è cambiata molto e le ospiti sono riuscite ad andare sul +4 anche al time-out tecnico (8-12). Al rientro in campo il dominio delle ragazze di Pedullà è continuato e si sono ritrovate con ben otto palle-set grazie a un attacco vincente di Fabris. Chirichella ha sbagliato il servizio e ha annullato la prima, ma anche Piccinini ha commesso un errore in battuta regalando così il set alle avversarie per 17-25.

Nel secondo parziale Novara è andata di nuovo ampiamente in vantaggio e Barbolini ha chiamato il time-out sul 4-9, ma questa volta le sue ragazze hanno reagito bene e così sono riuscite ad acciuffare il pareggio sul 10-10 e pur arrivando sotto di un punto alla pausa obbligatoria (11-12), hanno lottato punto a punto con Novara, poi hanno trovato il vantaggio 15-14 con Kozuch e hanno continuato a restare davanti, spingendosi prima fino al +3 (20-17) e costringendo Pedullà a chiamare il time-out e poi sul +4 (21-17). La Pomì è rimasta padrona del campo nel finale del parziale, ha ottenuto tre palle-set con Stevanovic, una annullata da Fabris prima che Tirozzi chiudesse sul 25-22.

Il terzo set è stato il più equilibrato e incerto fino alla fine. Le squadre hanno lottato punto a punto praticamente per tutto il parziale. Al time-out tecnico è arrivata in vantaggio Novara, ma solo di un punto (11-12) dopo essere riuscita a trovare il break all’8-10 al 9-11. Al rientro in campo le squadre non sono mai state distanziate più di un punto fino a quando, grazie a un’invasione di Chirichella, la Pomì si è portata sul 23-22 e con un muro vincente di Gibbemeyer dopo un lunghissimo scambio ha ottenuto due palle-set, la prima annullata da un errore in battuta di Lloyd, ma anche Caterina Bosetti ha commesso un errore al servizio e Casalmaggiore ha così vinto il set 25-23.

Nel quarto set la Pomì è andata subito avanti 2-0 e Novara ha anche rimediato un cartellino giallo, ma si è immediatamente riscattata mettendo a segno cinque punti consecutivi, tanto che Barbolini ha dovuto chiamare il time-out sul 2-5. Al rientro in campo Casalmaggiore ha pareggiato sul 7-7, ma l’Igor è di nuovo fuggita via portandosi sul +4 al time-out obbligatorio (8-12) e restando poi sempre abbastanza distante dalle avversarie che sono riuscite a riavvicinarsi solo sul 20-23. Peduli ha chiamato il time-out e alla ripresa del gioco le sue ragazze con Caterina Bosetti hanno trovato quattro palle-set, poi Fabris con un muro vincente ha chiuso sul 20-25 rendendo necessario il tie-break per decidere la partita.

L’inizio del quinto e decisivo set è stato piuttosto equilibrato, le squadre si sono risposte colpo su colpo, poi con un muro vincente di Lloyd Casalmaggiore si è portata sul +3 (7-4) e Pedullà ha chiesto il time-out. Al rientro in campo Stevanovic ha sbagliato il servizio e Chirichella ha riportato Novara a -1 (7-6). A questo punto è stato Barbolini a chiedere il time-out, ma al cambio campo le sue ragazze sono arrivate in vantaggio di un solo punto (8-7). Alla ripresa del gioco Novara ha pareggiato (8-8), ma la Pomì è ha reagito trovando il break (10-8) e Pedullà ha così di nuovo fermato il gioco sfruttando l’ultimo time-out a sua disposizione. Le piemontesi hanno rimontato portandosi avanti 10-11 e dunque anche Barbolini ha dovuto sprecare il suo secondo time-out. Tirozzi ha pareggiato sull’11-11, la lotta punto a punto è continuata fino a quando Novara ha avuto il primo match-ball grazie a un errore di Piccinini, ma Guiggi lo ha vanificato sbagliando il servizio (14-14), poi Bosetti ha mandato out un attacco ed è stata la Pomì ad avere il match-ball (15-14), annullato da un fallo di doppia fischiato a Francesca Piccinini che si è subito riscattata ottenendo il secondo match-ball (16-15) e mettendolo a segno per il 17-15 finale.
Il libero della Pomì Imma Sirressi è stata eletta MVP del match.

Risultato finale: Pomì Casalmaggiore-Igor Gorgonzola Novara 3-2 (17-25, 25-22, 25-23, 20-25, 17-15)

  • shares
  • Mail