Mondiali Rugby 2015 | Nuova Zelanda e Sudafrica in semifinale | Risultati 17 ottobre

nuova-zelanda-francia-mondiali-rugby-2015.jpg

Mondiali Rugby 2015. Nuova Zelanda e Sudafrica sono le prime semifinaliste della World Cup.

A 8 anni dalla sconfitta (subita proprio a Cardiff) nei quarti nel Mondiale 2007, gli All Blacks si vendicano con gli interessi della Francia e la umiliano con un eloquente 62-13. Resistono solo un quarto d'ora i Galletti, travolti poi dalla marea nera. Nove le mete neozelandesi. Tripletta di Savea. Delle tre spicca quella a fine primo tempo alla Lomu con Nakaitaci e Spedding spediti a terra con una spallata. Doppietta per Kerr Barlow subentrato nella ripresa. A segno anche Milner Skudder, ormai sempre presente nel tabellino, Retallick (intercetto su Michalak) e Read. Per la Francia una sola segnatura, nel finale di primo tempo con Picamoles. Nella seconda frazione, transalpini non pervenuti ed eliminati con un parziale di 33-0 che lascia poco spazio ai commenti. Un mesto commiato per il c.t. Saint André che sarà sostituito da Guy Noves.

La Nuova Zelanda sfiderà in semifinale il Sudafrica che piega un ottimo Galles 23-19 a Twickenham.
Inizio di primo tempo piuttosto movimentato. Il punteggio si smuove con le punizioni di Pollard e Biggar. Quest’ultimo è anche l’artefice della prima meta del match. Calcio a se stesso, mediana sudafricana superata e assist per Davies che insacca al 18’. Il vantaggio gallese dura tuttavia pochissimo. Rilancio Springboks e inutile fallo di ostruzione. Pollard non sbaglia (12-10). Il collega Biggar però fa meglio e, a tempo scaduto, piazza uno splendido drop per il sorpasso (12-13) con i sudafricani già diretti negli spogliatoi.

La ripresa si apre con un’altra punizione di Biggar cui risponde un drop di Pollard arrivato dopo un’estenuante attacco sudafricano durato più di quindici fasi (15-16). L’equilibrio e la tensione proseguono con i due calciatori che si alternano a smuovere il tabellone con i Dragoni ancora avanti a 10 dal termine (18-19). Il Sudafrica sembra averne di più e al 75’ Du Preez sfrutta una mischia all’interno dei 22 avversari e un assist meraviglioso De Allende per lanciarsi in meta alla Habana. E’ il sorpasso Springboks e la resa di un orgoglioso Galles.

rugby-sudafrica-galles-mondiali-2015.jpg

Mondiali Rugby 2015 | Programma quarti, 17 ottobre

Mondiali Rugby 2015. Cominciano i quarti di finale. Oggi subito due sfide da brivido. Alle 17 si comincia con Sudafrica-Galles. In serata, alle 21, Nuova Zelanda - Francia.

Era cominciato male il Mondiale per gli Springboks, sconfitto clamorosamente al debutto dall'ottimo Giappone in un sabato da incubo a Brighton. Poi la ripresa con tre vittorie larghe e convincenti contro Samoa, Scozia e Usa. Quasi ordinaria amministrazione per gli uomini di Mayer attesi oggi da un test decisamente impegnativo al cospetto dell'ottimo Galles ammirato nella fase a gironi.

Rimarrà a lungo impressa nella mente dei gallesi, la vittoria sull'Inghilterra arrivata in rimonta e nonostante le tante defezioni che condizioneranno anche oggi il XV di Gatland che può contare, tuttavia, sul rientro di Lydiate.
Non c'è Matfield nel Sudafrica. In sostituzione del capitano, Mayer schiera Etzebeth affiancato a De Jager. Confermati Du Preetz e Pollard in mediana con Habana che punta al record assoluto di mete in WC all'ala.

Otto anni dopo, Nuova Zelanda e Francia si ritrovano a Cardiff nella rivincita del quarto di finale del 2007 vinto dai transalpini 20-18 con la discussa meta di Jauzion favorita da un passaggio in avanti non sanzionato dall'arbitro Barnes. Non solo la sfida del 2007. Francia-Nuova Zelanda è stata anche la finale dell'ultima edizione del Mondiale con gli All Blacks che si imposero a Auckland 8-7 con una sola meta, quella del pilone Woodcock assente oggi e rimpiazzato da Crockett nel XV di Hansen che non fa registrare altre defezioni.

Cambi importanti invece nella Francia. Rispetto alla formazione sconfitta domenica dall'Irlanda, Saint Andre inserisce Parra come mediano al posto di Tillous Borde e Dumoulin a rimpiazzare Bastareaud. In terza linea c'è Bernard Le Roux. Pronostico favorevole ai neozelandesi ma guai a sottovalutare la Francia nelle fasi decisive del Mondiale.

rugby-mondiali-2015-quarti-di-finale-17-ottobre.jpg

Nuova Zelanda - Francia | Le Formazioni

NUOVA ZELANDA: 15 Ben Smith, 14 Milner-Skudder, 13 Conrad Smith, 12 Ma'a Nonu, 11 Savea, 10 Carter, 9 Aaron Smith, 8 Read, 7 McCaw, 6 Kaino, 5 Whitelock, 4 Retallick, 3 Franks, 2 Coles, 1 Crockett.
In panchina: Mealamu, Moody, Faumuina, Vito, Cane, Kerr-Barlow, Barrett, Sonny Bill Williams

FRANCIA: 15 Spedding, 14 Nakaitaci, 13 Dumoulin, 12 Fofana, 11 Dulin, 10 Michalak, 9 Parra, 8 Picamoles, 7 Le Roux, 6 Dusautoir, 5 Maestri, 4 Papé, 3 Slimani, 2 Guirado, 1 Ben Arous
In panchina: Szarzewski, Debaty, Mas, Chouly, Nyanga, Kockott, Talès, Bastareaud

Sudafrica - Galles | Le Formazioni

SUDAFRICA: 15 le Roux, 14 JP Pietersen, 13 Kriel, 12 de Allende, 11 Habana, 10 Pollard, 9 du Preez, 8 Vermeulen, 7 Burger, 6 Louw, 5 de Jager, 4 Etzebeth, 3 Malherbe, 2 B. Du Plessis, 1 Mtawarira
In panchina: Strauss, Nyakane, Jannie du Plessis, Du Toit, Alberts, Pienaar, Lambie, Serfontein

GALLES: 15 Anscombe, 14 Cuthbert, 13 Morgan, 12 Roberts, 11 North, 10 Biggar, 9 Davies, 8 Faletau, 7 Warburton, 6 Lydiate, 5 Alun Wyn Jones, 4 Charteris, 3 Lee, 2 Baldwin, 1 Jenkins
In panchina: Owens, James, Francis, 19 Bradley Davies, Tipuric, Lloyd Williams, Priestland, Hook

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail