Fabian Cancellara annuncia il ritiro alla fine della stagione 2016

Cancellara non parteciperà alle Olimpiadi di Rio 2016.

Nel corso della cerimonia degli Swiss Cycling Awards che si è svolta ieri, Fabian Cancellara ha annunciato che la prossima stagione sarà la sua ultima da ciclista professionista. Alla fine del 2016 il campionissimo svizzero, che compirà 35 anni il 18 marzo, si ritirerà e non parteciperà nemmeno alle Olimpiadi di Rio.

Il 2015 è stato particolarmente difficile per lui a causa degli infortuni: si è rotto le vertebre durante la E3 Harelbeke e ha dovuto saltare le sue corse preferite, ossia il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix, poi è tornato in sella, è andato al Tour de France e ha anche indossato la Maglia Gialla, ma proprio con il simbolo della leadership addosso è caduto di nuovo e si è fratturato ancora una volta le vertebre. Si è anche ammalato prima dei Mondiali di Richmond e li ha dovuti saltare. Probabilmente è stata proprio un'annata così maledetta a convincerlo che un solo anno ancora può bastare.

"È il momento giusto per lasciare. Ora sono pronto per qualcos'altro. Le gare in bici non sono tutta la mia vita, il ciclismo è solo una parte della mia vita"

Sono queste le parole dette da Cancellara durante gli Swiss Cycling Awards e poi ha aggiunto anche la rinuncia alle Olimpiadi che lui ha già vinto una volta, nel 2008 a cronometro e lo stesso anno è arrivato secondo nella prova in linea. Sempre a cronometro lo svizzero ha conquistato ben quattro ori (nel 2006, 2007, 2009 e 2010) cui si aggiungono i bronzi del 2005, 2011 e 2013.

Cancellara è il re delle classiche monumento: ha vinto tre volte la Parigi-Roubaix, tre volte il Giro delle Fiandre, una volta la Milano-Sanremo. Ha conquistato anche una Tirreno-Adriatico, un Giro di Svizzera, un Giro di Danimarca e un Tour of Oman, ha vinto otto tappe al Tour de France e ha indossato la Maglia Gialla 29 volte. Conta anche tre tappe alla Vuelta e altre vittorie di tappa. Nelle classifiche monumento è sempre salito sul podio ininterrottamente dal 2011 al 2014 con l'unica eccezione del Giro delle Fiandre del 2012 in cui cadde rompendosi la clavicola.

Nel 2016 ovviamente proverà a vincere altre classiche monumento e la primavera, come sempre, sarà la stagione in cui cercherà il picco di forma. Probabile però anche la partecipazione ad almeno un grande giro, magari al Tour per provare a fare 30 con la Maglia Gialla.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail