Basket, Eurolega: Olimpia Milano batte Efes 88-84 e rimane in corsa per le Top 16

olimpia-milano-efes-istanbul-eurolega.jpg

Basket, Eurolega. L'Olimpia Milano supera l'Efes Istanbul 88-84, interrompe la serie di cinque sconfitte consecutive e rimane in corsa per la qualificazione alla Top 16.

L’inizio di partita è favorevole all’Olimpia che controlla l’Efes e lo tiene a distanza a fine primo quarto con il 23-21 nel quale spiccano gli 8 punti di Simon. Il momento favorevole di Milano prosegue nella seconda frazione con 5 minuti giocati alla grande e un eloquente 41-24 che certifica la supremazia dei padroni di casa. Non pervenuto l’Efes. Ci pensa coach Ivkovic a svegliarlo con un time out nel quale non dà indicazioni tattiche ma invita i suoi a svegliarsi e a combattere per placare l’assolo milanese.

Terminato il time out, la partita cambia padrone. L’Olimpia si spegne ed esce dal match quasi a corto di energie. L’Efes si accende e con i canestri di Huertel, Diebler e Saric piazza l’inaspettata rimontata che si conclude a fil di sirena con il 44-46 per i turchi, per la prima volta in vantaggio nel match.

Nel terzo quarto, l’Efes sale a +5 (57-62) ma l’Olimpia riemerge e riesce a impattare (62-62). La tripla di Granger porta i turchi, a 1 minuto dal termine, sul 62-65 ma il finale è favorevole a Milano che con il contropiede di Lafayette supera gli avversari 66-65 e prosegue la risalita con il +7 (72-65) con cui si apre l’ultima frazione nella quale l’Olimpia rimane sempre avanti fino all’88-84 che mantiene vive le speranze qualificazione alla Top 16.

La prossima settimana l'EA7 affronterà in trasferta l’Olympiakos (già qualificato), vincitore stasera 59-52 sul Vitoria Laboral, secondo in graduatoria (4-3) con il Cedevita Zagabria che espugna Limoges 69-78 e sale al terzo posto, superando l’Efes.

Eurolega | Presentazione Olimpia - Efes

strong>Basket. Eurolega 2015/16. Stasera, alle 20.45 (in diretta su Fox Sports), l'Olimpia Milano affronta in casa i turchi dell'Efes Istanbul nel match valido per la settimana giornata della fase a gironi.

E' l'ultima chance per l'EA7 che, ultima nel girone B con 1 vittoria e 5 sconfitte, deve assolutamente battere l'Efes quantomeno per restare in corsa per le Top 16, traguardo comunque sempre difficile da raggiungere. Partita, dunque, da dentro o fuori per l'Olimpia, ulteriormente resa difficile dalla sicura assenza di Alessandro Gentile costretto a uno stop di 7-10 giorni a causa di un risentimento muscolare che lo costringerà a saltare anche l'atteso derby di domenica prossima, in campionato, contro Cantù e la successiva trasferta europea ad Atene con l'Olympiakos.

Una defezione quella del Capitano che complica e non poco i piani tattici di Repesa che si ritrova ad affrontare tre gare fondamentali in questo inizio di stagione senza il giocatore in grado di fornire quel contributo di qualità in più necessario ad aiutare la squadra specie in un momento di discontinuità. Oltre a Gentile mancherà anche Macvan, altra assenza pesante che, comunque, non scalfisce i buoni propositi del coach croato, al solito molto battagliero alla vigilia.

Se vinciamo questa partita, poi possiamo rimontare. Proviamo tutti insieme a dare tutto per questa gara e dopo vediamo cosa succede. L'Efes è una formazione fortissima, che gioca bene, ma io sono ottimista

L'Efes Istanbul è terza nel girone con uno score di 3 vittorie e 3 sconfitte. All'andata i turchi di Ivkovic 89-73, nella prima delle cinque sconfitte consecutive incassate da Milano in Eurolega. Non saranno della partita, Nenad Krstic e Ahmet Duverioglu mentre dovrebbe essere in quintetto Jayson Granger che ha saltato l'ultima gara di campionato vinta a Ankara.

Si giocano, di fatto, in contemporanea gli altri due match di giornata del Girone B. Alla 20.45, l'Olympiakos difende il primato, in casa, contro il Laboral Vitoria. Tra Limoges e Cedevita, invece, si gioca per il quarto posto, sfida quest'ultima che interessa da vicino anche Milano.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail