Tennis, scandalo scommesse | Federer "Fuori i nomi"; Djokovic "Fui avvicinato nel 2007"

Tennis. Oltre alla prima giornata dell'Australian Open 2016, ad arricchire le cronache tennistiche di lunedì 18 gennaio ci hanno pensato le rivelazioni della BBC su un presunto scandalo scommesse che avrebbe coinvolto vari tennisti Atp e numerose partite (anche di Slam) dal 2007 in poi.

Un'indagine quella del broadcast britannico che si basa sull'anomalo flusso di scommesse relativo ad alcuni incontri avvenuto in varie parti del globo, Italia compresa. Al momento non ci sono i nomi dei presunti tennisti coinvolti, non si citano le partite incriminate né ci sono indagini dell'Atp che, per voce del Ceo Chris Kermode, ha respinto ogni eventuale addebito di colpa e negligenze pur impegnandosi ad approfondire le informazioni attualmente in possesso della BBC.

Del presunto scandalo, non potevano non parlare alcuni dei protagonisti impegnati oggi nel debutto degli Australian Open. Federer, in conferenza stampa, ha dichiarato che vicende simili sono molto gravi anche se, senza prove concrete, è azzardato trarre conclusioni affrettate

Mi piacerebbe conoscere i nomi così si può discutere in concreto di qualcosa. Qual è il giocatore? Di quale prova dello Slam parliamo? E' successo nel singolare o nel doppio ?. E' importante che il tutto venga preso molto sul serio perchè bisogna mantenere l'integrità di questo sport

federer-dichiarazioni-scandalo-scommesse-tennis.jpg

Più articolato il pensiero di Novak Djokovic. Il numero uno del mondo ha rivelato di essere stato avvicinato, nel 2007, per combinare un match dell'Atp di San Pietroburgo. Il serbo ricostruisce così l'episodio

Non è stato un approccio diretto ma attraverso persone che lavoravano con me a quel tempo. Ovviamente l'abbiamo ignorato. Personalmente non sono mai stato avvicinato direttamente e, per quanto ne so, certe vicende non hanno coinvolti altri top player quindi non ho altro da dire sull'argomento se non che mi fa stare molto male, perché io non voglio essere associato in nessun modo a queste vicenda

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail