Tirreno-Adriatico 2016, tappa 4: vittoria di Cummings davanti a Puccio | Video

Il britannico della Dimension Data si è imposto nella frazione da Montalto di Castro a Foligno.

Steven Cummings ha vinto la quarta tappa della Tirreno-Adriatico 2016 da Montalto di Castro a Foligno. Con una perfetta azione nel finale e uno spiccato senso tattico il britannico della Dimension Data ha attaccato al momento giusto e si è lasciato tutti alle spalle concludendo gli ultimi tre chilometri in solitaria. Dietro di lui si sono piazzati Salvatore Puccio del Team Sky e Natnael Berhane della Dimension Data, mentre Peter Sagan della Tinkoff ha vinto lo sprint del gruppo che tuttavia gli è valso solo il settimo posto. Zdenek Stybar dell'Etixx-Quick Step è arrivato decimo e resta in Maglia Azzurra.

C’è stato un primo tentativo di fuga nei primi 15 km, subito riassorbito dal gruppo, poi ci hanno provato in contrattacco Valerio Conti della Lampre-Merida e Ricardo Vilela della Caja Rural. Questi due battistrada sono riusciti a prendere il largo e dal gruppo sono usciti anche Cesare Benedetti della Bora Argon 18 e Francesco Manuel Bongiorno della Bardiani-CSF che sono riusciti a raggiungere la coppia di testa. I quattro fuggitivi hanno incrementato il loro vantaggio sul gruppo fino a un massimo di circa sette minuti.

Sulla salita di Montefalco Valerio Conti ha attaccato e inizialmente solo Bongiorno è riuscito a restargli a ruota, poi non ce l’ha fatta neanche lui e per il corridore blufucsia è cominciata una lunga fuga in solitaria. A meno di 40 km dall’arrivo gli altri tre ex fuggitivi sono stati ripresi dal plotone guidato soprattutto dalla FDJ, poi è stata la Movistar a mettersi al comando riuscendo a riacciuffare anche Conti.

A 20 km dal termine è cominciata l’ultima salita di giornata a Montefalco e c’è stata grande lotta per le prime posizioni: si sono fatti vedere in particolare Fabian Cancellara della Trek-Segafredo, Peter Sagan della Tinkoff, Vincenzo Nibali dell’Astana, Wouter Poels del Team Sky e Zdeneck Stybar dell’Etixx-Quick Step. Sull’ascesa si è fatta una grande selezione e nel gruppo di testa sono rimasti una trentina di corridori. A pochi metri dallo scollamento c’è stato l’attacco di Diego Ulissi della Lampre-Merida, ma Domenico Pozzovivo dell’AG2R La Mondiale e Salvatore Puccio del Team Sky hanno chiuso presto il buco ed è stato ripreso poco dopo anche Giovanni Visconti della Movistar che ha tentato di partire in contropiede.

In discesa Tinkoff, Dimension Data ed Etixx-Quick Step sono state molto attente a non permettere a nessuno di staccarsi dal gruppo allungatissimo.
Dopo che Peter Sagan in persona ha provato un timido attacco, ma è stato bloccato da Fabian Cancellara e Michal Kwiatkowski, è rimasto in testa Salvatore Puccio e alla sua ruota sono arrivati altri due corridori, poi man man si sono riavvicinati anche tutti gli altri.

Negli ultimi 5 km c’è stato un tentativo di Matteo Montaguti dell’AG2R, ma Puccio lo ha ripreso insieme a Steven Cummings della Dimension Data. Ai -3 è stato proprio Cummings a scattare, dopo che fino a qual momento aveva dato l’impressione di essere lì con un ruolo di stopper per favorire uno sprint finale del suo capitano Edvald Boasson Hagen. Cummings ha fatto il vuoto e il gruppo dietro non è riuscito a riorganizzarsi. Il britannico è arrivato da solo al traguardo.

Steven Cummings ha vinto quarta tappa Tirreno-Adriatico 2016

Questi i primi dieci al traguardo della tappa da Montalto di Castro a Foligno:
1) Steven Cummings (Dimension Data) 6h 04’ 49”
2) Salvatore Puccio (Team Sky) +13”
3) Natnael Berhane (Dimension Data) +13”
4) Daniel Moreno (Movistar) +13”
5) Jan Bakelandts (AG2R La Mondiale) +13”
6) Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale) +13”
7) Peter Sagan (Tinkoff) +25”
8) Greg Van Avermaet (BMC) +25”
9) Ties Benoot (Lotto-Soudal) +25”
10) Zdenek Stybar (Etixx-Quick Step) +25”

E questa la top-ten della classifica generale dopo quattro tappe:
1) Zedenek Stybar (Etixx-Quick Step) 15h 56’ 32”
2) Damiano Caruso (BMC) +9”
3) Greg Van Avermaet (BMC) +9”
4) Tejay Van Garderen (BMC) +9”
5) Bob Jungles (Etixx-Quick Step) +11”
6) Gianluca Brambilla (Etixx-Quick Step) +11”
7) Peter Sagan (Tinkoff) +14”
9) Thibaut Pinot (FDJ) +18”
9) Sebastien Reichenbach (FDJ) +18”
10) Roman Kreuziger (Tinkoff) +20”

Presentazione della tappa Montalto di Castro-Foligno


La tappa odierna della Tirreno-Adriatico 2016 è la più lunga di questa edizione della Corsa dei Due Mari ed è anche la prima che presenta salite di una certa difficoltà. Si parte da Montalto di Castro, la località dove ieri ha trionfato Fernando Gaviria dell’Etixx Quick Step, compagno di squadra della Maglia Azzurra Zdeneck Stybar, e si arriva 222 km dopo a Foligno, dopo aver attraversato tre province: Viterbo, Terni e Perugia.

Nella prima parte del percorso si passa proprio da Viterbo e si toccano anche Tuscania e Bagnaia, poi, dopo il passaggio da Attigliano, ecco il primo traguardo volante che è posto a Giove, da lì si prosegue verso Amelia e poi si arriva a Narni dove è posto il rifornimento fisso. Al km 114,4 c’è il secondo traguardo volante, proprio a Terni e poco dopo cominciano i gran premi della montagna.

Il primo gpm è sul Valco della Somma, poi si scende passando da Spoleto, Bruna, Madonna della Stella e si entra nel circuito finale di 42 km che prevede un primo passaggio sul gpm di Montefalco, proseguendo poi per Valle Cupa e il primo passaggio sul traguardo di Foligno da dove si procede verso Sant’Eraclito e Borgo di Trevi e a Trevi è posto il terzo gpm, dopo il quale si torna a Borgo di Trevi, si passa di nuovo su Montefalco per l’ultimo gpm e poi di nuovo Valle Cupa prima di arrivare al traguardo di Foligno.

In particolare, per quanto riguarda gli ultimi km, a 2mila metri dall’arrivo si affrontano in successione una curva a sinistra, due a destra, poi a 500 m dal traguardo c’è una semicurva prima del rettilineo finale lungo 150 m su una carreggiata larga 7 m.

Per la tappa di oggi è davvero difficile parla di favoriti, perché è un percorso che offre diverse soluzioni tattiche e dipenderà molto dall’abilità dei direttori sportivi di puntare sugli uomini giusti. Sarà dunque importante affrontare la tappa nel migliore dei modi fin dall’inizio perché non è escluso che la fuga possa arrivare fino al termine.

Gli uomini da tenere particolarmente d’occhio sono la Maglia Azzurra Zdenek Stybar, il campione del mondo Peter Sagan della Tinkoff, finisseur come Greg Van Avermaet della BMC, Edvard Boasson Hagen della Dimension Data, Diego Ulissi della Lampare-Merida, Simon Clarke della Cannondale, e poi i “soliti noti” come Alejandro Valverde della Movistar, Vincenzo Nibali dell’astana, Michael Kwiatkowski del Team Sky. Non è nemmeno escluso che si possa chiudere con una volata e che dunque possa spuntarla un velocista.

La tappa di oggi si può seguire interamente in diretta tv su RaiSport 1, non essendoci lo spostamento su Raitre come è successo nei giorni scorsi. Lo streaming si può guardare sul sito ufficiale di RaiSport.

Tirreno-Adriatico 2016, 4a tappa: altimetria di Montalto di Castro-Foligno


Altimetria quarta tappa Tirreno-Adriatico 2016

In alto l'altimetria di tutta la tappa, qui di seguito quella degli ultimi chilometri.

Altimetria ultimi km 4a tappa Tirreno-Adriatico 2016

Tirreno-Adriatico 2016, 4a tappa: planimetria di Montalto di Castro-Foligno


Planimetria 4a tappa Tirreno-Adriatico 2016

Qui in alto la planimetria totale, qui sotto il particolare della partenza

Planimetria partenza Montalto-Foligno Tirreno-Adriatico 2016

e qui il particolare dell'arrivo

Planimetria Arrivo Montalto-Foligno Tirreno-Adriatico 2016

  • shares
  • Mail