Sci | Kilde trionfa nella coppa di SuperG, a St. Moritz bis di Feuz

Sci. Beat Feuz concede il bis e vince anche il SuperG maschile di Sankt Moritz a un giorno di distanza dal primo posto in discesa. Secondi ex aequo i due norvegesi Jansrud e Kilde a soli 10". Il podio basta a quest'ultimo per imporsi nella coppa di specialità con 40 punti di vantaggio sul connazionale e 105 su Svindal. Nulla da fare per l'austriaco Kriechmayr uscito a metà tracciato.

Completano la top 5, il tedesco Sander e il solito Marcel Hirscher, quinto a 49" dal vincitore e già sicuro del quinta coppa del mondo generale. Peter Fill conclude la stagione con un buon sesto posto ma l'altoatesino il suo trionfo se l'è goduto ieri.

Per Kilde, classe 1993, una vittoria che anticipa un futuro da protagonista nelle prossime annate di coppa e conferma lo strapotere della compagine norvegese. Hirscher a parte, gli scandinavi si sono imposti nella coppa di slalom con Kristoffersen e conquistato 20 vittorie in totale grazie anche al contributo di Svindal. Se non si fosse infortunato a Kitzbuhel con Aksel in pista il bottino di podi e coppe sarebbe stato molto più ampio.

Sci | Il SuperG maschile di Sankt Moritz

kilde-superg-st-moritz-17-marzo-2016.jpg

Sci. Stamattina, alle 11.30 (diretta Raisport 1), il SuperG maschile di St.Moritz, decisivo per l'assegnazione della coppa di specialità.

Corsa a tre per il titolo. In testa alla classifica c'è il norvegese Aleksander Kilde con 37 punti di vantaggio sull'austriaco Kriechmayr e 40 sul connazionale Jansrud. Tante le combinazioni possibili sul probabile vincitore con Kilde sicuro della coppa in caso di piazzamento tra i primi due. Gli altri, ovviamente, sono obbligati ad arrivare almeno avanti al norvegese per sperare. Peraltro, nella gara conclusiva della stagione con la start list limitata a soli 23 partecipanti, solo i primi 15 vanno a punti, ulteriore fattore che potrebbe condizionare la classifica finale.

Kilde parte con il pettorale numero 20 e può scendere, alla stregua di Fill ieri in discesa, conoscendo già tempi e risultati dei rivali, una condizione che gli permette di gestire la propria prestazione ed, eventualmente, non cercare la vittoria a tutti i costi. Kriechmayr ha il 18, Jansrud il 16. A mio parere, quest'ultimo è l'avversario più insidioso per Kilde. Lo conferma la bella vittoria cinque giorni fa nel SG casalingo di Kvitfjell.

Tre azzurri al via, Innerhofer, Casse e Fill che si godrà la gara ancora con l'adrenalina in corpo per il trionfo di ieri nella coppa di discesa, un risultato storico per lo sci italiano. Penultimo a partire, Marcel Hirscher che comincia oggi la passerella per la quinta coppa del mondo consecutiva, trofeo vinto matematicamente ieri. A tre gara dal termine, compresa quella di oggi, il distacco di Kristoffersen è di 353 punti, una distanza incolmabile considerando anche che il norvegese non gareggia nelle prove di velocità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail