Pallanuoto, Preolimpico 2016: Italia batte Olanda 11-5 e consolida il primo posto

pietro-figlioli-pallanuoto-italia.jpg

Pallanuoto. Preolimpico 2016. L'Italia batte nettamente l'Olanda 11-5, si qualifica ai quarti e torna in testa nel girone B. Vincendo domani con la Germania, gli azzurri affronterebbero la quarta del girone A ovvero Romania o Russia che, domani, spareggeranno nel confronto diretto per il passaggio alla seconda fase.

Inizio degli azzurri diametralmente opposto a quello di ieri con la Spagna. Il Settebello va subito sopra di due gol con Nora e Figlioli a metà tempo (2-0). La determinazione dell’Italia emerge ulteriormente con il contropiede di Figlioli che sigla il 3-0 solo davanti al portiere olandese. Gli ospiti tremano di nuovo con la traversa di Bodegas ma riescono ad accorciare le distanze con Van der Berselaar (3-1). Nel finale ci provano Presciutti e Bodegas ma invano

Nel secondo quarto, passa un minuto e Figlioli mette a referto il gol della tripletta personale (4-1). L'Olanda si riporta immediatamente in carreggiata con Winkelhorst che sfrutta la prima occasione in superiorità numerica (4-2). Un'ingenuità di Bodegas che non esce dopo l'espulsione costa il rigore agli azzurri. Trasforma Lindhout (4-3). Ci pensa Baraldi a riportarci in doppio vantaggio concretizzando un assist al volo di Nora (5-3).

Poco dopo Luongo fallisce una comoda opportunità. Completamente libero davanti al portiere, l'attaccante azzurro prova la giocata a effetto e viene stoppato. Non sbaglia, invece, Lindhout che sorprende Tempesti in diagonale a due dal termine (5-4). Immediata la reazione azzurra con il 6-4 siglato in girata da Aicardi. Fioccano le reti. Il 7-4 per il Settebello lo segna Giorgetti con uno splendido pallanetto che si spegne all'angolino. L'inerzia favorevole agli azzurri prosegue con il poker di Figlioli per l'8-4, punteggio con cui si conclude la frazione precedente l'intervallo.

Nella seconda parte di match, l'Olanda svanisce in fase offensiva e l'Italia incrementa il gap con Presciutti e Giorgetti. Missione compiuta. Ora domani con la Germania dobbiamo completare la prima parte dell'opera.

Preolimpico 2016 | Italia-Olanda

italia-olanda-pallanuoto-preolimpico-2016.jpg

Pallanuoto. Preolimpico 2016. Stasera, alle 20.30, l'Italia sfida l'Olanda nella quarta giornata del gruppo B.

Contrariamente alle previsioni della vigilia, il match contro gli orange potrebbe essere decisivo per il primato del girone. L'Olanda, già certa del passaggio alla seconda fase, è in testa a punteggio pieno grazie alle vittorie con Spagna, Germania e Kazakhstan. L'Italia, la cui qualificazione ai quarti è quasi al sicuro, insegue in seconda posizione (2V;1P) a pari merito con gli iberici che, ieri, ci hanno sconfitto 8-9. La Germania è quarta e oggi dovrebbe avanzare ai quarti battendo il debole Kazakhstan.

In base al cervellotico regolamento della competizione, per tornare al comando del girone e conservare il primato in vista del quarto di finale decisivo per la qualificazione olimpica, l'Italia deve battere stasera l'Olanda con almeno due gol di scarto e vincere, domani, contro la Germania con qualsiasi risultato. Ogni altro scenario condannerebbe il Settebello a una posizione di rincalzo.

Nonostante il ko con la Spagna e il rendimento al di sopra delle aspettative dell'Olanda, battere gli orange, anche con discreto margine, è un obiettivo ampiamente alla portata degli azzurri. Per raggiungerlo il Settebello non deve ripetere le incertezze palesate ieri con la Spagna con una difesa troppo poco efficace in inferiorità numerica e una resa offensiva non costante per l'intera durata del match.

Non affrontiamo l'Olanda da cinque anni. Del resto, la mancata qualificazione dei Tulipani alle recenti edizioni di Olimpiadi e Mondiali ha precluso la possibilità di confronti diretti. Un dato quest'ultimo che conferma la scarsa esperienza internazionale della pallanuoto olandese.

Per seguire la partita in tv, bisogna sintonizzarsi su Raisport 1 o sul sito raisport.rai.it per la diretta streaming, gratuita, dell'evento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail