Giro del Trentino 2016, 2a frazione: tappa e maglia per Landa | Video

Sul primo arrivo in salita si è subito messo in evidenza il basco.

Se la prima giornata del Giro del Trentino 2016 ha sorriso all’Astana, vincitrice della cronosquadre e proprietaria della Maglia Ciclamino con Valerio Agnoli, la seconda è stata invece marcata dal Team Sky che con il suo capitano Mikel Landa si è aggiudicato tappa e maglia nella frazione partita da Arco e arrivata ad Anras, in Austria, la più lunga di tutta la corsa con i suoi 220 km.

Landa è stato il più bravo nella salita finale di seconda categoria e ha staccato di 4” il suo inseguitore più agguerrito, Sergey Firsanov della Gazprom RusVelo che già quest’anno si è distinto alla Settimana Internazionale Coppi e Bartali, mentre Damiano Cunego della Nippo-Vini Fantini si è piazzato al terzo posto con 13” di distanza. Il migliore degli Astana è stato Michele Scarponi che si è piazzato al dodicesimo posto con 26” di ritardo e ora è quarto in classifica generale a +22”.

Nella tappa di oggi ci sono stati molti attacchi fin dall’inizio, ma sono due i tentativi di fuga degli di nota: il primo, partito al km 11, con protagonisti Antonio Nibali della Nippo-Fantini, Diego Rubio della Caja Rural, Davide Leone della D’Amico-Bottecchia, Gian Marco Di Francesco della MG.Kvis, Alexandr Kolobnev della Gazprom RusVelo, e Florian Schipflinger della Tirol Cycling Team. Questo gruppetto è stato però ripreso una decina di chilometri dopo. Al km 35 è partita un’altra fuga con Nicola Gaffurini della MG.Kvis, Giacomo Berlato della Nippo-Fantini, Alexander Foliforov della Gazprom-RusVelo, Cristian Rodriguez della Southeast-Venezuela, Favio Cardoso Santos della selezione brasiliana, Sebastian Schönberger della Tirol Cycling Team e José Mendes della Bora-Argon 18. Questo nuovo gruppetto ha mantenuto un vantaggio medio di due minuti dal plotone principale tenuto sotto controllo principalmente dal Team Sky.

Ai -15 km la fuga è finita, anche se José Mendes ha provato a resistere da solo per un altro po’, ma senza fortuna. Prima della salita finale le squadre dei big si sono date battaglia e negli ultimi chilometri sono stati proprio Landa, Firsanov più Tanel Kangert dell’Astana a mettersi in evidenza, più Egan Beral dell’Androni-Sidermec e Domenico Pozzovivo dell’AG2R La Mondiale al loro inseguimento. Sulla salita finale, però, il basco ha prevalso e solo Firsanov è riuscito a tenere il suo ritmo, ma anch’egli si è dovuto arrendere rimediando un distacco di 4”.

Mikel Landa è ora leader anche della classifica degli scalatori, mentre Giulio Ciccone della Bardiani CSF, che oggi è arrivato quarto ed è sedicesimo in classifica generale, è il migliore tra gli under 25.

Mikel Landa al Giro del Trentino 2016

Questi i primi dieci al traguardo della seconda tappa:
1) Mikel Landa (Sky) 5h 18’ 12”
2) Sergey Firsanov (Gazprom-RusVelo) +4"
3) Damiano Cunego (Nippo-Fantini) +13"
4) Giulio Ciccone (Bardiani-CSF) +14"
5) Jakob Fuglsang (Astana) +14"
6) Simone Andreetta (Bardiani-CSF) +14"
7) Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) +14"
8) Domenico Pozzovivo (Ag2r La Mondiale) +14"
9) Patrick Konrad (Bora-Argon 18) +14”
10) Emanuel Buchmann (Bora-Argon 18) +14”

E queste le prime dieci posizioni della classifica generale:
1) Mikel Landa (Sky)
2) Jakob Fuglsang (Astana) +10"
3) Sergey Firsanov (Gazprom-RusVelo) +15"
4) Michele Scarponi (Astana) +22"
5) Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) +24"
6) Domenico Pozzovivo (Ag2r La Mondiale) +24"
7) Patrick Konrad (Bora-Argon18) +26"
8) Emanuel Buchmann (Bora-Argon18) +26"
9) Tanel Kangert (Astana) +28”
10) Vincenzo Nibali (Astana) +28”

Foto © Giro del Trentino 2016

  • shares
  • Mail