Giro di Romandia 2016: Froome vince la tappa regina, Quintana sempre leader | Video

Domani la quinta e ultima tappa con arrivo per velocisti a Ginevra.

Nella quarta e penultima tappa del Giro di Romandia 2016 è arrivato il riscatto di Chris Froome. Il capitano del Team Sky, che è andato in difficoltà nella prima tappa con arrivo in salita ed è così uscito presto fuori dai giochi per la classifica finale, oggi ha tirato fuori la zampata del campione, di colui che ha vinto il Tour de France due volte negli ultimi tre anni, ed è così andato a conquistare la tappa regina di questa breve corsa a tappe che si conclude domani. La frazione rimasta è appannaggio dei velocisti, per questo sembra ormai in cassaforte la vittoria della classifica generale da parte di Nairo Quintana, il colombiano della Movistar che oggi è riuscito a controllare e ha perso solo pochi secondi rispetto a Thibaut Pinot della FDJ, che è arrivato terzo e ha ottenuto qualche secondo di abbuono, mentre Ion Izagirre si è piazzato secondo togliendo secondi agli avversari e aiutando il suo capitano Quintana.

La tappa di oggi da Conthey a Villers sur Ollon, lunga 172,7 km e caratterizzata da cinque gran premi della montagna, di cui due di terza e due di prima categoria, è stata resa ancor più complicata dalla pioggia. Nei primi chilometri si è staccato un gruppo di undici uomini, ma solo tre di loro sono riusciti a guadagnare un vantaggio significativo rispetto al plotone: si tratta di Pavel Kochetkov del Team Katusha, Sander Armée della Lotto-Soudal e Bob Jungels dell’Etixx-Quick Step, questi ultimi due già protagonisti delle precedenti tappe. Per qualche chilometro Joe Dombrowski della Cannondale, Tobias Ludvigsson del Team Giant-Alpecin e Ivan Rovny della Tinkoff si sono messi all’inseguimento dei tre battistrada, ma non sono riusciti a raggiungerli.

In vista delle ultime due salite il gruppo si è fatto avanti e solo Jungels ha retto qualche chilometro in più rispetto agli altri fuggitivi, poi anch’egli ha dovuto alzare bandiera bianca, perché nel frattempo Froome, approfittando del fatto di non essere un osservato speciale in quanto fuori dalla top-ten della classifica generale, ha attaccato e alla sua ruota è rimasto solo Teajay Van Garderen, capitano della BMC. I due hanno proceduto d’accordo per parecchio e hanno guadagnato un discreto vantaggio di oltre un minuto, mentre dietro gli uomini di classifica si sono dati battaglia.

Sull’ultima salita Froome è rimasto da solo perché Van Garderen non ha più retto il suo ritmo. Il britannico, senza strafare, ha proceduto con regolarità ed è riuscito ad arrivare da solo al traguardo con 4” di vantaggio sugli inseguitori che hanno combattuto tra loro per gli abbuoni, con Izagirre che ha vinto lo sprint a ranghi ridotti davanti a Thibaut Pinot.

Izagirre resta leader della classifica a punti con sei lunghezze in più del francese, mentre Quintana, oltre che della classifica generale, è leader anche di quella del re della montagna con due punti in più di Sander Armée e sei in più di Chris Froome. Purtroppo oggi Davide Formolo della Cannondale è uscito dai giochi per la maglia bianca del miglior giovane, essendo arrivato 58” con un ritardo di 15’ 37”. Il miglior under 25 è Pierre Latour dell’AG2R La Mondiale.

Chris Froome vince la tappa regina del Giro di Romandia 2016

Questi i primi dieci al traguardo della tappa regina:
1) Chris Froome (Team Sky) 4h 44’ 24”
2) Ion Izagirre (Movistar) +4”
3) Thibaut Pinot (FDJ) +4”
4) Ilnur Zakarin (Team Katusha) +4”
5) Nairo Quintana (Movistar) +4”
6) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) +4”
7) Alberto Rui Costa (Lampre-Merida) +4”
8) Rigoberto Uran (Cannondale) +4”
9) Tejay Van Garderen (BMC) +9”
10) Simon Spilak (Team Katusha) +9”

E queste le prime posizioni della classifica generale quando manca solo una tappa:
1) Nairo Quintana (Movistar) 12h 07’ 03”
2) Thibaut Pinot (FDJ) +19”
3) Ion Izagirre (Movistar) +23”
4) Ilnur Zakarin (Team Katusha) +26”
5) Tom Dumoulin (Team Giant-Alpecin) +57”
6) Alberto Rui Costa (Lampre-Merida) +1’ 12”
7) Simon Spilak (Team Katusha) +1’ 16”
8) Mathias Frank (IAM) +1’ 16”
9) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) +1’ 24”
10) Tejay Van Garderen (BMC) +1’ 27”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail