Rio 2016, l’ultimo tedoforo Vanderlei de Lima: il maratoneta aggredito ad Atene 2004 (Video)

Nel 2004 ha vinto il bronzo nella maratona, ma fu aggredito da un folle durante la gara.

Tutti si aspettavano Pelé, simbolo incontrastato dello sport brasiliana, e invece ad accendere il braciere è stato Vanderlei Cordeiro de Lima, ex maratoneta, ricordato soprattutto per un episodio bizzarro che lo vide protagonista ad Atene 2004 e che potete vedere nel video in alto: durante la maratona era primo, anche se stava per essere raggiunto dagli avversari, tra cui l’italiano Stefano Baldini che andò poi a vincere l’oro. Il brasiliano scivolò in terza posizione anche a causa dell’aggressione che subì, durante la corsa, al km 35, da un ex prete irlandese di nome Neil Horan. Memorabile la faccia di Vanderlei De Lima quando vide quell’uomo scagliarsi contro di lui. Arrivò allo stadio tra gli applausi e conquistò la medaglia di bronzo dimostrando una incredibile perseveranza e forza d’animo che lo portò a superare subito quel brutto episodio e a continuare la sua corsa restando in lotta per il podio. In seguito venne anche premiato con la medaglia Pierre de Coubertin per la sportività.

Vanderlei de Lima ha avuto l’onore di essere l’ultimo tedoforo, ha ricevuto la fiaccola dall’ex giocatrice di basket Hortência Maria de Fátima Marcari, che a sua volta l’aveva avuta dal grande ex tennista Gustavo “Guga” Kuerten, e ha così acceso il braciere diventando protagonista del momento in assoluto più emozionante di tutta la cerimonia d’apertura.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail