Volley, Antonio Valentini (vice Blengini) a Blogo: "A Rio fatto un grande lavoro"

L’Italia del volley è stata una delle più belle soddisfazioni azzurre alle Olimpiadi di Rio. La nazionale di Gianlorenzo Blengini ha conquistato una medaglia d’argento che vale quanto un oro se si considerano i valori messi in campo dagli atleti azzurri. La finale purtroppo persa contro il Brasile ha chiuso sostanzialmente un biennio nel quale il ct ha svolto un grande lavoro per la ricostruzione principalmente di una mentalità vincente.

Sempre al suo fianco, Antonio Valentini, 26 anni di Vibo Valentia. Il vice allenatore della Tonno Callipo ha ricoperto il ruolo di scout-man per la nazionale italiana di volley. Valentini è sostanzialmente il “tattico” di Blengini, con il quale ha iniziato una collaborazione proprio a Vibo qualche stagione fa. Nel suo curriculum anche una collaborazione con Julio Velasco, prima con l’Iran poi con l’Argentina. Nonostante sia ancora giovanissimo, può vantare la partecipazione ad una World League, un Mondiale e appunto un’Olimpiade, dalla quale è rientrato con una medaglia d’argento al collo. Ecco l’intervista esclusiva rilasciata da Valentini a Blogo.

Ci puoi raccontare nello specifico cosa comporti il ruolo di scout-man: come e quanto lavori prima di ogni match?

"Il ruolo dello scout man consiste nell'analizzare i dati statistici della propria squadra e di quelle avversarie. Si tratta generalmente di un lavoro abbastanza lungo, tuttavia nelle competizioni internazionali bisogna ottimizzare i tempi, dato che tra una partita ed un'altra trascorre solo un giorno".

Quanto è stato difficile ricostruire con Blengini una “mentalità vincente” nel gruppo azzurro?

"Negli ultimi due anni Blengini ha sicuramente svolto un ottimo lavoro e i giocatori lo hanno costantemente seguito. Nonostante le difficoltà il buon lavoro ha pagato".

Vice allenatore alla Tonno Callipo e scout-man in nazionale. Come coniughi i due impegnativi incarichi?

"Non è stato sicuramente semplice, visto il poco tempo disponibile per conciliare i diversi impegni lavorativi, anche con quelli personali. Mi ritengo però fortunato dell'opportunità che mi è stata data, e nonostante i sacrifici fatti ne è valsa sicuramente la pena".

Antonio Valentini - volley - Italia

Ci racconti qualche retroscena dell’argento di Rio 2016?

"Non si sono verificati particolari retroscena. Mi ha piacevolmente colpito la serenità con cui il gruppo ha affrontato una competizione difficile come l'Olimpiade".

Che ambizioni ha quest’anno Vibo visto il ritorno nella massima serie?

"Sono contento del ritorno in Superlega della Tonno Callipo. A mio avviso, è stata allestita una buona squadra, anche se parte dei giocatori sarà alla prima esperienza in Superlega. Spero che anche quest'anno ci sia un forte sostegno da parte del pubblico calabrese".

Intervista di Mirko Nicolino e Lucia Resta

  • shares
  • Mail