Volley, Simone Buti campione di solidarietà: la maglia della finale olimpica all’asta per i terremotati

La nazionale di volley ha già donato 50mila euro ai terremotati.

I pallavolisti azzurri, argento alle Olimpiadi di Rio 2016, continuano a dimostrare di essere campioni anche fuori dal campo. Dopo aver donato 50mila euro, ossia l’intero premio ricevuto dalla Fondazione Agnelli per essere stati votati tra le tre medaglie più emozionanti, la nazionale italiana di pallavolo maschile si distingue ancora una volta. In questo caso è un singolo giocatore a fare un grandissimo gesto. Si tratta di Simone Buti, che non a caso è vice-capitano, che ha utilizzato tutti i cimeli della sua avventura olimpica per raccogliere fondi da destinare ai terremotati.

E il più prezioso dei suoi cimeli, ossia la maglia che ha indossato nella finale olimpica Italia-Brasile, è stato messo all’asta su e-bay e vi resterà fino al 10 settembre. Ci sono state già 72 offerte mentre scriviamo e il valore della maglia è giustamente destinato a salire. Buti ha fatto tutto da solo, ha messo direttamente lui la maglia su e-bay e ha scritto l’annuncio e ha anche detto che lascerà decidere a chi la acquisterà se sulla maglia vuole anche l’autografo oppure no.

Ieri sera, intanto, a Fucecchio, nella contrada della Torre, dove è nato e cresciuto, Buti è stato accolto da centinaia di suoi compaesani che aspettavano di festeggiare con lui lo straordinario successo ottenuto a Rio. E anche in questo caso Buti ha colto l’occasione per aiutare i terremotati: durante la cena in piazza San Gregorio ha organizzato una lotteria usando come premi i suoi cimeli dell’avventura azzurra e all’asta la maglia usata in Giappone nella Word Cup, manifestazione in cui l’Italia, classificandosi seconda, ha ottenuto la qualificazione a Rio 2016. Tutto il ricavato andrà ai terremotati del Centro Italia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail