Tour of Britain 2016, terza tappa: impresa di Stannard, che fuga! Ruffoni quarto | Video

La Maglia Gialla resta a Julien Vermote.

Ian Stannard è stato il grande protagonista della tappa odierna del Tour of Britain 2016, la terza da Congleton a Tatton Park (Knutsford), lunga 179,4 km. Il corridore del Team Sky è stato in fuga tutto il giorno con altri tre uomini, poi a una quarantina di chilometri dall’arrivo ha staccato tutti ed è arrivato al traguardo da solo con quasi sei minuti di vantaggio sul plotone principale.

Il britannico, comunque, aveva oltre 13’ di ritardo in classifica generale, e dunque nonostante l’exploit di oggi resta fuori dalla top-ten che è sempre guidata da Julien Vermote dell’Etixx-Quick Step, vincitore della tappa di ieri. Sul podio di giornata altri due britannici: Graham Briggs della JLT Condor e Kristian House della One Pro Cycling, anch’essi protagonisti della fuga.

Il ritmo della tappa oggi è stato altissimo fin dai primi medi. La fuga è partita quasi subito, animata proprio da Stannard, House e Briggs più Mathew Cronshaw della Madison Genesis, mentre Jack Bauer della Cannondale-Drapac si è messo a inseguirli, ma è stato poi preso e superato da Damien Shaw dell’An Post-Chain Reaction. Il vantaggio massimo dei battistrada è stato di 6’ 40” e si è attestato su questo distacco per gran parte della corsa.

Sul secondo gpm, a Brickworks, Cronshaw non è riuscito a reggere il ritmo degli altri tre battistrada e ha perso terreno, non riuscendo più a tornare nel gruppetto di testa della corsa. A 50 km dal termine il vantaggio dei fuggitivi era ancora di 6’ 30” e la Dimension Data di Steve Cummings si è messa a lavorare duramente in testa al gruppo, scomodando anche Mark Cavendish. Nel frattempo ci sono stati problemi di forature sia per Elia Viviani del Team Sky, sia per la Maglia Gialla Julien Vermote dell’Etixx-Quick Step, che hanno poi dovuto faticare non poco per tornare in gruppo, visto il ritmo sempre piuttosto alto.

Sull’ultima salita i battistrada hanno scollinato con 6’ 40” di vantaggio a 45 km dal termine e subito dopo Stannard ha attaccato ed è andato via da solo, dando vita a una sorta di cronometro individuale perché ha corso a tutta, tanto da incrementare il vantaggio sul gruppo, facendolo salire a oltre 7’ 30”, mentre House e Briggs hanno perso subito oltre un minuto rispetto al corridore del Team Sky.

Negli ultimi chilometri, con Stannard che riusciva a tenere il suo vantaggio oltre i sette minuti, è stata l’Etixx-Quick Step a prendere il comando delle operazioni in testa al plotone, per controllare e difendere la Maglia Gialla di Julien Vermote. Briggs e House sono arrivati sul podio, mentre lo sprint del gruppo se lo è aggiudicato Nicola Ruffoni della Bardiani-CSF davanti a Danny Van Poppel del Team Sky.

Ian Stannard ha vinto la terza tappa del Tour of Britain 2016

Questi i primi dieci oggi al traguardo:
1) Ian Standard (Team Sky) 4h 14’ 12”
2) Graham Briggs (JLT Condor) +1’ 46”
3) Kristian House (One Pro Cycling) +1’ 46”
4) Nicola Ruffoni (Bardiani-CSF) +5’ 43”
5) Danny Van Poppel (Team Sky) +5’ 43”
6) Ramon Sinkeldam (Team Giant-Alpecin) +5’ 43”
7) Christopher Latham (Team Wiggins) +5’ 43”
8) Rick Zabel (BMC) +5’ 43”
9) Dylan Van Baarle (Cannondale-Drapac) +5’ 43”
10) Luka Mezgec (Orica-BikeExchange) +5’ 43”

E queste le prime posizioni della classifica generale dopo tre tappe:
1) Julien Vermote (Etixx-Quick Step)
2) Stephen Cummings (Dimension Data) +6”
3) Daniel Martin (Etixx-Quick Step) +1’ 04”
4) Ben Swift (Team Sky) +1’ 08”
5) Xandro Meurisse (Wanty-Groupe Gobert) +1’ 08”
6) Tony Gallopin (Lotto-Soudal) +1’ 08”
7) Dylan Van Baarle (Cannondale-Drapac) +1’ 12”
8) Guillaume Martin (Wanty-Groupe Gobert) +1’ 12”
9) Tom Dumoulin (Team Giant-Alpecin) +1’ 12”
10) Nicolas Roche (Team Sky) +1’ 16”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail